sabato 03 dicembre | 12:42
pubblicato il 13/set/2016 18:27

Cantiere manovra, dalle pensioni alla voluntary oltre 25 mld

Il governo punta all'equità e alla crescita

Cantiere manovra, dalle pensioni alla voluntary oltre 25 mld

Roma, 13 set. (askanews) - La prossima legge di Bilancio inizia a prendere corpo, almeno nelle strategie e nei grandi capitoli. Nelle intenzioni del governo la prossima manovra sarà caratterizzata da interventi a favore dell'equità (pensioni e partite Iva) e da azioni per dare slancio a una crescita economica asfittica, che risente anche di una debole congiuntura internazionale.

Negli ultimi giorni il premier, Matteo Renzi, e il ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan, hanno fornito alcuni elementi di dettaglio sulla prossima manovra che sarà varata dal governo entro metà ottobre. I numeri sono ancora ipotesi ed esercizi ma il complesso della legge di bilancio è destinato a superare di slancio l'asticella 25 miliardi di euro.

Comporre il puzzle non sarà semplice, anche alla luce della frenata dell'economia che porterà, come annunciato dallo stesso Padoan, ad un ridimensionamento delle stime di crescita.

Il titolo economico più rilevante della prossima legge di Bilancio è la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia che vale 15 miliardi. Poi ci sono le pensioni. Dopo il rinvio dell'anno scorso, il governo ha avviato il confronto con i sindacati sul pacchetto previdenza e un'intesa dovrebbe arrivare la prossima settimana. Tra Ape, la quattordicesima agli assegni più bassi, la ricongiunzione non onerosa si tratta di un pacchetto intorno ai 2 miliardi di euro. Sul tema perplessità e riserve arrivano dalla Cgil.

C'è poi il capitolo del rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici, fermo dal 2008. Solo per recuperare l'inflazione servono circa 1,2 miliardi di euro rispetto ai 300 milioni già stanziati. Il premier ha poi annunciato un intervento a favore del popolo delle partite Iva con un bonus contributivo per gli autunomi da circa mille euro.

Sul fronte degli stimoli per dare vigore alla crescita diverse le misure allo studio, tra la conferma di quelle già in vigore e l'introduzione di nuovi interventi come il piano per Industria 4.0. Certamente verrà rivista la composizione delle varie misure. Il ministro Padoan ha indicato che le risorse disponibili saranno mirate per favorire la crescita. Il premier ha annunciato la conferma e il possibile rafforzamento del superammortamento al 140% introdotto nell'ultima stabilità. Si parla di un innalzamento al 160% o addirittura al 200% con un onere per le casse dello Stato superiore a un miliardo nella seconda ipotesi.

Il governo ha confermato la volontà di rafforzare la detassazione del salario di produttività, venendo incontro alle richieste di Confindustria e di gran parte del sindacato. La misura in vigore riguarda 2.500 euro l'anno fino a redditi entro i 50mila euro. Il rafforzamento della misura potrebbe arrivare fino a 5mila euro per redditi entro 70-80mila euro l'anno. Costo della detassazione intorno ai 700 milioni di euro. C'è poi l'esonero contributivo per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato. L'anno scorso la misura è costata oltre 2,2 miliardi ma per il 2016 l'agevolazione è stata ridotta al 40% e per un solo biennio per un costo che dovrebbe sfiorare il miliardo. Tra le ipotesi una nuova riduzione dell'incentivo alle assunzioni, anche se all'interno del Pd non sono pochi coloro che propongono un innalzamento dello sgravio contributivo sulle nuove assunzioni.

Nella prossima manovra comparirà inoltre il piano Industria 4.0. Secondo indiscrezioni di stampa il programma prevede risorse pubbliche aggiuntive tra 7 e 10 miliardi spalmabili su otto anni.

Renzi e Padoan hanno anche confermato la riduzione dell'aliquota Ires, l'imposta sul reddito delle imprese, dal 27,5% al 24%, un percorso di riduzione avviato già con l'ultima Stabilità. Per garantire la compatibilità degli interventi, sarà rinviata la riduzione dell'Irpef, come ha annunciato ieri il responsabile dell'Economia sottolineando tuttavia che le tasse continuano a scendere e la pressione del fisco è calata di un punto dal 2013.

Per le coperture non ci sarà un intervento sulla giungla degli incentivi, come ha assicurato in più occasioni il Premier. Le voci saranno ancora spending review, lotta all'evasione e margini di flessibilità da negoziare con Bruxelles. Padoan ha annunciato una nuova voluntary disclousure dalla quale sono ipotizzabili entrate prossime ai 4 miliardi di euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari