domenica 04 dicembre | 07:54
pubblicato il 22/lug/2014 12:13

Camusso: governo usi tutte le risorse per creare posti lavoro

Segretario Cgil: "Bisogna agire per diminuire disoccupazione"

Camusso: governo usi tutte le risorse per creare posti lavoro

Roma, (askanews) - "Bisogna dedicare tutte le risorse e tutte le energie a creare posti di lavoro". Lo ha detto il segretario della Cgil, Susanna Camusso, in occasione del presidiodei sindacati a piazza Montecitorio sui temi del lavoro e, in particolare, per sollecitare il governo al rifinanziamento degli ammortizzatori in deroga."Al governo - ha aggiunto Camusso - chiediamo di cambiare il passo sui temi del lavoro, di trovare le risorse per finanziare gli ammortizzatori in deroga a partire dalla mobilità e dalla cassa integrazione, di finanziare il 2013 e di preparare i finanziamenti per il 2014, di non restringere i criteri perchè non possiamo immaginare chiusure di imprese e licenziamenti come prospettiva. Ma insieme - ha proseguito - gli diciamo anche che bisogna agire per diminuire la disoccupazione e creare lavoro e che il finanziamento dei contratti di solidarietà, dei contratti di solidarietà espansivi e l'intervento sulla legge Fornero sono essenziali per immaginare che i numeri non continuino ad aumentare da 3 milioni in su ma si cominci ad invertire la tendenza".

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari