mercoledì 22 febbraio | 05:00
pubblicato il 08/set/2014 18:10

*Camusso: governo non ha coraggio, basta prendersela col lavoro

"Per realizzare cambiamenti straordinari rompere poteri" forti (ASCA) - Roma, 8 set 2014 - Il leader della Cgil, Susanna Camusso, imputa al governo Renzi "mancanza di coraggio". Intervenendo a una iniziativa per ricordare la figura del dirigente della Cgil Arvedo Forni, scomparso nel luglio scorso, Camusso ha sottolineato che "se vuoi effettuare cambiamenti straordinari devi avere il coraggio di rompere i poteri (forti, ndr) e non pigliarsela col lavoro".

Secondo il numero uno della Cgil "quando non si trova un soggetto per se' e non si riesce a fare le cose si cerca un colpevole. E in questa stagione il colpevole e' il lavoro, che non permette al mondo di evolversi". Camusso ha inoltre ricordato che "una organizzazione sindacale ha sempre un progetto e un'idea per il paese e non va avanti con improvvisazione giorno per giorno. Puo' sembrare estremamente innovativo cambiare tutto. Ma un minuto dopo quale societa' hai disegnato? Con quale livello di equita' e giustizia?".

Vis/Sar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia