sabato 25 febbraio | 17:23
pubblicato il 30/mag/2015 19:16

Camusso: è Marchionne che deve ringraziare lavoratori

Uomini soli al comando è idea che non funziona

Camusso: è Marchionne che deve ringraziare lavoratori

Bologna, 30 mag. (askanews) - Non bisogna ringraziare l'amministratore delegato di Fca, Sergio Marchionne, perché crea nuovi posti di lavoro come ha detto oggi il premier Renzi da Trento. "E' lui che dovrebbe ringraziare i lavoratori". Per il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, "l'idea che ci siano sempre degli uomini soli al comando che risolvono tutti i problemi non funziona".

"Credo che l'amministratore delegato della Fiat dovrebbe ringraziare i lavoratori della Fiat - ha detto Camusso a margine della festa della Cgil di Bologna - sia quando gli hanno permesso un risanamento quando diventò amministratore delegato attraverso numerosi accordi, sia per i tanti sacrifici che hanno fatto, in termini di cassa integrazione e di cambiamento dei metodi di lavoro".

"Questa idea che ci siano sempre degli uomini soli al comando che risolvono tutti i problemi e determinano la crescita non funziona" ha aggiunto il segretario della Cgil.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Volkswagen
Volkswagen, torna in utile nel 2016 per 5,1 mld dopo dieselgate
Generali
Intesa Sanpaolo: non individuate opportunità su Generali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech