martedì 06 dicembre | 17:14
pubblicato il 22/ago/2013 09:08

Cambi: volatilita' ancora bassa (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 22 ago - I mercati che ieri abbiamo definito ''d'estate'' continuano a mantenere questa accezione, e non ci riferiamo naturalmente alla mera questione stagionale quanto piu' alle caratteristiche che nei prezzi permangono dal punto di vista della volatilita' che li muove e quindi delle escursioni medie giornaliere in maniera indistinta sul valutario come sull'azionario e le materie prime. Le Minute della Fed. L'evento catalizzatore e in grado di rompere gli equilibri di questi giorni avrebbe potuto essere quello di ieri sera, relativo cioe' alle Minute della Fed che rappresenta il documento di sintesi degli incontri del Federal Open Market Committee (il braccio di politica monetaria della Fed) e che offre un dettagliato resoconto degli incontri dei governatori dei diversi distretti della Banca Centrale degli Stati Uniti. Come ci aspettavamo pero', esso si e' rivelato un non evento e per la verita' ne sussistevano tutti gli elementi affinche' fosse cosi'. Significativi avrebbero potuto essere ulteriori dettagli, in relazione soprattutto a precisi orizzonti temporali, circa l'oramai certa riduzione dell'attuale Quantitative Easing che prevede l'acquisto di titoli per 85 miliardi di dollari al mese. Tali sviluppi non si sono verificati ed e' invece emersa una sostanziale divisione all'interno del Board circa la tempistica di quest'intervento, con alcuni ''falchi'' che auspicherebbero una mossa a settembre e le ''colombe'' che invece sono rivolte verso la fine dell'anno e l'inizio di quello venturo. Cio' che e' certo e' che tutti concordano per la fine non troppo differita nel tempo degli acquisti massicci di asset e naturalmente sul fatto che i tassi resteranno ancora bassi fino al target di disoccupazione prefissati (7%). I percentili di volatilita' ancora bassi. Se si ricerca una ragione tecnica che spieghi la sostanziale lateralita' dei prezzi e quindi l'assenza di movimenti direzionali, una tabella su tutte puo' chiarire il concetto e cioe' quella relativi ai percentili di volatilita' che prezzano le opzioni scritte sui tassi di cambio. Come facilmente osservabile, ci troviamo su livelli che nel migliore dei casi arrivano al 50% come nel caso del cambio aud/usd che in effetti e' quello che sta facendo registrare i movimenti di prezzo piu' significativi (vedi anche quanto avvenuto questa notte sulla pubblicazione sul PMI Manifatturiero della Cina). La volatilita', che definisce il grado di variazione dei prezzi nel tempo misurato come scostamento da un valore medio, e' il fattore che in definitiva concorre nel muovere le diverse price action e soprattutto e' il propellente per movimenti direzionali che quindi da un punto di vista tecnico vadano a squilibrare la dinamica tra compratori e venditori e porti a violare dei livelli grafici affinche' l'equilibrio tra gli attori del mercato vada a riallinearsi su un altro livello tecnico di prezzo. Come ben osservabile i valori restano molto ridotti ed e' lecito aspettarsi oggi un mercato molto simile a quello visto nei giorni scorsi con possibilita' di fiammate in coincidenza con l'Indice PMI dei Direttori d'Acquisto nell'area Euro previsto per le 11 di questa mattina e delle 14,30 con le Vendite al Dettaglio del Canada e le richieste dei sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ai quali seguira' alle 15 l'Indice PMI Manifatturiero a stelle e strisce. QUADRO TECNICO. EurUsd: Segni di cedevolezza per il cambio principe che dopo aver costantemente ''sentito'' quota 1,34 e' poi sceso per rompere il supporto a 1,3380 ed e' andato a ricercare quota 1,3340 avvalorando il pattern di divergenza regolare ribassista con l'oscillatore stocastico che ieri evidenziavamao sul grafico a 4 ore. Proprio su questo timeframe e' ancora ben chiaro il canale rialzista che insiste da oltre un mese nel contenere il prezzo e rispetto al quale ci troviamo ora nella parte centrale. Sul grafico orario e' ora apprezzabile un piccolo tentativo di correzione che potrebbe testare le medie mobili esponenziali a 21 e 100 periodi che transitano a 1,3360 per ripartenze al ribasso verso l'1,3310 e 1,3270 in estensione. Un ritorno sopra il pivot point giornaliero e la resistenza statica a 1,3375 riporrebbe 1,3415 e 1,3430 come possibili target. UsdJpy: Bella la risalita del cambio che dopo aver violato la resistenza a 97,85 si e' portato fino a 98,30 con tutte le medie mobili che sul grafico orario sono ben orientate al rialzo per possibili ritracciamenti in area 98 e ripartenze verso 98,45. Se proprio il 97,85 dovesse cedere resta 97,35 il riferimento tecnico principale. EurJpy: le numerose e consecutive pin candle sul grafico daily affermano una volta di piu' la grande incertezza relativa alla price action di questo cross, che resta comunque anche in questa fase relativamente volatile. Sul 4 ore si puo' infatti notare la sequenza di minimi crescenti che vedono in 130,40 la base di supporto e la possibilita' di accelerazioni bullish sopra 131,20 per approdi a 131,80. I ritracciamenti potrebbero riguardare il livello di 130,70 che se violato al ribasso riporterebbe il prezzo proprio a 130,40 sotto il quale vi e' l'area tra 130 e 129,85. GbpUsd: dopo la stucchevole lateralita', con accezione rialzista, del cable negli ultimi due giorni si e' confermato lo scenario ribassista suffragato dalla divergenza ribassista sul grafico a 4 ore ieri osservata. Cio' ha portato alla rottura del canale rialzista nonche' al cedimento dell'ottima media mobile a 21 periodi sul medesimo time frame la quale potrebbe accompagnare ora il prezzo fino all'importante supporto a 1,5515. Sopra area 1,5640 si puo' tornare confidenti verso un rialzo che guardi ai massimi relativi a quota 1,57. AudUsd: il grafico giornaliero del cambio fornisce chiari segnali per la prosecuzione del trend bearish, vista l'estrema precisione del canale ribassista e delle indicazioni cicliche dell'oscillatore stocastico. Sul grafico orario e' di queste ore il test della resistenza a 0,90 e della media mobvile a 21 periodi che, se superati, ci riporterebbero in area 0,9050 dove si inserisce il primo ritracciamento di Fibonacci tracciato a partire il massimo di periodo a 0,9230 fino ai minimi di questa notte. La tenuta di quest'area porrebbe sere basi per ritorni sotto 0,8950. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni