lunedì 05 dicembre | 00:13
pubblicato il 30/mag/2014 08:53

Cambi: valutario volatile, azionario inchiodato (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 30 mag 2014 - Dopo l'ottimo e concertato movimento di dollaro americano in rafforzamento nella giornata di mercoledi', abbiamo ieri assistito ad una giornata nella quale l'assenza di direzionalita' e' invece stato il tema centrale. Un rapido sguardo ai cambi originali, eccezion fatta per l'AudUsd, evidenzia infatti come nel breve siano stati frequenti e nervosi i ''su e giu''' del prezzo, con le difficolta' operative del caso laddove pure i punti tecnici di maggiore rilievo sono comunque stati generalmente rispettati. Ancora invece completamente congestionato l'azionario, come da attese. L'euro sorvegliato speciale. Anche questa mattina dedichiamo parte delle nostre riflessioni all'euro, dal momento che ci avviciniamo sempre di piu' al meeting della Banca Centrale Europea piu' atteso di quest'anno. In attesa del 5 giungo dunque, stiamo ribadendo e concentrando le nostre considerazioni verso quelle che potrebbero essere dunque le auspicate decisioni in materia di politica monetaria attraverso le eventuali misure convenzionali e non. Ieri accennavamo a come un taglio del tasso di rifinanziamento principale di 10/15 punti base appare la decisione piu' verosimile, ma anche quella probabilmente meno efficace e in qualche modo scontata dal mercato; e le vendite di euro alle quali abbiamo assistito in questi giorni, seppure non particolarmente profonde, vanno infatti esaminate nell'ottica di aspettative che stanno andando gia' a scontarsi sul prezzo e che via via vengono metabolizzate dal mercato. Anche se, e va segnalato, prendendo a riferimento il benchmark eurodollaro, ieri e' stato il primo dopo diversi giorni in cui il cambio non e' stato in grado di mettere a segno nuovi punti di minimo se si considera ininfluente un tentativo di qualche misero pip. La seconda possibilita' attiene invece al tasso di deposito, quello cioe' di remunerazione per le banche commerciali quando conservano in seno alla BCE gli eccessi di liquidita' overnight. Al momento questo tasso e' a zero, per cui non vi e' alcun interesse corrisposto per questo tipo di operazione che continua pero' ad essere ampiamente utilizzata in un contesto generale di crisi dove il problema centrale e' la mancanza di fiducia tra gli agenti economici. Meglio dunque, dal punto di vista degli istituti di credito, depositare i fondi al sicuro anche se senza nessun ritorno, piuttosto che prestarli ad un'altra banca che a sua volta vive il rischio di controparte e che quindi e' potenzialmente insolvente. Che poi e' il nodo vero di tutta la crisi del credito che si vive in maniera particolare in Europa. In questi giorni abbiamo disaminato le parole di Mario Draghi il quale come da retorica ha ribadito la centralita' del tema inflazione, naturalmente ritenuta troppo bassa e prolungata al punto da rendere le aspettative sempre piu' ancorate al downside e tale da creare il contesto per quello che e' stato definito un ''asset buying plan'', un acquisto di titoli dunque. Dicevamo ancora come il timore per la pericolosa spirale di inflazione stagnante e di aspettative di inflazione al ribasso abbia dunque riportato in auge il tema del Quantitative Easing della BCE, tema discusso nel meeting di Aprile ma poi completamente dimenticato in quello di Maggio. Ancora una volta noi confermiamo che dal punto di vista di impatto sulle variabili economiche, fermo restando l'assunto per il quale la politica monetaria riesce ad essere efficace nelle situazioni di squilibri momentanei e non per dirimere problematiche strutturali del quadro economico, il QE sarebbe senz'altro la risposta piu' credibile ed efficace all'interno del contesto europeo, oltre che il veicolo per generare veri e propri indebolimenti del valore dell'euro. Difficilmente questo avverra', e laddove qualcosa di simile dovesse palesarsi, evidentemente bisognerebbe comprendere le modalita' di implementazione di tali misure visto che e' impensabile che per statuto, connotazione, e contesto europeo, la BCE possa intraprendere un QE all'americana. Tanto per chiudere il cerchio in questa ennesima riproposizione di considerazioni, il punto e' che l'eurodollaro e' ancora a livelli elevati perche' verosimilmente la politica di ''wait and see'' degli ultimi mesi della BCE a fronte di un deterioramento dell'inflazione e piu' in generale del quadro economico, non ha rafforzato l'idea che l'istituto centrale sia pronta a fare qualsiasi cosa per contrastare in primo luogo la disinflazione. La credibilita' e' in assoluto la caratteristica piu' rilevante per un istituto centrale, come lo dimostra il caso di Bank of Japan, e la BCE potrebbe riacquisirla nel momento in cui davvero lasciasse intendere che e' davvero disposta ed impegnata per l'obiettivo, non solo implementando misure concrete ma perfino con maggiore onesta' sulle previsioni dell'inflazione accettando l'idea di rivederle al ribasso. Gli altri casi potrebbero addirittura dunque favorire nuova forza per l'euro e, ormai lo sappiamo, sarebbe un disastro. Dollaro in esame. Come detto in introduzione, questa settimana si e' vagamente riproposto il tema di un dollaro al centro del mercato e questo per trada il mercato valutario e' davvero una buona notizia: assistere a movimenti correlati in ottica dollaro centrica del tipo dollari comprati contro tutte le altre valute o dollari venduti contro tutte le altre valute fornisce un elemento di analisi non da poco nell'implementare le proprie scelte operative. Sfortunatamente per tutti, ieri questa logica e' subito venuta meno e non vi stata piu' coerenza di movimenti sul fronte biglietto verde, con assenza di direzionalita' di Eurusd, GbpUsd e UsdJpy in particolare, laddove invece solo l'AudUsd e' parso muoversi con una buona dinamica rialzista. Il nostro focus dunque, per quanto non se ne sia mai allontanato, e' posto su questo tipo di contesto che potra' eventualmente potra' trovare conferme e fare di ieri un caso anticipatore. Tecnicamente questo si traduce nell'analisi del benchmark FXCM DJ Dollar Index che tecnicamente si trova ancora in un una fase di correzione, con il canale tracciabile a partire dai minimi dello scorso 8 maggio a 10.370 punti che sta ben contenendo il prezzo e che rappresenta dai fatto appunto una correzione rispetto all'ampio movimento ribassista cominciato il 21 gennaio di quest'anno. Ieri accennavamo a come l'area attorno ai 10.550 punti fosse di grande importanza perche' corrispondente ai primi punti sensibili di ritracciamento per eventuali ripartenze della tendenza principale; nella fattispecie l'area di 10.520 rappresenta il 38,2% di Fibonacci, oltre che zona di passaggio di medie mobili esponenziali a 100 e 200 periodi sul grafico daily. Ieri il quadro ribassista e' dunque tornato in auge, in parte, ma minoritaria, anche grazie al dato sul Pil degli Stati Uniti che su base trimestrale ha fatto segnare un -1,0% rispetto a previsioni di -0,5% ed un dato sulle Abitazioni in Vendita allo 0.4% e dunque ben inferiore alle attese dell'1%. Che sia il preludio ad un arresto del percorso di ''stretta'' della liquidita' da parte della Fed nel momento in cui un player ''antagonista'' come la BCE invece e' prossima forse a implementare misure di alleggerimento quantitativo? Certo, questa domanda ha la diffidenza come presupposto originario, ma le domande obbligano le risposte e quelle difficili impongono risposte altrettanto complesse che quindi stimolano la riflessione. Naturalmente avremo modo di farne nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, con la massima attenzione naturalmente ai livelli tecnici per poi operare sui mercati. QUADRO TECNICO. EurUsd: dunque confermata l'area dei minimi a 1,3590, cosi' come l'ottima impostazione grafica del time frame a 4 ore il quale risulta ancora molto affidabile nel fornire indicazioni ribassiste con l'ottima funzione della media mobile esponenziale a 21 periodi quale resistenza dinamica confermata anche ieri. Ancora una volta in antitesi con la divergenza regolare rialzista tra prezzo e stocastico che mercoledi' appariva in sviluppo e ieri ha trovato tiepide conferme. Ancora una volta dunque il superamento di 1,3620 e' almeno il primo punto da attendere per ingressi long, ed in maniera piu' conservativa 1,3650. Il primo dei due livelli appena citati rappresenta, per l'impostazione tecnica finora offerta, un punto di vendita sempre guardando ad area 1,3575. UsdJpy: onestamente non entusiasmante la price action del cambio che ha prima rotto al ribasso sotto il buon livello di 101,60, per poi rientrare sopra e nuovamente rompere al ribasso in maniera tutt'altro che significativa. Il quadro ribassista, almeno per operativita' intraday, e' ancora quello da preferire con la possibilita' che nuovi test di 101,60 possano portare al primo supporto a 101,35 su cui valutare riacquisti e quindi un perdurare di confusione e lateralita'. Sopra 101,50 e l'area di 101,80/85 quella da guardare, con tutto il RR limitato del caso. Importanti strappi ribassisti condurrebbero invece al livello di 101,10. EurJpy: perfettamente appoggiata sulle media mobile semplice a 200 periodi del grafico giornaliero la price action di questo cross. Valida ancor di piu' dunque l'area di supporto a 138,15, dopo le precise rotture discesiste viste mercoledi' sotto il livello di 138,80, e le successive conferme in area 138,55 anche grazie all'ottima media mobile esponenziale a 21 periodi del grafico a 4 ore. Su quest'ultimo potremmo assistere allo sviluppo di una divergenza regolare rialzista prezzo/stocastico che passerebbe pero' da possibili nuovi minimi sul prezzo prima di svilupparsi. Fondamentale dunque capire la dinamica sui punti di minimo che, se non dovessero spingersi oltre area 138, fornirebbero spunti long verso 138,55. 137,55 il supporto piu' rilevante al ribasso. GbpUsd: come gia' ampiamente accennato, sporca e' stata la dinamica del cable vista ieri. Buona la conferma della soglia di 1,67 quale importante livello statico con l'idea che si possano tentare allunghi rialzisti fino al primo livello di 1,6765, solo dopo 1,6840 che a sua volta offre un ottimo rapporto rischio/rendimento in vendita con stocastico orario in divergenza inversa ribassista per la rivisitazione dei punti di minimo. AudUsd: buona invece la price action del cambio che dopo il breakout di 0,9270 dei giorni scorsi e' poi ottimamente approdato a target a 0,9315. Il grafico orario ci segnala ora una divergenza regolare ribassista prezzo/stocastico che pero' potra' arrestarsi a 0,9315 e al piu' 0,93 prima di nuove ripartenze che si propongono 0,9335 come primo target. Solo sotto 0,93 potremmo ripuntare al livello di 0,9370. Ger30 (Dax): ancora importanti le aree di massimo dunque per l'indice tedesco che ieri ha ancora consolidato, aggiornando pero' i punti di minimo al rialzo. Il grafico orario appare ancora il migliore per seguire la price action grazie all'ottima media mobile esponenziale a 21 pereiodi che, insieme ai punti a 9.930 e 9.920, costituisce buone confluenze grafiche per comprare verso nuovi massimi. Operazione aggressiva in short sarebbe quella di vendere sotto 9.920 per 9.890 che comunque rappresenta il maggior punto di supporto in cui il prezzo potrebbe ricaricarsi al rialzo con stop&reverse verso 9.800. XauUsd (Oro): violata significativamente la dinamica di congestione dell'oro delle ultime settimane con le forti discese che hanno messo in discussione il supporto a 1.268 dollari l'oncia, oltre che violato via via i vari 1.286 e 1.277. Questo quanto avvenuto martedi'. Ma anche mercoledi' le conferme di tecnicalita' sono provenute dal gold, nel momento in cui in questa sede proprio ieri evidenziavamo il livello di 1.269 come punto di potenziale ritracciamento e ripartenza verso area 1.255. Esemplificativa in questo senso la media 21 del grafico orario. Anche ieri quest'ultima ha permesso nuove vendite che pero' non hanno violato significativamente l'area di supporto, da dove sono partiti timidi ritracciamenti. L'orario potrebbe andare in divergenza inversa ribassista con conferme di tenuta a 1.260 e ritorno sui minimi, con 1.247 come target ideale. Primo step in acquisto sopra 1.260 verso 1.267. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). . red/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari