sabato 03 dicembre | 06:07
pubblicato il 18/apr/2013 09:04

Cambi: Usa in ripresa, lo dice il Beige Book (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 18 apr - La situazione in America migliora mentre quella europea e' ancora in stallo, con rischi per la crescita nella seconda meta' del 2013. Il rapporto stilato dal FMI aveva ragione e la conferma ci arriva dalla pubblicazione del Beige Book, redatto grazie ai contributi dei diversi distretti della Federal Reserve americana che hanno visto, chi piu' chi meno, dei miglioramenti dal punto di vista dell'economia reale. La ripresa si sta mostrando con tassi modesti o moderati, a seconda dei distretti, ma c'e', con l'attivita' manifatturiera in miglioramento cosi' come la domanda aggregata, con ancora pero' dei punti interrogativi circa i futuri piani fiscali, sui quali pero' sembra essersi creato un consensus di fondo positivo. La pubblicazione e' avvenuta ieri in serata e non e' andata a produrre movimenti importanti sui mercati, in quanto essa si trovava in linea con le attese degli analisti, soprattutto dopo i forti movimenti di rivalutazione del dollaro americano, di fronte alla vendita delle borse europee, seguita dai futures americani, dopo che sono cominciati a circolare rumors circa un possibile downgrade della Germania. Le materie prime restano sotto pressione e non mostrano grossi segni di correlazione con gli altri mercati, mentre sul valutario il dollaro e' tornato con forza a spolverare lo status di valuta rifugio, anche se su un orizzonte temporale di brevissimo periodo. Non possiamo assumere che tali movimenti possano in qualche modo essere presi come esemplificativi di quello che potrebbe accadere nel futuro, ma quando essi accadono e si protraggono per la giornata, chi lavora sull'intraday (ancora a nostro avviso il modo migliore per sfruttare i movimenti dei mercati, con le uniche eccezioni degli yen giapponesi e dell'oro, sui quali abbiamo ragionato in maniera importante nelle scorse settimane) ha di fronte a se' ottime opportunita' interpretative ed operative. Un'ultima nota relativa al Canada, dove i tassi sono rimasti invariati per l'ennesima volta e dove il governatore della BoC ha sottolineato un rallentamento economico del Paese, andando a divergere da quanto mostrato dagli Stati Uniti, il che potrebbe portare a pressioni sul dollaro canadese anche nel medio periodo. Passiamo ora ad analizzare i livelli tecnici di primaria importanza, prima di spostarci a Milano per la conferenza sulla Guerra Valutaria di FXCM. La moneta unica europea ha mostrato dei forti cali contro il dollaro andando a toccare quota 1.3000, ci troviamo ora in fase correttiva con l'area compresa tra 1.3070 e 1.3100 che potrebbe fungere da resistenza, data la presenza delle medie orarie e del livello psicologico. Possibile sfruttare pull back di quest'area per pensare ad acquisti di dollaro americano, tenendo conto che un superamento di 1.3130 potrebbe riproporre i liv3elli da cui siamo partiti ieri mattina. Per valutare eventuali approfondimenti ribassisti, valutiamo l'area che passa intorno a 1.2970, che se superato potrebbe lasciare spazio ad accelerazioni dapprima verso 1.2940, con potenziali estensioni fino a 1.2910 (zone di congestioni precedenti). UsdJpy. Lateralita' per il dollaro yen tra 97.25 e 98.40. Possibilita' di lavorare in trading range sfruttando gli oscillatori e le zone di supporto o resistenza statiche utilizzando delle strategie difensive che potrebbero prevedere ordini di stop e reverse al di fuori di questi confini. Un superamento di 98.75 diviene comunque necessario per assistere a salite significative, che potrebbero spingersi fino a 99.25, mentre in caso di ribassi e' possibile assistere al raggiungimento dell'area di 96.75, se superato il 97.10. EurJpy. Buona la divergenza ribassista individuata ieri mattina, con i prezzi che hanno toccato quota 126.40, prima di ripartire insieme alle correzioni di EurUsd. Ci troviamo sulle medie orarie che hanno incrociato a ribasso e che potrebbero fornire, insieme a 128.75, dei buoni punti di resistenza da essere sfruttati per vendite di euro, presentando un'impostazione del genere un buon risk reward. Sopra 129.00 e' possibile infatti attenderci tentativi di raggiungimento dei massimi, mentre approfondimenti sotto 127.00 potrebbero proporre nuovi minimi. GbpUsd. Forte discesa del cable che si e' pero' mantenuto sopra il livello di 1.5200 e sopra i minimi precedenti, passanti proprio per questo punto. Come sull'euro, possibilita' di valutare le resistenze per vedere un prosieguo del movimento ribassista, che in caso di raggiungimento dei minimi della notte potrebbe provare estensioni verso 1.5200, livello da superare di circa una ventina di punti prima di considerare approfondimenti di rilievo. Sopra 1.5280 potenziali tentativi di ripresa, che vedono pero' in 1.5235 delle forti resistenze. AudUsd. Sotto pressione anche il dollaro australiano, che si sta appoggiando alla media mobile a 21 periodi oraria. Dovessimo assistere al superamento a ribasso dell'area di 1.0270, potremmo attenderci tentativi di raggiungimento dei minimi precedenti in area 1.0220, se anche il livello di 50 non dovesse tenere (le congestioni precedenti sono abbastanza confuse, e' dunque difficile individuare i livelli degli ordini). Una risalita oltre 10.325, di contro, potrebbe riproporre salite oltre 1.0350, con ultima area da considerare come resistenza quella passante per 1.0400 (media a 100 oraira e massimi precedenti). (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari