venerdì 02 dicembre | 23:16
pubblicato il 19/ago/2013 08:54

Cambi: un ripasso del metodo (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 19 ago - Rientriamo sui desk dopo la pausa di ferragosto senza nessuna novita' rilevante dal punto di vista macroeconomico e con i prezzi che ci stanno mostrando una rinnovata debolezza del dollaro americano, se consideriamo il breve periodo per le nostra analisi (time frames che riteniamo paradossalmente piu' prudenti rispetto a quelli piu' lunghi a causa della quantita' di investitori concentrati su orizzonti temporali vicini). I dati piu' importanti che sono stati rilasciati riguardano le inflazioni dell'area euro e degli Stati Uniti, entrambe che hanno pienamente centrato le aspettative pari rispettivamente a 1.6% e a 2.0%, mentre sul fronte della fiducia e' stato rilasciato l'indice redatto dall'Universita' del Michigan, in territorio ampiamente positivo (80.0), ma inferiore rispetto sia al precedente che alle previsioni (85.1 e 85.2). Lo strano caso di dottor S&P500 e di mr. dollaro. L'altra mattina scambiavo dei messaggi con uno dei trader piu' attivi che frequentano il Forum del DailyFX e parlavamo di correlazioni. In uno dei messaggi, le parole del trader recitavano ''tutti vanno da soli... le correlazioni sono una stupidaggine (qui ho parafrasato, lo ammetto)... meglio non averle imparate... faremmo meno errori... almeno io''. Queste parole mi hanno fatto riflettere molto, in quanto fanno capire come agli occhi di un trader il mercato possa essere veramente difficile dal punto di vista dell'interpretazione del movimento di uno strumento finanziario in relazione al movimento di un altro. Chi ci legge da tempo ha capito che lavoriamo su 5 livelli di attenzione (dal piu' importante, su scala valutativa, al meno importante), andando a dedicare i primi 4 di essi a considerazioni puramente tecniche (livello 1: supporti e resistenze statiche, livello 2: supporti e resistenze dinamici dati da trendline e canali, livello 3: medie a 21 e 100 da utilizzare come supporto o resistenza dinamici a seconda degli scenari rialzisti o ribassisti e livello 4: stocastico da utilizzare considerando le zone di ipercomprato ed ipervenduto quando in fase laterale contenuta all'interno di livelli 1 o 2 e da utilizzare per la ricerca di divergenze quando i prezzi non si muovono all'intenro di range, per come definiti). Le correlazioni, cosi' come l'analisi del sentiment di mercato e qualche configurazione di candele giapponesi, si trovano al 5 livello, un livello che e' puramente coadiuvante nel prendere una decisione. Questo sta a significare che, per esempio, se l'SSI si trova di fronte ad uno sbilancio importante sul lato lungo o corto di mercato, ma i prezzi non si trovano in una fase direzionale e su livelli tecnici di attenzione di medio periodo, leggeremo e faremo nostra l'informazione che ci restituisce l'indicatore, ma dovremo essere bravi dal punto di vista operativo a non considerarla. Oppure, se troviamo una candela doji (di potenziale inversione) senza che essa vada a corrispondere con uno o piu' dei 4 livelli di analisi principali, ancora dovremo essere capaci di non utilizzare quell'indicazione dal punto di vista operativo. Oppure, come accaduto proprio da ferragosto in avanti, notare come il dollaro abbia mostrato dei forti tentativi di rafforzamento di fronte alla vendita concertata di borse americane ed essere in grado di non aspettarsi una reazione diametralmente opposta nel caso in cui le borse vengano comprate (tipico caso di scenario da risk-on o risk-off con il biglietto verde che funziona da valuta da finanziamento o rifugio). Sul finire di settimana infatti, il biglietto verde e' stato acquistato inizialmente sulla vendita delle borse, per poi andare a invertire velocemente il movimento essendo venduto in corrispondenza di borse che non hanno recuperato terreno, ma che hanno consolidato sui minimi di breve periodo. Questo sta a significare che gli investitori in grado di muovere il mercato hanno cominciato a rifugiarsi sul dollaro americano per poi decidere velocemente di allineare l'andamento dei due strumenti, andando a vendere dollari come per ''punire'' (passatemi il termine) il fatto che in America la ripresa ci sia ma non stia viaggiano sui ritmi stimati. Potremmo andare avanti con molti esempi, ma ci accorgiamo di aver gia' assorbito buona parte del vostro tempo, passiamo dunque all'analisi dei livelli tecnici, ricordando di essere sempre a disposizione per approfondire questo ed altri argomenti sul Forum del Dailyfx. QUADRO TECNICO. EurUsd: l'euro si trova in congestione sopra le medie orarie (che pero', vista la mancanza di direzionalita' di movimento, potrebbero fornire indicazioni fuorvianti). Preferiamo concentrarci sull'analisi dei livelli statici, che ci restituiscono 1.3310 e 1.3350 come primi punti valutativi per assistere ad eventuali rotture, che potrebbero avvenire in caso di superamento di 1.3275 o 1.3365 ed estendere per una strada che potrebbe essere stimata in 30/40 punti. UsdJpy: stiamo formando una serie di minimi crescenti (osservabili su un grafico orario) senza riuscire a compiere massimi crescenti. La volatilita' si sta dunque restringendo ed un mancato compimento di nuovi massimi potrebbe essere indicativo di potenziali tentativi di discesa. Seguiamo dunque il livello di 97.85, che se non superato potrebbe fungere da resistenza, tenendo conto che in linea teorica avremmo spazio per il raggiungimento di 98.15 senza che la rottura diventi definitiva (parte alta del canale potenzialmente rialzista tracciabile su un orario). Sopra questo livello e' possibile assistere a tentativi di accelerazioni verso i massimi, che potrebbero pero' fermarsi da un momento all'altro, data la poca precisione dei punti precedenti che possono indicarci il posizionamento di ordini importanti). Sotto 97.35, a step, possiamo raggiungere i minimi precedenti ed in caso di approfondimento sotto 96.90 e' possibile attendersi qualcosa di piu', con primi target posti in area 96.60. EurJpy: fase laterale su EurJpy da seguire su time frame a 30 minuti facendoci aiutare dallo stocastico a 10-6-3 periodi. 129.50 e 130.50 le due aree da considerare come supporti o resistenze tenendo conto che una fuoriuscita da essi di un quarto di figura puo' portare a cambiamenti di scenario. GbpUsd: abbiamo curato con cosi' grande attenzione tutta l'area che passava intorno a 1.5515 la scorsa settimana ed il fatto che, sulla salita del dollaro di cui abbiamo parlato prima, il mercato abbia raggiunto proprio quell'area prima di appoggiarvisi sopra e ripartire, ci da' conferma di come esso sia stato un livello particolarmente sentito dai prezzi. Stiamo congestionando sopra le medie incrociate a rialzo, con i prezzi che interagiscono con la media a 21 periodi, che potrebbe comunque indicare un'area di supporto. E' possibile lavorare sulla rottura del range della notte con target dati dalle proiezioni dell'altezza del range sui punti di rottura, ma dobbiamo curare con attenzione l'area di 1.5590, che insieme alla media a 100 potrebbe fungere da supporto ultimo per rivedere delle salite di prezzo (livelli statici precedenti molto importanti). AudUsd: dopo il tentativo di discesa che ha anticipato le salite degli altri dollari (contro euro, sterlina e yen) il mercato ha recuperato i massimi di breve periodo. Siamo di fronte a potenziali divergenze ribassiste orarie, che potrebbero essere contenute dalle medie a 21 e 100, ma che se dovessero vedere i prezzi oltrepassare l'area di 0.9160 potrebbero dare spinta alle quotazioni fino a, a step, 0.9140, 0.9125 e figura. Sopra 0.9240 e' possibile assistere a tentativi di salita verso 0.9265. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari