mercoledì 07 dicembre | 12:41
pubblicato il 27/mag/2014 09:20

Cambi: torna la liquidita' (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 27 mag 2014 - Dopo la chiusura di Londra e di New York di ieri in occasione rispettivamente di Bank Holiday e Memorial Day, i mercati tornano oggi a condizioni standard. Non che questo conduca di per se' a rivedere buona volatilita', ahinoi ancora assente eccellente negli ultimi giorni e strutturalmente da qualche anno per la verita'. Draghi e l'inflazione.

L'assenza di market mover rilevanti permette di focalizzare la nostra attenzione sulle parole pronunciate ieri da Mario Draghi, le quali possono fornirci spunti di riflessione circa quelle che potranno poi essere le comunicazioni che proverranno da Francoforte l'attesissimo 5 Giugno in occasione del meeting della Banca Centrale Europea.

Il tema centrale, manco a dirlo, e' stato l'inflazione: troppo bassa e prolungata quella attuale al punto da rendere le aspettative sempre piu' ancorate al downside a tal punto da creare il contesto per quello che e' stato definito un ''asset buying plan'', un acquisto di titoli dunque. Il pericolo piu' grande infatti, ha ribadito Draghi, e' quello che l'inflazione non torni al 2% e che si possa quindi innescare una pericolosa spirale di inflazione stagnante e di aspettative di inflazione al ribasso. Concetti dunque ribaditi a chiare lettere e che riportano in auge il tema del Quantitative Easing della BCE, espressione che era stata utilizzata dal banchiere centrale nel meeting di aprile e che aveva sconcertato gli osservatori e gli operatori di mercato dal momento che nulla appariva piu' lontano in relazione alle possibili manovre di politica monetaria implementabili dalla BCE. Poi nel meeting di maggio il tema non era stato neanche vagamente accennato, mentre queste parole sembrano in qualche modo presagire alla possibilita' che questo scenario possa effettivamente prendere corpo. Dal punto di vista di impatto sulle variabili economiche, fermo restando l'assunto per il quale la politica monetaria riesce ad essere efficace nelle situazioni di squilibri momentanei e non per dirimere problematiche strutturali del quadro economico, il QE sarebbe senz'altro la risposta piu' credibile ed efficace all'interno del contesto europeo, oltre che il veicolo per generare veri e propri indebolimenti del valore dell'euro. La reazione pressoche' inesistente del prezzo di ieri, verosimilmente prelude ad aspettative che in qualche modo sono scontate dal mercato che comunque si attende un qualche tipo di interventismo da Francoforte questa volta. E la sostanziale lateralita' dell'eurodollaro di questi giorni ne puo' essere in qualche modo la risultante, prima di plausibili esplosioni di volatilita' nel momento in cui decisioni di un certo tipo dovessero poi essere effettivamente comunicate.

Borse ai massimi.

Mercati che sembrano invece continuare a vivere in maniera isolata sono quelli azionari. Il risultato delle elezioni europee, laddove non ha avuto nessun impatto sul valore dell'euro, ha invece influito e non poco sui listini globali, con il Dax che ha aggiornato il massimo storico quasi a quota 9.990 punti, il FTSE Mib in grado di mettere a segno oltre 700 punti al rialzo ai quali hanno poi seguito i benchmark americani con l'S&P500 che ha aggiornato i massimi a 1.907 punti. Continuano dunque, e su questo ci siamo piu' volte sbilanciati, le condizioni tali per cui le Borse rimangano sostenute anche se oggi e' lecito attendersi, dopo possibili nuovi tentativi al rialzo in rivisitazione e superamento dei punti di massimo, possibili buone prese di profitto in grado di farci rivedere i supporti di breve. Liquidita' e tassi inesistenti non possono che essere ancora l'habitat naturale per i rialzi di Borsa, i quali vanno sempre naturalmente monitorati dal momento che man mano sono sempre meno sostenuti dai volumi. Tema questo che dovremo seguire con grande attenzione nei prossimi giorni e settimane.

La giornata di oggi.

Dal punto di vista macro, sono circoscritti a questo pomeriggio gli eventi piu' significativi con la pubblicazione del dato sugli Ordinativi di Beni Durevoli negli Stati Uniti alle 14.30 e quello sulla Fiducia dei Consumatori USA alle 16. Da un punto di vista squisitamente tecnico le situazioni piu' interessanti operativamente si delineano, oltre che quella dell'Eurodollaro e dell'azionario, quella di AudUsd che potrebbe ripartire al rialzo inaugurando di fatto una situazione di lateralita', e quella di UsdCad che potrebbe confermato lo scenario di distribuzione di medio periodo analizzato alcune settimane fa per conseguenti discese importanti sotto 1,08. QUADRO TECNICO. EurUsd: come gia' accennato ieri, il daily mette in evidenza la cruciale area di supporto attorno a 1,3620 che e' il punto di transito della media mobile a 200 periodi. Il superamento della resistenza statica a 1,3650, punto di confluenza con l'ottima media mobile esponenziale a 21 periodi del time frame a 4 ore, fa di quest'ultimo livello un supporto ora in grado di far ripartire il prezzo al rialzo se le discese della notte si confermassero quale correzione ben visibile sull'orario per rivedere area 1,3670 in primo luogo.

1,3690 il livello da monitorare immediatamente dopo. Ritorni sotto 1,3650, confermerebbero la potenziale divergenza inversa ribassista su 4 ore, con i primi target a 1,3635 (pivot daily) e i punti di minimo a 1,3615.

UsdJpy: Segnale equivoco quello visto ieri sul cambio che nei giorni scorsi aveva lanciato importanti warning al rialzo. Certo la scarsissima liquidita' ha influito negativamente in questo senso per quello che e' un quadro tecnico che nel breve fino a 101,85 resta rialzista con velleita' di ripresa a 102,10 ed ambizione a 102,35. Buono il range di circa 25 pips che si andrebbe a cogliere sotto proprio 101,85 fino a 101,60. 101,35 naturalmente il livello successivo.

EurJpy: Il daily ha ben evidenziato nei giorni scorsi l'importanza di area 138,15 che rappresenta dunque un supporto cruciale. Il 4 ore continua a prefigurare un possibile scenario rialzista verso 139,40 dopo possibili test di 139,10. Dunque quello il primo target e 139,90 la resistenza statica ideale da raggiungere per movimenti di conferma della ripresa long. Verosimile rientro in range invece sotto 139,10 verso 138,80.

GbpUsd: le ampie correzioni viste le settimane scorse non hanno assolutamente intaccato il quadro daily del cambio ancora ben orientato al rialzo, con la conferma dell'area di supporto ora a 1,6835. Nel breve 1,6850 puo' fare da supporto per ripartenze in direzione 1,6875 per stop in pari e ricerca di estensioni in area 1,69. La tenuta di 75, potrebbe invece consentirci un ottimo risk/reward in vendita guardando al forte supporto a 1,6835.

AudUsd: la figura a triangolo che seguivamo ieri ha dunque portato a rotture rialziste sopra l'ottima confluenza grafica tra supporto statico a 0,9250 e media mobile a 21 periodi su 4 ore. La tenuta di 0,9270 potrebbe suggerire vendite di breve in pullback di 0,9250 e successive ripartenze al rialzo verso target ideali a 0,9315. Ampio spazio invece sotto 0,9250 verso i punti di minimo in area 0,92.

Ger30 (Dax): come gia' detto, nuovi massimi per l'indice tedesco che potrebbe ora ritestare i punti di massimo a 9.900, prima di possibili ritracciamenti che hanno in area 9.850 il loro punto di approdo. Meno probabili appaiono storni tali da ricondurci in area 9.800, almeno per la giornata di oggi. Migliore dunque il primo livello sopracitato per riconsentire acquisti in direzione massimi. XauUsd (Oro): l'oro ormai mantiene la sua dinamica di congestione nervosa con pero' la ''solita'' affidabilita' dei livelli tecnici. 1.286, 1.292, 1.296, 1.301, 1.306. Proprio il primo di questi potrebbe risostenere il prezzo dopo le buone discese di questa notte, con stop vicini e reverse in direzione 1.277 dollari l'oncia.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Klm prepara nuova destinazione a Cartagena in Colombia
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni