sabato 10 dicembre | 05:08
pubblicato il 18/set/2014 09:45

Cambi: sul piatto retorica Fed, Scozia e Tltro (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 18 set 2014 - Come banalmente si evince dal titolo del nostro contributo odierno, tanti sono gli eventi condizionanti i mercati finanziari e, diremmo, non decisamente di poco conto. Ieri sera Il FOMC per bocca del Governatore Janet Yellen ha comunicato le sue (non) decisioni in materia di politica monetaria, mentre oggi sara' giornata cruciale per il referendum indipendentista in Scozia e l'annuncio del TLTRO da parte della BCE. Ma procediamo per ordine.

Fed accomodante.

Non ha destato particolari soprese l'esito delle riunioni del Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della Federal Reserve. La parola chiave e' ancora una volta ''attesa''. Questo quello che gia' ampiamente scontavamo prima dell'evento e del quale ne avevamo avvertito la quasi certezza dopo i dati sull'inflazione negli Stati Uniti del pomeriggio che ci avevano restituito un calo al +1,7% su base annuale contro un precedente +2,0% ed aspettative a +1,9. Nulla di fatto quindi sul fronte tassi di interesse, non prima almeno di un ''periodo considerevole successivo al termine del Quantitative Easing''. Come ricorderete, Yellen aveva azzardato un orizzonte temporale di 6 mesi alla sua prima Press Conference da capo della banca centrale americana; non si sapra' mai se quella fu una gaffe o meno, ma sembra trovare riscontro empirico. Tassi fermi dunque almeno fino al completamento del primo trimestre del 2015. Tutto, in linea alla qualitative forward guidance, sara' rimesso percio' agli indicatori economici e dunque ai dati su mercato del lavoro, inflazione e crescita. Crescita peraltro appena ritoccata al ribasso sia per quest'anno che per il 2015 ed il 2016, mentre la proiezione di un target di inflazione al 2% e' ancora ascritta all'anno 2017.

Naturalmente la Fed ha proceduto con un ulteriore taglio di iniezione di liquidita', passando da 25 a 15 miliardi di dollari al mese ripartiti in 10 miliardi di Treasury e 5 di MBS, continuando a riacquistare ovviamente i titoli in scadenza. Verosimilmente con il meeting di Ottobre dovrebbe concludersi il QE. Ma quali le reazioni del mercato? Le Borse sono state poco volatili ed, in linea ai segnali forniti gia' durante tutta la giornata di ieri, si sono mantenute in posizione di forza con l'S&P500 che ha rivisitato i massimi storici a 2.012 punti. Qui nulla di nuovo, anzi tutto come auspicato e previsto. Piu' sorprendente, almeno a nostro modo di vedere, il rafforzamento del dollaro che in maniera univoca e' stato ampiamente comprato facendo vedere nuovi minimi o massimi (a seconda dei casi) ed ha fatto registrare sul FXCM Dollar Index un'escursione di oltre 70 punti ben al di sopra della volatilita' media dell'indice. L'idea che i mercati potessero essere in disappunto per un ulteriore rinvio sul timing di rialzo dei tassi e che cio' avrebbe potuto pesare proprio sul biglietto verde, era quella che prediligevamo, mentre il greenback ha trovato da cio' linfa vitale e ha confermato tutta il suo primato in termini di forza relativa tra le valute. Lecito attendersi dei ritracciamenti, ma livelli importanti sono stati violati e l'ipotesi di continuazione di un trend rialzista per il dollaro e' quella che sussiste maggiormente.

In Scozia.

7-22, questi gli orari di accesso alle urne per gli Scozzesi per decidere del loro destino di indipendenza dall'Inghilterra e quindi la fine del Regno Unito. Secondo i sondaggi, si preannuncia una battaglia all'ultimo voto e il fiato restera' sospeso durante la giornata e soprattutto nella notte fino a quando non si sapranno i risultati che in caso di vittoria del ''Si'' potrebbero essere molto destabilizzanti. La sterlina potrebbe precipitare in maniera veemente e sorgerebbero enormi interrogativi in relazione alla moneta che la neonata Scozia potrebbe adottare; se comunque la sterlina, ed in tal caso si creerebbe una mini-unione monetaria, o se addirittura l'euro con capitali ingenti che andrebbero a fuoriuscire dal paese verso l'area euro andando quindi ad impattare sul valore della moneta unica. Per operativita' di breve dunque, massima attenzione ai monitor anche questa sera e attesa di fortissima volatilita' anche nel caso opposto, con il pound che potrebbe invece decollare anche con escursioni di prezzo fuori logica.

Il TLTRO.

E' dunque arrivato anche il giorno del TLTRO, ovvero sia prestiti al sistema bancario. Quello di oggi e' il primo a cui fara' seguito quello dell'11 dicembre per un totale di 400 miliardi di euro. A sua volta quest'operazione verra' affiancata dal ''Quantitative Easing'' di ABS le cui tecnicalita' verranno svelate nel prossimo meeting BCE ad Ottobre. Questo TLTRO dara' proprio una prima overview su quanto si dovra' e potra' fare sul fronte QE. Gli importi dell'operazione odierna appaiono molto contenuti, dell'ordine di 170-180 miliardi di euro, ma alcune stime sono anche considerevolmente piu' ridotte. E verosimilmente dall'importo richiesto dagli istituti di credito dipendera' la reazione del mercato che, tecnicamente, dovrebbe essere supportivo per i titoli bancari e quindi piu' in generale per le Borse, mentre depressivo per l'euro che quindi potrebbe acuire la sua discesa. Occhi aperti percio' pure alle notizie provenienti dell'Eurozona, in questa giornata che non verra' di certo dimenticata dagli operatori dei mercati.

QUADRO TECNICO. EurUsd: come diciamo da qualche tempo, dopo la BCE di due settimane fa, il cambio avrebbe potuto muoversi per dinamiche legate al dollaro americano piu' che all'euro. E cosi' la lateralita' e' stata violata al ribasso con le ottime rotture prima di 1,2920 e poi dei minimi a 1,2865, ad ora rientrate.

Il segnale daily short e' stato lanciato e nuovi approfondimenti sotto i minimi potrebbero trascinare il cambio verso 1,28 in primo luogo. Fisiologici percio' i ritracciamenti seguibili su grafico orario, con l'area pivot daily/media mobile esponenziale a 21 periodi che puo' esserne la destinataria per poi favorire ripartenze in giu'. 1,29 per intenderci. Long da contemplare invece sopra 1,2920.

UsdJpy: nulla di nuovo su questo fronte, anche se violento e' stato il movimento al rialzo del cambio. Il daily continua a mostrarci candele rialziste conil range di prezzo che e' andato notevolmente ad ampliarsi ieri. Ancora molto tecnico il grafico a 4 ore che continua a mostrare affidabilita' dal punto di vista delle confluenze grafiche, vedi l'ottima media mobile esponenziale a 21 periodi ed il livello di supporto statico a 107,40. E' lecito anche in questo caso paventare ritracciamenti di breve che vedono in 108,40 e 108,20 i due possibili approdi per ripartenze rialziste con obiettivi vicini e chiari in area 109. Short assolutamente da ponderare con attenzione e che, per cogliere ampi movimenti, devono trovarsi almeno sotto il pivot daily fino a 107,40 appunto.

EurJpy: il movimento di dollaro americano ha naturalmente fatto si' che il cross in questione si muovesse relativamente, anche se ha prevalso lo spunto rialzista fornito da UsdJpy. Bello l'approdo a 140 su cui valutare rientri in pullback a 139,60 per nuovi massimi in direzione 140,90. Scenario bearish sotto 139,30 riguardando a 138,55.

GbpUsd: giornaliero di interdizione quello che continua a caratterizzare il cable. Il 4 ore suggerisce ancora scenari di vendita suffragati dall'ottima tenuta delle confluenze grafiche a 1,6330 e dalla divergenza regolare ribassista del prezzo con l'oscillatore stocastico, per obiettivi progressivi a 1,6225, 1,6150 e i punti di minimo relativo.

AudUsd: grazie a queste potenti discese e' tornata un'ottima tecnicalita' su questo cambio che ci mostra precisione sui punti statici di interesse. Forte anche ieri il segnale bearish con precisi raggiungimenti dei target a 0,8940, Area 0,90 dunque nuovo punto di vendita verso nuovi minimi a 0,89, con stop&reverse veloci verso 0,9050 dal quale poi valutare di andarsi a rimettere corti con gli obiettivi naturali appena citati.

Ger30 (Dax): come ripetuto ieri, buoni i segnali daily rialzisti visti negli ultimi 3 giorni e che troverebbero conferme con superamenti decisi di 9.690 punti prima, 9.740 punti poi. Sui time frame intraday questo comunque appare lo scenario piu' probabile, vista la tenuta ottima dei supporti in area 9.600 punti e i minimi e massimi crescenti fino ad area 9.700. Attesa percio' per strappi di volatilita' verso le resistenze, con stop anche contenuti e potenziali reverse per rientri in range.

XauUsd (Oro): dal potenziale segnale long sul daily con la formazione di un cosiddetto minimo di breve termine al superamento di area 1.240 dollari l'oncia, si e' passati allo sviluppo ora invece di un massimo di breve termine che rappresenta un buono spunto ribassista. Tuttavia il 4 ore appare il time frame migliore da seguire con le ottime confluenze grafiche che anche ieri hanno suggerito ottime vendite che ora possono arrestarsi in area 1.225/27 prima di riaccendersi verso nuovi minimi a 1.210 dollari l'oncia.

1.230 primo spartiacque per i long, comunque ancora lontani.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina