lunedì 05 dicembre | 02:18
pubblicato il 06/giu/2013 09:24

Cambi: Speculative Sentiment Index, grazie (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 6 giu - A volte la pazienza paga. Ed il nostro mestiere, per come abbiamo impostato i nostri metodi di analisi, punta proprio a questo. Effettuare uno screening continuo dei mercati cercando di individuare rapporti di causa ed effetto tra evoluzioni macroeconomiche (intese in senso lato) ed i movimenti dei prezzi, cercando talvolta di individuare situazioni di eccesso dei mercati, che possono sfociare in scenari a buona probabilita' di realizzazione. E questo e' quello che e' successo ieri durante il tardo pomeriggio. Riprendiamo brevemente il pezzo scritto ieri mattina sul dollaro australiano, prima di ragionare su quanto e' successo: ''Discesa sotto 0.9665 ed estensioni fino a figura, prima di tentare dei rimbalzi che non sono stati in grado di superare le medie orarie, creando una buona area di resistenza statica/dinamica intorno a 0.9650. Dopo la pubblicazione del Pil di questa notte, inferiore alle aspettative su base annuale (2.5% vs consensus 2.7% e precedente 3.2%) e la mancata reazione del cambio a causa dell'effetto Abe, e' possibile che con l'avvento della liquidita' londinese si possano provare degli approfondimenti ribassisti, da valutare sotto 0.9585, con potenziali target sui minimi. Attenzione in caso di avvicinamento ai minimi allo Speculative Sentiment Index, in caso di incrementi si sbilanci long e' possibile che il mercato possa accelerare a ribasso a causa di ordini in stop sotto i minimi che potrebbero essere presi. Acquisti soltanto in caso di divergenze dall'orario in su o di superamento delle resistenze''. Un buon quadro tecnico senza dubbio, ma il fattore che volevamo portare alla vostra attenzione risulta essere le indicazioni che abbiamo potuto trarre analizzando il posizionamento (a prescindere dal peso di ogni posizione) dei trader retail che lavorano con FXCM, che essendo uno dei piu' grossi broker al mondo, puo' essere considerato come veicolo per l'estrapolazione di popolazioni (statisticamente parlando) che possono essere considerate un campione rappresentativo dell'intero mercato retail. Tutto questo viene estrapolato dallo Speculative Sentiment Index, un indicatore che mette a rapporto il numero di trader lunghi contro il numero di trader corti su uno strumento finanziario, andando a dipingere le aspettative che essi hanno su questo o quello strumento. Come accennavamo, il tutto indipendentemente dal peso delle posizioni del trader a mercato, si da' importanza soltanto all'idea rialzista o ribassista. L'AudUsd ha mostrato piu' volte reattivita' quando gli sbilanci sull'SSI sono risultati importanti e ieri ci ha dato un'ulteriore dimostrazione della sua validita'. Il concetto e' molto semplice. Nel momento in cui molti trader, per esempio, si posizionano lunghi di AudUsd lo sbilancio tra corti e lunghi va ad incrementarsi. Tutto viene misurato da un ratio che, a ieri pomeriggio, sull'AudUsd si trovava a 6.24. Questo sta a significare che per ogni trader corto, vi sono 6.24 trader lunghi a mercato, ovvero l'86.2% (6.24/7.24). Quando gli sbilanci sono cosi' alti, prima o poi dovranno andare a ribilanciarsi, per effetto di cosa? Di vendite, in questo esempio, che andranno a far uscire chi e' lungo dalle posizioni. Vendite che possono essere in profit, se questo gran numero di trader ha indovinato il lato di mercato ed i prezzi sono effettivamente saliti, oppure in stop, se essi non hanno avuto ragione. E se questi stop, solitamente posizionati sotto minimi importanti anche sul medio periodo, vengono colpiti, il risultato e' quello di veder partire un movimento contrario a quello che la maggior parte dei trader si aspettava, movimento che spesso e volentieri e' in grado di innescare ordini di vendita da parte di grossi investitori, che vanno a sfruttare questi breakout. Il passo successivo, da parte dei trader retail, e' quello di accettare la perdita, attendere, e decidere come lavorare sul cambio, oppure quello di rientrare in posizione (il piu' delle volte, se lo sbilancio continua a rimanere sostenuto dopo un movimento contrario e' dovuto anche a nuovi ingrassi long da parte di trader che credono siano arrivati i minimi). Ieri e' successo proprio questo ed ora siamo oltre a 7 trader lunghi per ogni trader corto, il che significa che la situazione di pericolo non e' ancora passata. Prima di passare all'analisi dei livelli tecnici pero', non possiamo non spendere due parole sulle banche centrali europea ed inglese che si riuniranno oggi e sul Beige Book americano. Partiamo proprio da quest'ultimo, dove la situazione americana e' stata dipinta in modo abbastanza buono, con tutti i distretti che hanno mostrato crescita moderata, iniziando a rafforzare le aspettative di alcuni investitori ed analisti circa una possibile exit strategy dal QE, il che si e' andato a ripercuotere sull'andamento delle borse, sui minimi di breve periodo. Le aspettative di politica monetaria quindi risultano essere altrettanto forti come i dati macro, e domani sara' il turno dei Non Farm Payrolls, dopo i deludenti risultati del mese scorso (vi ricordo tra l'altro la possibilita' di partecipare al NFP CONTEST, si tratta di indovinare il numero di nuove buste paga americane). Sul fronte europeo invece, nulla di atteso da parte della Bank of England, che se dovesse stupire il mercato con un aumento quantomeno inatteso del QE darebbe, con alta probabilita', una spinta molto forte alla sterlina, mentre la BCE non dovrebbe andare a modificare il corridoio dei tassi, anche se siamo in attesa di ascoltare le parole di Draghi alle 14.30 (lo seguiremo insieme nella nostra Live Trading Room) sull'argomento. Abbiamo gia' detto di come serva una discesa dei tassi di deposito sotto lo zero per ridare slancio al mercato del credito, ne parleremo piu' approfonditamente nel nostro Morning Meeting alle ore 9.30 (clicca qui per seguirlo). EurUsd. Per quanto riguarda la moneta unica europea, la fase di congestione si sta rivelando molto confusa. Continuiamo a seguire la fase laterale di accumulazione che potrebbe portare a rotture direzionali da una parte o dall'altra della congestione. Crediamo che i livelli da curare per assistere ad accelerazioni importanti di volatilita' possano essere considerati quelli di ieri, con l'area passante intorno a 1.3025 che deve essere rotta prima di poter considerare approfondimenti ribassisti verso 1.3000/1.2975, mentre continuiamo a seguire 1.3125, dove e' possibile che il mercato provi a fermarsi sulla falsa rottura, ma che se superato di una decina di punti puo' lasciare spazio a salite verso 1.3140/60. UsdJpy. Buona la rottura di 99.50, che ha portato al raggiungimento di area 99.00. Ora ci troviamo sotto la media mobile a 21 periodi oraria e l'area di 99.50, data da punti tecnici precedenti, puo' essere considerata una buona opportunita' per acquistare yen , tenendo conto che un superamento rialzista di 99.75 potrebbe portare ad accelerazioni verso il livello tondo di 100.00 (ed in estensione tra 100.00 e 100.50, area di forte attrazione per i prezzi ma di difficile interpretazione dal punto di vista del posizionamento di ordini al suo interno). Un approfondimento sotto 98.70 potrebbe invece portare ad accelerazioni verso 98.60 e 98.40, punto che se superato potrebbe portare sotto 98.00 (attenzione a considerare un po' di tolleranza in caso di rottura, almeno una decina di punti). EurJpy. La rottura di 130.00 ha portato a discese in area 129.50, dove si sono tentate delle rotture senza che si realizzassero. L'area che passa tra 130.00 e 130.50 risulta essere una buona resistenza (medie a 21 e 100 orarie impostate a ribasso) dove poter valutare vendite di euro, anche se la possibilita' che l'EurUsd provi a rompere a rialzo c'e'. In caso di approfondimento sotto i minimi (qui un quarto di figura di tolleranza sembra migliore, data la volatilita' del cambio) esiste la possibilita' di approfondire sotto 129.00, con 128.80 primo target. GbpUsd. Ci troviamo sopra la media mobile oraria a 21 periodi, all'interno dell'area di resistenza considerata ieri per ipotizzare vendite di sterline. Il punto di 1.5430 risulta essere ancora di importanza, non essendo stato raggiunto (avevamo ipotizzato possibili estensioni oltre 1.5390 senza che si potessero considerare rotture definitive fino a che non si fosse superato il livello indicato). 1.5380 e 1.5420 i punti su cui lavorare per rotture potenziali di 40 punti. AudUsd. Abbiamo gia' ampiamente parlato del cosiddetto aussie. Ci limitiamo a mostrare l'ottima tenuta della media mobile a 21 periodi sia su un grafico giornaliero sia su uno orario, a testimonianza della bonta' dell'indicatore che ricopre il ruolo di terzo livello di valutazione all'interno della nostra scala (in questo caso, resistenza dinamica). Attenzione a potenziali nuove estensioni oltre i minimi, l'SSI e' ancora sbilanciato lungo. Un rimbalzo in area 0.9500/0.9525 potrebbe essere una buona possibilita' per pensare a nuove vendite di australiano. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). . red/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari