lunedì 05 dicembre | 21:59
pubblicato il 09/apr/2014 09:39

Cambi: situazione di attesa (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 9 apr 2014 - La sterlina si dimostra ancora la piu' reattiva ai dati macroeconomici, il dollaro ha continuato a perdere forza mentre le borse hanno tentato degli approfondimenti ribassisti sul fronte europeo mentre hanno frenato la propria corsa a ribasso sulle sponde americane. Questo quadro conferma la mancanza di situazioni di avversione al rischio strutturali.

Momenti di valutazione.

Ci troviamo di fronte ad una situazione particolare, di attesa e di non attesa, con dati pubblicati soltanto sul fronte inglese (in grado, come visto negli ultimi mesi ed in particolare ieri, di portare molta volatilita' sul pound) e la mancanza di indicazioni macro importanti in Europa ed in America, le cui sorti rimangono legate alle aspettative sulle diverse politiche monetarie. Si sa infatti che si procedera' con il taglio di acquisti di asset in Usa, si sa che probabilmente ci si muovera' ancora di 10 miliardi durante il prossimo meeting (questa sera, tra l'altro, verranno rilasciate le minute dell'ultima riunione), si attendono dati sull'inflazione per avere conferme di quanto ci si aspetta, dopo che i dati sulla disoccupazione hanno mostrato comunque la creazione di quasi 200k posti di lavoro. In virtu' di tutto cio', le borse hanno tentato delle repentine discese valutate per il momento ancora come correzioni per prese di profitto, con l'area passante tra 1,815.00 e 1,830.00 per lo S&P500 come spartiacque tra ripresa ed approfondimenti ribassisti. In Europa invece l'attendismo e' piu' fintamente acceso, con le parole ''alleggerimento quantitativo'' pronunciate da Draghi che hanno mosso inizialmente l'euro a ribasso, per poi tornare velocemente su livelli di forza relativa sul dollaro americano. Si sa che fino a quando non si taglieranno i tassi (misure convenzionali) non si procedera' con mosse non convenzionali, si sa che Draghi ha gia' utilizzato la tecnica delle dichiarazioni verbali senza poi mettere in pratica alcuna mossa effettiva (ma a differenza del QE per gli OMT servivano delle condizioni particolari d'attuazione, tra cui le richieste di attivazione da parte dei singoli governi), si attendono eventuali nuove dichiarazioni in tal senso (le prime sono gia' arrivate a conferma) per formare delle aspettative reali di interventismo, cosa che per il momento esiste e non esiste.

Si crede ancora infatti nella BCE ma questa volta, di fronte ad una situazione di peggioramento dell'inflazione di breve (che potrebbe muovere le aspettative di lungo) e ad una stagnazione dell'attivita' produttiva bisogna fare qualcosa.

La giornata di oggi.

Dopo la pubblicazione della produzione industriale e manifatturiera inglesi per il mese di febbraio, risultate rispettivamente a 0.9% contro attese di 0.3% e 2.7% contro aspettative pari a 2.2% ed a 1.0% contro attese di 0.3% e3.8% contro un consensus di 3.1%, su base mensile ed annuale, la sterlina ha reagito in maniera violenta, chiaramente a rialzo. Oggi avremo dei dati molto meno importanti (si tratta della bilancia commerciale), ma la prudenza non e' mai troppa in ottica di operativita', per cui presteremo particolare attenzione alle 10. 30: niente di significativo oltre a questo, per cui continuiamo a seguire delle potenziali correlazioni tra valute che quotano contro il dollaro, pur non andando a prendere decisioni di investimento basandoci sui ritardi di movimento tra queste coppie di valute, le correlazioni non sono ancora consolidate.

QUADRO TECNICO.

EurUsd: rotture rialziste di breve arrivate e resistenze raggiunte che hanno tenuto. Sono partite delle correzioni sulle quali abbiamo valutato degli acquisti di dollaro che hanno portato a buoni risultati ma che crediamo possano far fatica a raggiungere quota 1.3730, in quanto sono intervenuti i livelli passanti per 1.3785 (area analizzata ieri) dove tra l'altro passa la media a 21 periodi oraria che potrebbe fungere da supporto dinamico. E' possibile dunque valutare eventuali acquisti di euro sui supporti tenendo conto che superamenti a ribasso di area 1.3760 potrebbero lasciare spazio verso 1.3730 ed in estensione figura e 1.36 3/4.

UsdJpy: ottima l'idea di acquistare yen sui ritorni sulle resistenze per il cambio, con l'area di 102.40 raggiunta abbastanza agevolmente senza che si siano formate divergenze rialziste su un time frame a 4 ore, unica condizione che ci avrebbe portato a valutare degli acquisti di dollaro. Il mercato ha superato molto bene la prima area di target indicata ieri, mantenendosi sotto la media a 21 oraria e tentando delle correzioni soltanto questa notte, quando si e' andata a formare una potenziale figura di bandiera ribassista passante sotto la media a 21 oraria e sotto i punti statici precedenti. Tra qui e 102 1/4 potrebbe essere possibile valutare eventuali vendite di dollaro con l'idea che ritorni sopra area 102.40 potrebbero lasciare spazio a tentativi di ripartenza verso 102.75. Target in caso di tenuta delle resistenze sui minimi di ieri, che se superati potrebbero lasciare spazio ad approfondimenti verso 101 1/4.

EurJpy: buone discese anche sul cross derivato dai due primi cambi analizzati, con il raggiungimento dei minimi precedenti. Siamo in una situazione molto simile al UsdJpy, con l'area contenuta tra la media a 21 e 141.10 che potrebbe rappresentare una buona resistenza sulla quale pensare ad acquisti di yen, per ritorni verso i minimi di stanotte, con l'accortezza di considerare la possibile ripartenza delle quotazioni una volta che dovessimo vedere superata l'area passante per 141.35, con 50 come unico scudo (abbastanza debole) a difesa di 85.

GbpUsd: tenuta dei supporti individuati ieri e partenza come un razzo sui dati molto migliori delle attese per il cable, che ora sta consolidando all'interno di una tipica zona di congestione formatasi durante la notte e che potrebbe essere lavorata con ordini OCO a rialzo o a ribasso sulle eventuali rotture. Consideriamo comunque il fatto che ci troviamo sopra la media a 21 oraria che potrebbe, insieme a 1.6715 (dato da punti precedenti) fungere da supporto su cui valutare acquisti di sterlina per ripartenze verso 1.6785, con l'idea che sotto figura si possa pensare ad approfondimenti a ribasso verso 80 che dev'essere a nostro avviso superato per poter valutare eventuali estensioni verso 50.

AudUsd: scenario rialzista valutato ieri che ha portato, diremmo perfettamente, al raggiungimento dei target reimpostati. Siamo ora in correzione con la media a 21 oraria che potrebbe fungere da supporto, unitamente ai livelli statici passanti per 0.9335 dove poter valutare eventuali ripartenze verso i massimi di stanotte ed in estensione 0.9410 che se superato di almeno una qundicina di punti potrebbe lasciare spazio verso 40. Non e' da sottovalutare li''eventuale divergenza ribassista che potrebbe formarsi su un time frame orario e che, in caso di superamento dei supporti, potrebbe riportare le quotazioni verso un livello iniziale di 0.93 figura (dove passano dei bei massimi precedenti e la media a 21 a 4 ore), livello sul quale valutare lo stocastico (se lontano da ipervenduto potrebbe suggerire approfondimenti ulteriori verso i punti precedenti).

Ger30 (Dax): ottimo il Dax pur non avendo raggiunto l'area di short in limit ipotizzata a 9,550. Siamo partiti a ribasso prima del suo raggiungimento con il superamento dei minimi che hanno portato al tocco di 9,400, da dove siamo ripartiti verso la media a 21 oraria che e' intervenuta come resistenza dinamica. Possibile a nostro parere curare l'area di resistenza individuabile con i massimi di ieri per valutare vendite dell'indice, con l'idea che ritorni sopra area 9,565 potrebbero lasciare spazio a ripartenze verso 9,615.

XauUsd (Oro): 1,315.00 toccato in estensione long durante il mattino ed area 1,307.00/08.00 ritoccata in correzione. Buona dunque l'impostazione tecnica vista ieri sull'oro, che si mantiene all'interno del megafono visto ieri nel webinar delle 9.30 e che fornisce buone occasioni dal punto di vista del R/R per valutare eventuali posizionamenti short, con stop e reverse sopra i massimi. L'area che passa tra 1,315.00 e 1,320.00 infatti risulta una buona resistenza, per pensare a ritorni iniziali verso 1,307.00 che se superato puo' lasciare spazio verso 1,297.00, con l'idea che un superamento rialzista delle resistenze potrebbe portare ad eccessi di acquisti verso area 1,325.00 ed inj caso di movimento concertato del dollaro a ribasso anche verso 1,333.00.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari