lunedì 05 dicembre | 14:06
pubblicato il 18/feb/2014 08:56

Cambi: si riparte dal Giappone (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 18 feb 2014 - La giornata di ieri e' annoverabile come quella di riapertura ufficiale della settimana dei mercati finanziari, ma da oggi possiamo considerare effettivamente l'avvio dei temi piu' rilevanti che in definitiva rappresentano la determinante degli spostamenti dei prezzi e dell'incremento di volatilita', a condizioni di liquidita' che dopo il President's Day negli Stati Uniti dovrebbero tornare ai livelli consueti. Bank of Japan. Poche ore fa si e' conclusa la due giorni di meeting della Bank of Japan e non sono mancate le novita', rispetto a quelli che si erano mantenuti toni sempre piuttosto dovish dopo gli annunci delle politiche monetarie non convenzionali tra la fine del 2012 e i primi 4 mesi del 2013. L'istituto centrale nipponico ha infatti implementato rafforzamenti rispetto a misure gia' messe in campo nell'ottica di ulteriore allentamento monetario; in particolare e' stato il settore bancario quello interessato da tali misure in quanto le decisioni sono andate nella direzione di estendere nel tempo i programmi di agevolazioni alle banche in quanto diffondano il credito verso il settore produttivo (una questione che non in Europa e soprattutto in Italia ben conosciamo). Nella fattispecie si e' agito su due versanti, sulla cosiddetta ''Stimulating banking Lending Facility'' da un lato e sulla ''Growth-Supporting Funding Facility'' dall'altro: nel primo caso si tratta di una misura che consente alle banche commerciali di prendere in prestito presso la Bank of Japan fondi di portata doppia rispetto all'incremento netto dei propri crediti, mentre nel secondo si tratta di un vero e proprio schema di prestito bancario verso i settori cosiddetti di crescita dell'economia giapponese. Ebbene in entrambi in casi si e' deciso per un'estensione di un anno e per il raddoppio della portata dei due piani. Il tasso fisso dei prestiti concessi sara' dello 0,1% per 4 anni, rispetto al range di 1-3 precedenti, con ammontari che nel caso del GSFF passano dai precedenti 3.500 miliardi di yen ad addirittura 7mila miliardi di yen. Inoltre e' stata determinato il prolungamento della linea di credito a favore delle operazioni di ricostruzione nelle zone colpite dal sisma e dallo tsunami del 2011. Beh, in breve, quali considerazioni? La Bank of Japan da sempre risulta l'istituto centrale piu' credibile e la strada aggressiva intrapresa un anno e mezzo fa e' stata confermata una volta di piu', per quanto in termini di sostanza le misure implementate non portino ad uno stravolgimento effettivo del Quantitative Easing gia' messo in campo. Cio' non ha potuto che favorire un rialzo prepotente dell'indice azionario domestico di riferimento, il Nikkei, che dai supporti in area 14.400 punti e' balzato a oltre 14.800 grazie soprattutto al rally dei titoli bancari, e naturalmente a prepotenti indebolimenti dello yen che contro dollaro americano e' andato a ritestare le resistenze a 102,60. In entrambe le situazioni e' ragionevole pensare, dati i presupposti tecnici, che se superate le rispettive aree di resistenza, ci potranno essere ancora ottime estensioni dei movimenti visti questa notte. L'imminente Press Conference del governatore Kuroda potrebbe rappresentare il propellente necessario a questo tipo di sviluppo. Inflazione del Regno Unito osservato speciale. Tornano anche questa settimana di nuovo di grande attualita' le vicende d'oltremanica, a partire dalla comunicazione dell'Inflazione del Regno Unito che su base annuale e' attesa come da dato precedente al 2%. Abbiamo gia' nei giorni scorsi ampiamente discusso a proposito del clamoroso miglioramento occupazione in Gran Bretagna, che ha sorpreso gli stessi policy maker i quali si sono ritrovati a dover ammettere l'allontanamento della situazione reale rispetto alle aspettative, senza che pero' per ora cio' abbia portato a modifiche della forward guidance della BoE che ha gia' comunicato che il tasso di interesse di riferimento restera' su questi livelli ancora a lungo. Cio' non ha comunque impedito fortissimi apprezzamenti del pound che su un dato superiore al 2% (ed e' lecito attenderselo) potrebbe trovare nuovi spunti di rafforzamento per nuovi massimi contro il dollaro americano e ritorni importanti su livelli sostenuti contro le altre major. QUADRO TECNICO. EurUsd: potremmo quasi fare un copia ed incolla dell'analisi fatta ieri in quanto il cambio principe non ha praticamente fatto registrare variazioni significative di prezzo e del quadro tecnico piu' generale. La candela giornaliera sviluppatasi ieri ne e' dimostrazione ufficale; ci troviamo dentro il canale rialzista dai minimi di inizio mese, con dei tentativi di divergenza regolare ribassista tra prezzo ed oscillatore stocastico che sono andati svilendosi sui minimi crescenti della price action che, venendo al grafico orario, resta congestionata tra l'1,3690 e l'1,3720. Appare percio' sensata un'operativita' in stop entry, laddove comunque non appaiono troppo significativi i market mover riguardanti l'euro. Eventuali strappi al rialzo, previo il livello di 1,3730, potrebbero condurci nuovamente ad area 1,3765, mentre al ribasso e' ben individuabile il livello di 1,3650. UsdJpy: come detto in introduzione, forte movimento rialzista del cambio che gia' dal grafico settimanale appariva in impostazione tecnica di ripartenza rialzista. Buono il grafico a 8 ore dal punto di vista ciclico a segnalare inversioni rialziste che hanno condotto il prezzo precisamente sulla resistenza a 102,65. Da qui sono verosimili ritracciamenti di breve che potranno riguardare area 102,50 per nuovi tentativi che se andassero a buon fine potrebbero vedere in 102,90 il primo target e 103,45 il secondo. Le parziali ricoperture del movimento della notte potrebbero invece trasformarsi in nuovi ribassi, meno verosimili, sotto 102,20 per il ritorno sui supporti tra 101,90 e 101,65. EurJpy: impostazione meno precisa per il cross, rispetto ai due sopracitati cambi originali. Buono il segnale rialzista con la rottura della congestione e la possibile presa di direzionalita' delle medie mobile per la ricerca di acquisti sui primi retest della media esponenziale a 21 periodi nei pressi deu punti statici a 140,40 verso la ripresa di 141 e 141,30. Posizionamenti short vanno contemplati sotto 140 per un ritorno sui supporti tra 139,50 e 138,90. GbpUsd: massimi dal 2009 dunque per la sterlina contro il dollaro americano. Molto significativo il grafico a 4 ore che in prossimita' della soglia di 1,67 fa passare la media mobile esponenziale a 21 periodi che sembra aver gia' perfettamente funto da resistenza dinamica per ripartenze verso il primo livello a 1,6750 che, se violato, puo' ricondurci sui massimi oltre 1,68. Forte dunque l'area di supporto compresa tra 1,67 e 1,6675, dal cui superamento passano le discese verso 1,6625. AudUsd: la figura di riferimento resta il canale rialzista iniziato dai minimi di fine gennaio, con punti cruciali che si leggono bene dal grafico daily che individua nella resistenza a 0,9075 il passaggio della media mobile a 100 periodi e la media 21 che pare possa fornire direzionalita' al rialzo. Venendo a grafici piu' di breve si evidenzia ancora meglio l'importanza della confluenza grafica a 0,90 come basse per partenze al rialzo che troverebbero definitivo sviluppo solo sopra 0,9085 verso area 0,9160. I primi short potrebbero invece essere implementati al perforamento di 0,8990 verso 0,8955 come primo target e 0,8920 come secondo. Ger30 (Dax): il grafico giornaliero mette in evidenza la buona corrispondenza e regolarita' tra swing del prezzo e quelli dell'oscillatore stocastico. Sul 4 ore abbiamo assistito alla negazione di una doppia divergenza regolare ribassista, verso nuovi massimi sopra 9.685 punti per ripresa di 9.735 e potenzialmente dei massimi a 9.790. Eccezionale in questo senso la dinamica della media mobile a 21 periodi sul grafico orario come supporto dinamico, sfruttabile in ottica ribassista per rapidi sell verso area 9.600 punti, con forte area di ripartenza tra 9.560 e 9.530 punti. Oro (XauUsd): siamo tornati su buone aree di supporto per ripensare ad acquisti dopo il fallimento di rotture importanti sopra quota 1.330 dollari l'oncia. Area di supporto che si completa con il livello di 1.314, la cui tenuta potrebbe puntare ai massimi visti finora e ad estensioni quanto meno a 1.340. Sotto tale supporto invece i livelli da curare restano 1.307 e 1.296. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione) . . red/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari