lunedì 05 dicembre | 19:58
pubblicato il 22/ott/2013 09:35

Cambi: ritornano le buste paga Usa (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 22 ott - Ebbene ci troviamo ad attendere il market mover di tutti i market mover a fine mese e per giunta di martedi'. In questi anni che, ahinoi, ricorderemo nitidamente per tutti gli eventi eccezionali succedutisi da un punto di vista economico e finanziario, aggiungiamo in palmares anche i Non Farm Payrolls di fine mese. Le aspettative. Come noto, la mancata approvazione del bilancio federale ha portato circa tre settimane fa alla paralisi dell'attivita' amministrativa con molti uffici pubblici, tra cui il Labour Department of Statistics, che sono rimasti chiusi e che dunque, nella fattispecie, non ha potuto diffondere i dati sul lavoro negli Stati Uniti. Pubblicazione che quindi avverra' alle nostre ore 14,30, come di consueto, e che vede aspettative per nuovi posti di lavoro creati nei settori non agricolo attestarsi a 180mila, con il dato precedente che invece era stato di 169mila unita'. Il tasso di disoccupazione atteso e' invece al 7,3%, esattamente come la precedente rilevazione. Questi dati rivestono un'importanza fondamentale - nel nostro caso per la volatilita' che portano sui prezzi degli strumenti finanziari - non solo perche' indicatori di una grandezza economica di riferimento dell'economia piu' grande del mondo, ma perche' ormai da qualche tempo ad essi sono legate le aspettative circa le future manovre della Federal Reserve dal punto di vista dell'ormai famigerato Quantitative Easing 3, che vede attualmente la Banca Centrale Usa iniettare 85 miliardi di dollari nel sistema per acquisti ripartiti in 45 miliardi di titoli di stato e 40 miliardi in Mortgage Backed Securities, titoli legati a mutui ipotecari. E' noto infatti come esplicitamente Ben Bernanke abbia legato la riduzione del programma di acquisti a precisi target dal punto di vista occupazionale, sia in materia di quello che viene definito ''tapering'', sia sulla forward guidance, la politica attesa cioe' sui tassi di interesse. In quest'accezione la reazione dei prezzi sara' sovrastimata perche' questa variabile pesera' inevitabilmente all'uscita dei dati, piu' che se essi riflettessero esclusivamente la condizione occupazionale dell'economia a stelle e strisce. Anche se, e questo va detto con estrema franchezza, l'ipotesi concreta di un alleggerimento dei piani di acquisti imminente risulta abbastanza lontana dalla realta' e forse, in maniera un po' maligna, questa falsa aspettativa e' cio' che realmente auspicavano di ottenere e probabilmente l'idea del tapering e' sempre stata distante dall'essere messa in pratica. La recente crisi di politica fiscale dell'America lo ha dimostrato, cosi' come la nomina della ''supercolomba'' Yellen a capo della Fed. Gli elementi di analisi. Il contesto all'interno del quale arrivano le pubblicazioni e' evidentemente particolare. Da un punto di vista macro, perche' arriva dopo eventi piuttosto drammatici della vita pubblica americana come lo shutdown e il pericolo di default del debito (mai pero' veramente prezzato dal mercato), e dal punto di vista tecnico, se si considera che la volatilita' del mercato resta piuttosto ridotta e che quindi i possibili movimenti di prezzo potranno essere ancora piu' violenti. La reazione che ci aspettiamo e' tanto piu' quella che vedra' acquisti generalizzati di dollaro americano a fronte di dati ''veramente'' positivi, ribassi per il sensibile oro e Borse, che nonostante tutto, potrebbero tentare nuovi massimi per poi andare a ritracciare nei giorni prossimi. Quando utilizziamo il termine ''veramente'' ci riferiamo ad un quadro generale delle release che sia positivo non solo nella forma ma nella sostanza. Ci spieghiamo: per quanto l'attenzione degli operatori (istituzionali con tanto di HFT) sia rivolta a NFP e Tasso di Disoccupazione, il report pubblicato dal LBS e' ben piu' ampio e dettagliato e tiene conto di elementi quali il salario orario medio, la media di ore settimanali e soprattutto la distribuzione dei posti di lavoro creati a livello settoriale. E' il complesso di questi elementi che determina infatti la portata dei movimenti derivanti dalla release dei dati; sono stati emblematici quei casi in cui il tasso di disoccupazione e' sceso a fronte di pochi posti di lavoro creati, scenario nel quale e' evidentemente lo scarso tasso di partecipazione (lo scorso era ai minimi dal 1978) a prevalere. Cosi' come se si procede ad un'analisi dei settori che generano nuova occupazione si palesa come nei recenti incrementi positivi cio' sia dipeso da nuovi impieghi in settori caratterizzati da stagionalita', scarsa produttivita' e tasso di specializzazione molto ridotto. Evidentemente cio' risulta difficile da mettere in pratica a livello operativo, nel momento in cui resta piuttosto complicato se non inverosimile pensare di poter analizzare cosi' tante sfaccettature in pochi minuti. Puo' pero' essere d'aiuto, al di la' della volatilita' dei primissimi minuti post-release che dipende in gran parte dagli NFP, procedere ad una breve revisione della pubblicazione per stimare approfondimenti o sgonfiamenti dei movimenti in atto e rotture piu' o meno importanti di livelli tecnici di attenzione. Un dato in chiaroscuro comunque potrebbe portare all'appesantimento delle posizioni corte di dollaro, acuire il rialzo delle commodities, tenere gli indici azionari sostenuti cosi' come il prezzo degli obbligazionari. Effetto amplificato di questo quadro, naturalmente, in caso di dati negativi. QUADRO TECNICO. EurUsd: dopo l'estenuante lateralita' di ieri, si sono apprezzati movimenti di leggero ribasso nella notte non comunque in grado di riprendere i minimi sui tentativi di rottura di ieri in area 1,3650. Quest'ultimo dunque il riferimento intraday, sostenuto dalla media mobile esponenziale a 21 periodi sul 4 ore il cui appiattimento ben descrive la fase di accumulazione e sulla quale potrebbe scaricarsi definitivamente l'oscillatore stocastico. Prima dei dati varra' la pena considerare questo punto tecnico come supporto e l'1,3685 come resistenza, per poi attendersi strappi al rialzo per l'1,3715 e rotture in grado di spingere fino all'area di 1,3790/1,38. Sulla grande volatilita', in senso ribassista, e' lecito aspettarsi il ritorno in area 1,36 con possibili approfondimenti fino a 1,3565. UsdJpy: discreta la risalita del cambio che in maniera molto tecnica si e' arrestata in area 98,30. Da qui e' possibile assistere a tentativi di caccia de l livello successivo in area 98,50 da cui verosimilmente attendersi dei ritracciamenti suffragati dal possibile sviluppo di una divergenza regolare ribassista tra prezzo e oscillatore stocastico sul grafico orario per la ripresa di area 98. L'area di resistenza per grossi allunghi rialzisti resta intorno a 99, mentre restano 97,60 e 97,15 i riferimenti al ribasso. EurJpy: regolare dunque il percorso rialzista del cross, che potrebbe tentare estensioni fino a 134,50 per poi poter ritracciare sulla divergenza prezzo-stocastico su 4 ore a favore di 134,20 e 134 in primis. Trattandosi di verosimili flussi a favore o contro dollaro americano, quest'oggi il cross potrebbe essere volatile ma non direzionale e occorrera' porre attenzione a quest'aspetto. Vi sara' dunque la possibilita' di assistere a movimenti possibili verso i massimi a 135 per successivi storni, cosi' come al ribasso verso l'area di 133,50. GbpUsd: il 4 ore del cambio vede il prezzo perfettamente appoggiato sulla media mobile a 21 periodi nonche' sul supporto statico a 1,6130. La correzione ribassista potrebbe proprio su questi punti essersi esaurita a favore della ripresa di 1,6150 e 1,6175. Sugli incrementi di volatilita' e' del tutto lecito un ritorno sui massimi a 1,6225 in senso bullish, e l'affondo verso le confluenze statiche e dinamiche a 1,6070 prima e 1,6015 poi, in senso bearish. AudUsd: ancora molto sostenuto il dollaro australiano, appiattitosi sul livello di 0,9680. Strappi al rialzo, pure verosimili in mattinata, farebbero intravedere area 0,9720, dopo l'ottimo appoggio sul supporto a 0,9645. Sotto questo punto ci si puo' invece girare per la ripresa di area 0,9615. 0,9775 e 0,9660 i punti lontani ma raggiungibili sulle release. XauUsd: oro in forte congestione che sembra ben prepararsi a potenti strappi durante la pubblicazione dei dati di questo pomeriggio. L'area di 1,310 e' quella di riferimento come supporto e sulla quale ancora convengono acquisti di gold, dal punto di vista del RR. 1.318 e 1.323 i primi riferimenti, seguiti naturalmente da 1.330. Possibile enorme volatilita' anche sul metallo giallo per break rialzisti in grado di riprendere area 1.345 e 1.356. Crolli a 1.290 assolutamente verosimili su uno scenario di rafforzamento di dollaro. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). . red/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari