giovedì 08 dicembre | 20:06
pubblicato il 12/giu/2014 09:22

Cambi: RBNZ, tassi al 3,25% (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 12 giu 2014 - Succede gia' da qualche settimana, soprattutto nel breve periodo. Dollaro neozelandese e dollaro australiano fanno fatica a muoversi in maniera correlata, ne abbiamo avuto conferma anche ieri dopo la decisione sui tassi da parte della RBNZ. Terzo rialzo in tre riunioni. Sempre al fine di raffreddare l'immobiliare e con l'evidente contraddizione che viene portata avanti dalla Reserve Bank of New Zealand, ovvero il desiderio di vedere una divisa piu' debole rispetto ai valori raggiunti attualmente, la RBNZ ha alzato come da attese i tassi dal 3.00% al 3.25%. A differenza della BCE, che non prende posizione sul tasso di cambio in quanto non facente parte dei propri target, la RBNZ si e' definita sorpresa che il valore del dollaro neozelandese non si sia ridimensionato assieme al calo del prezzo delle materie prime, ma si attendono che questo accada. Oltre a cio', la Banca capitanata da Wheeler ha dichiarato apertamente che un tasso di cambio cosi' alto non e' sostenibile, pensando alla crescita economica futura. Nello stesso tempo pero', le pressioni inflazionistiche che gravano sull'immobiliare fanno si' che si decida di alzare il costo del denaro, al fine di incentivare le sottoscrizioni di titoli che pagano un risk free (governativi, per esempio), in modo tale da drenare liquidita' in circolazione e quindi l'inflazione. Il problema e' che, di fronte ad un mercato globale dove i rendimenti latitano (pensiamo ai tassi di interesse relativi alle maggiori economie consolidate), gli investitori vanno a ricercare qualche lido sicuro ed in grado di offrire un duplice effetto prezzi-tassi, quello che la Nuova Zelanda e' ben in grado di fare. Se guardiamo un grafico orario del Kiwi (NzdUsd) ci rndiamo conto di come siano stati forti i flussi di acquisto di neozelandese, in controtendenza (ma gia' lo sapevamo, per quanto visto) rispetto al desiderata della RBNZ. AUD vs. NZD. Con la Cina che vede delle previsioni di crescita che non dovrebbero portarsi sotto il 7% stimato dagli analisti per quest'anno esistono buone possibilita' che, nel momento in cui le due banche centrali non dovessero mostrarsi decise ad interventismi, i prezzi possano rimanere sostenuti, anche se operativamente questo non ci interessa piu' di tanto. Diviene interessante osservare come, dopo un primo movimento di reazione del dollaro australiano, correlato con il neozelandese, l'aussie non sia partito a rialzo e con la pubblicazione dei dati sulla disoccupazione a 5.8%, in linea con le attese ma con 4.800 posti di lavoro persi (anche in mattinata abbiamo avuto la pubblicazione degli stessi dati in UK, migliori delle attese a 6.6% e +345K posti, che hanno supportato la sterlina), il dollaro australiano e' stato venduto. Rimaniamo quindi accorti sulla ricerca di correlazioni affidabili. Attualmente, non ce ne sono di durature. QUADRO TECNICO. EurUsd: molto buona la tenuta della resistenze durante la mattinata, che ha prodotto una discesa dei prezzi fino ai punti di minimo precedenti. Stiamo congestionando tra 1.3560 e 1.3520, livelli che potrebbero essere sfruttati per vendite rispettivamente in limit o in stop per puntare ad eventuali discese verso le aree di supporto piu' importanti, ovvero quelle che passano tra 1.3500 e 1.3475. L'idea di curare l'area di 1.3585 che potrebbe riproporre tentativi di raggiungimento di area 1.3620 se superata, sembra buona. UsdJpy: cambio che ha raggiunto i punti di minimo pensati a 101.85, prima di ripartire e fermarsi esattamente sotto i punti di supporto primi valutati ieri. Siamo ora al passaggio ad un grafico orario, dopo aver ragionato per due giorni su un 4 ore e vediamo la formazione di una figura a bandiera potenzialmente ribassista che in caso di rottura a ribasso di area 101.95 potrebbe essere propedeutica ad estensioni oltre i punti di minimo. L'idea che il mercato torni sopra a 102.15 potrebbe portare a considerare eventuali giri a rialzo verso 102.25/35, difficili da lavorare in reverse. EurJpy: area passante tra 138.60 e 138.80 che ha tenuto egregiamente e che ha condotto i prezzi oltre 138.00. Siamo ora nei pressi della media a 21, sotto i punti statici precedenti ed all'interno di un trend ribassista pur essendo usciti dal canale ribassista individuabile su un time frame orario. In caso di approfondimento sotto 137.95 e' possibile considerare eventuali ripartenze dello yen con target che potrebbero muoversi tra 137.60 e 40, con l'idea che un superamento dei massimi di stanotte potrebbe portare verso la media a 21 a 4 ore, area dove e' possibile ipotizzare ad una frenata delle quotazioni. GbpUsd: le aree di resistenza viste ieri sono state infrante sulla pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro. L'idea di non girarci a rialzo in caso di superamento di area 1.6785 non e' stata malvaglia in quanto il mercato ha si' esteso per pochi punti sopra la figura tonda a rialzo, ma ha stornato anche fino a 1.6770, facendo si' che per mantenere un buon R/R su questa operazione di reverse ci saremmo stoppati la seconda volta. Oggi siamo sopra i punti di medie orarie che potrebbero insieme ai minimi passanti per 1.6775 fungere da supporto per farci pensare ad acquisti di sterlina, con l'idea che ritorni sotto 1.6765 possano accompagnare le quotazioni verso 1.6740. AudUsd: nessuna operativita' su AudUsd, con i livelli visti ieri che non sono stati raggiunti pur essendosi verificato il movimento tecnico ipotizzato, con estensioni verso area 0.9410. Siamo ora in una situazione sporcata tecnicamente da questa notte, con il mercato che potrebbe estendere a ribasso a completamento di una divergenza a 4 ore che seguiamo da due giorni in caso di approfondimento sotto area 0.9345, con 0.9325 come scoglio sul movimento. In caso di raggiungimento di area 0.9395 e' possibile che si tentino delle accelerazioni verso i massimi, con l'accortezza che superamenti di essi potrebbero far esaurire il movimento fino a quando non dovessimo superare area 0.9430. Per Dax e Oro rimandiamo al nostro Morning Meeting delle ore 9.30. Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione. red/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni