giovedì 08 dicembre | 21:44
pubblicato il 14/ott/2013 09:05

Cambi: oro e borse protagonisti (analisi FXCM)

(ASCA-FXCM) - Roma, 14 ott - Nessun nuovo tema sul tavolo e settimana che si riapre all'insegna dell'incertezza su quello che potrebbe accadere negli Stati Uniti, anche se i prezzi ci fanno pensare che gli animi degli investitori siano abbastanza tranquilli, soprattutto per quanto concerne la questione riguardante il tetto del debito. Borse sostenute ed oro in calo.

Le borse, durante la giornata di venerdi', hanno chiaramente mostrato come il sentiment prevalente tra gli operatori fosse rivolto al risk on, seppur non totale (come visto insieme) dopo i rumor circolati su un possibile accordo per innalzare per sei settimane la soglia che puo' essere raggiunta dal debito americano. L'S&P500, se osservato su un grafico orario, ha tenuto molto bene i supporti statici ed i prezzi, una volta appoggiatisi sulla media mobile a 21 periodi, sono ripartiti per compiere nuovi massimi relativi poco sopra 1,700.0, tutto questo di fronte ad un metallo giallo sotto forte pressione che, tecnicamente, si e' comportato esattamente all'opposto rispetto a quanto appena visto. I prezzi infatti non sono stati in grado di superare a rialzo l'area di resistenza statica passante intorno a 1,295.00 (livelli che prima hanno funzionato da supporto e poi da resistenza, coincidenti tra l'altro con la media mobile a 100 periodi) e dopo aver ritestato la media mobile a 21 sono scesi a sfiorare quota 1,260.00, dandoci l'ennesima conferma, se mai dovesse servirci, di come il suo status di bene rifugio sia da accantonare fino a quando non dovessero arrivare notizie destabilizzanti l'intero sistema economico.

Fino a quel momento (speriamo che non arrivi mai) le pressioni sul metallo giallo potrebbero perdurare, soprattutto nel breve periodo. Questa mattina troviamo l'oro su livelli invariati ed i futures sugli indici americani che hanno mostrato dei forti gap ribassisti in seguito a quanto accaduto in Asia, dove il Nikkei e' andato a correggere dopo la salita strutturale di breve periodo mostrata a partire dal triplo minimo visto pochi giorni fa, il che ci fa pensare a potenziali correzioni ribassiste, che non valuteremo operativamente fino a quando i prezzi non supereranno i supporti statici posti tra 1,685.0 e 1,680.0, livelli sui quali si potrebbero valutare addirittura acquisti dato il buon risk reward offerto.

Il dollaro australiano protagonista. Questa notte il gap piu' importante si e' visto sul dollaro australiano, prima della pubblicazione di dati macro provenienti dalla Cina che hanno mostrato un'inflazione in crescita (3.1% vs consensus di 2.8%) che hanno riportato i prezzi sui livelli di pre-apertura. Continua percio' la fase laterale molto ampia (lievemente rialzista) che stiamo vivendo sul dollaro australiano, tra 0.9400 e 0.9500, senza che i movimenti di questa divisa vadano a correlarsi in maniera particolare con qualche altro strumento finanziario.

Continuiamo a seguire logiche correlative soltanto quando ci riferiamo allo yen ad ai mercati di borsa asiatici, per il resto, ognuno va da solo.

QUADRO TECNICO. EurUsd: ci troviamo sopra le medie orarie, che hanno incrociato a rialzo, all'interno di una congestione poco chiara e che vede i livelli principali da seguire passanti a 1.35 1/4 e a 1.3585. Questi i punti che potrebbero portare a buoni aumenti di volatilita', verso 1.3615 o verso 1.3500, anche se il risk reward offerto dal cambio non sembra essere ottimale in qualsiasi caso. Buona l'idea di attendere il raggiungimento di livelli migliori per l'operativita'.

UsdJpy: rafforzamento dello yen in seguito alla discesa vista sul Nikkei, con i prezzi che hanno tenuto l'area di 98.00 che ora, insieme a 97.90 (punti precedenti e media a 100 oraria) rappresenta un buon livello di supporto sul quale eventualmente pensare ad acquisti di dollaro, tenendo conto che un ritorno sotto 97. 3/4 potrebbe lasciare spazio a rivalutazioni dello yen fino a 97.45. In caso di ripartenza e' plausibile attendersi un raggiungimento dei massimi visti venerdi', che devono essere superati almeno di una quindicina di punti prima di pensare a salite importanti.

EurJpy: situazione simile a UsdJpy, con le aree di supporto passanti per 132.90. Nel caso in cui i prezzi dovessero oltrepassare il livello di 132.75 e' possibile assistere ad accelerazioni verso 132.40, che rimane l'area principale da seguire prima di pensare ad eventuali posizionamenti short verso la figura.

GbpUsd: dopo la rottura ribassista della bandiera vista venerdi' il mercato ha quasi raggiunto i minimi precedenti per poi ripartire in correzione. Ci stiamo avvicinando nuovamente all'area di 1.6000/6015 che potrebbe fungere nuovamente da resistenza, sulla quale pensare ad acquisti di dollaro americano tenendo conto che un superamento di area 1.60 1/4 potrebbe farci assistere a ripartenze verso 1.60 3/4. Se dovessimo rivedere i prezzi sotto 1.5940 e' possibile attenderci nuovi minimi, con primi target verso 1.5860/80.

AudUsd: buone le resistenze passanti in area 0.9475 sulle quali e' possibile valutare eventuali acquisti di dollaro americano per l'ottimo R/R offerto dal mercato. Un superamento di area 0.9485 potrebbe infatti portare ad accelerazioni verso 0.9525, livello di resistenza piu' importante che potrebbe comunque contenere le quotazioni e riportarle verso la parte alta di 0.9400. Si rende necessario un superamento di 0.9550 prima di pensare ad importanti ripartenze verso 0.9600.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni