sabato 10 dicembre | 06:12
pubblicato il 01/ago/2013 08:39

Cambi: niente uscita dal QE a stelle e strisce (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 1 ago - Non che ci aspettassimo una decisione durante il meeting di ieri sera, ma forse qualche indicazione piu' precisa si sarebbe potuta dare. Non sono stati citati time frame di riferimento e ci si e' limitati a ribadire che, in linea con i propri compiti di ricerca del livello di occupazione massima all'interno di un quadro di stabilita' dei prezzi, la Fed andra' a mantenere i tassi di riferimento tra lo 0% e lo 0.25% e che sara' pronta ad aumentare o diminuire il ritmo degli acquisti dei titoli di stato e dei MBS in base alle necessita'. Segnale chiaro per gli investitori? A nostro parere, si'. Ora come ora, gli investitori dovrebbero comprendere come, grazie alle indicazioni fornite sulla crescita (rivista da moderata a modesta) e sull'inflazione (che rimane sotto il livello del 2% nel breve periodo e sulla quale le aspettative di medio periodo risultano ben ancorate, un'eventuale uscita dal Quantitative Easing sia stata ufficiosamente rimandata nel tempo e se dovessimo sbilanciarci a livello temporale, crediamo che non se ne riparli piu' fino al prossimo ottobre. Questo potrebbe, nel medio periodo, continuare ad essere supportivo per le borse, soprattutto se i dati riguardanti il mercato del lavoro dovessero continuare a mostrare un trend crescente, senza pero' andare a stupire troppo con sorprese sul fronte del tasso di disoccupazione, che se dovesse avvicinarsi alla soglia stabilita da Bernanke e company del 6.5%, potrebbe nuovamente accendere una miccia di paura di minor liquidita' iniettata nel sistema. Il dollaro si e' mosso dalla stessa parte contro tutto Il dollaro si muovera' dalla stessa parte contro tutto? Questa la domanda che ci ponevamo ieri mattina, dopo due settimane di mancanza di correlazioni tra i diversi strumenti finanziari (per essere piu' precisi le correlazioni, quando createsi, sono durate davvero poche ore, il che le rende inutilizzabili o quasi dal punto di vista operativo). Oltre a questo, seguivamo con attenzione la reazione del dollaro americano confrontato con due sfere di analisi: le borse americane e le borse globali. Ebbene, il dollaro si e' mosso a ribasso contro tutto andando a finanziare acquisti di borse Usa che, pero', nel momento in cui non sono riuscite a rompere i massimi di periodo hanno visto un ripiegamento che e' corrisposto ad acquisti di dollaro americano. Le altre borse si sono mosse davvero poco sul dato e questo ci conferma come rimanga valido il concetto di ''regionalita''' delle situazioni di risk on o risk off su cui abbiamo ragionato nei giorni scorsi. Oggi e' il turno della BCE. E della BoE, che non dovrebbe prendere nessuna decisione di rilievo e questo, che ha pesato sulla sterlina dopo l'ultimo meeting, potrebbe rivelarsi un buon market mover da seguire comunque, per aumenti di volatilita' di breve che non dovrebbero cambiare la direzionalita' di base del cable. Per quanto riguarda invece la BCE, oggi non sono attese mosse di alcun genere, ci si limitera' a seguire con attenzione la conferenza stampa di Mario Draghi, per cercare di comprendere le intenzioni future dell'istituto centrale di Francoforte, che come ribadito piu' volte, a nostro parere e' in ritardo di mesi su dei tagli di tassi (anche sui depositi, crediamo di essere stati tra i primi se non i primi a far circolare questo concetto mesi e mesi fa). Se dovessero mostrarsi piu' concreti nel creare un'aspettativa del genere, l'euro potrebbe paradossalmente reagire in negativo sulle prime comunicazioni, per poi eventualmente ripartire a rialzo in quanto le aspettative vedrebbero dei tassi reali overnight in potenziale salita dai livelli attuali che quotano intorno allo 0.02%, se parliamo di tassi reali, a fronte di un nominale dello 0.50%. Seguiremo insieme la conferenza stampa della BCE alle ore 14.25, non mancate. EurUsd: la moneta unica europea ha tentato rotture rialziste e ribassiste, negate entrambe. Ora abbiamo a disposizione dei buoni livelli da seguire per l'operativita' della giornata, dati proprio dai confini ultimi segnati, che possono essere curati per ragionare su eventuali rotture. Il fatto di aver deciso di aspettare la Fed per lavorare e' stata una scelta saggia, ed ora curiamo con attenzione proprio questi punti per assistere a potenziali rotture che potrebbero raggiungere 1.3170 o 1.3390. UsdJpy: buona lateralita' del UsdJpy, che si e' mantenuto all'interno dei valori visti come supporti e resistenze e che non e' riuscito a rompere ne' da una parte ne' dall'altra. Ci troviamo in prossimita' di 98.50, buon livello di resistenza statica che passa prima di 98.75, livello che se rotto potrebbe portare al raggiungimento di 98.90, area che se rotta puo' portare ad accelerazioni verso 99.30. Se dovessimo tornare verso i minimi, crediamo che una rottura di 97.60 diventi necessaria per assistere ad approfondimenti. EurJpy: sieri abbiamo raggiunto l'area sulla quale si sarebbe potuta valutare una rottura ribassista, senza pero' aver assistito a nessuna rottura. Questo conferma che l'area di 129.35 risulti un'ottima area di supporto, da seguire per eventuali approfondimenti ribassisti verso i punti precedenti. Prima della Fed e questa mattina, per ben due volte, ci siamo avvicinati ai livelli indicati ieri per assistere a rotture rialziste, 130.85. Questo rappresenta un buon livello di resistenza, considerando il fatto che se dovessimo assistere ad una sua rottura, il mercato potrebbe provare accelerazioni oltre 131.00 (30/40 un possibile target). GbpUsd: altissima volatilita' sul cable, dopo una giornata in cui le resistenze indicate dalla media a 21 oraria hanno funzionato egregiamente durante la mattinata, spingendo i prezzi oltre 1.5150. Dopo il FOMC, abbiamo assistito ad un tentativo di ripresa importante, non in grado di superare 1.5275, che consideriamo ancora come area di potenziale trigger per la visita di 1.5300, che come ipotizzato ieri deve essere superato di almeno 1/4 di figura prima di poterci fare pensare a rotture definitive. 1.5120 il livello che si potrebbe curare per pensare a discese verso 1.5060. AudUsd: lo Speculative Sentiment Index non ha sbagliato e alla fine il cambio ha rotto i supporti, pulendo diversi stop e consolidando sotto i livelli vecchi di minimo, che ora fungono insieme alla media mobile a 21 oraria come resistenze. 0.9015 il livello da superare (con una tolleranza di una decina di punti), per correzioni che non dovrebbero, in ultima istanza, spingersi oltre 0.9100 (con 0.9050 e 0.9075 buoni livelli intermedi di resistenza, dati da punti statici precedenti appartenenti alla discesa). Una tenuta delle resistenze potrebbe far approfondire il movimento sotto i minimi di stanotte, con area 0.8875 potenziale target. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina