domenica 04 dicembre | 04:52
pubblicato il 27/mar/2014 19:31

Cambi: mercato-rebus, euro/dollaro fallisce nuovi massimi (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 27 mar 2014 - Da un punto di vista squisitamente tecnico, il mercato continua ad essere di difficile interpretazione per due motivi: l'assenza completa di correlazioni che possano portare a buone chiavi di interpretazione del mercato e la relativa assenza di dati macroeconomici rilevanti in grado di costruire aspettative quanto meno di breve. Cosi' mentre l'euro/dollaro fallisce nuovi punti di massimo e mette a segno nuovi minimi all'interno della cruciale area di supporto compresa tra 1,37 e 1,3740, il cambio Gbp/Usd sale in maniera importante spinto dalla conferma di dati positivi questa volta riguardanti le Vendite al Dettaglio che su base annuale sono uscite a 3,5% contro attese di 2,5% e su base mensile a 1,7% contro attese di 0,5%. Verosimile dunque la ripartenza verso area 1,6660 e verso i punti in area 1,6720 per il cambio, comunque gia' orientato al rialzo da un punto di vista strutturale. Grande volatilita' ma assenza di direzionalita' si stima invece sui listini azionari, con l'indice benchmark S&P500 che continua ad oscillare tra area 1.853 e 1.840 punti la cui rottura probabilmente potra' condurre a movimenti rilevanti verso 1.830 e 1.870 al rialzo.

red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari