domenica 11 dicembre | 05:53
pubblicato il 15/ott/2013 09:04

Cambi: lente ripartenze (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 15 ott - Aperture settimanali in gap a parte, l'inizio di questa 5 giorni di mercato - estremamente attesa per gli sviluppi che proverranno dal fronte americano circa le scottanti questioni su shutdown e debt ceiling - appare decisamente tranquilla quasi a sottendere una calma generalizzata che suggerisce tutt'altro che aspettative di panico sui mercati, complici anche le festivita' che ieri hanno riguardato mercati asiatici e Canada.

Bene il dollaro australiano. Chi continua a mostrare buona forza relativa tra le major e' il dollaro australiano il quale questa notte e' stato interessato dalle minute della Reserve Bank of Australia. Quest'ultima ha ribadito la possibilita' non remota di ulteriori possibili tagli al tasso d'interesse di riferimento, nonche' l'incertezza verso questa inaspettata forza della valuta domestica. Tra i diversi punti che riguardano una domanda crescente di credito, un discreto miglioramento sul fronte immobiliare e degli investimenti a cui fanno da controaltare le incertezze legate alla politica fiscale degli Stati Uniti, da sottolineare il tema dell'inflazione, in particolare quella attesa, che viene stimata all'interno dei target previsti da qui ai prossimi due anni. Il che sottrarrebbe ai mercati le aspettative circa imminenti possibili tagli dei tassi, quelli che in definitiva, oltre ai tassi di cambio attesi, concorrono alla formazione del prezzo di un rapporto di cambio. Non e' percio' delineabile un facile quadro di lettura per la valuta oceanica che rimane sostenuta anche a fronte dei dati di Settembre provenienti dalla Cina dal punto di vista commerciale; anche se infatti le esportazioni del gigante asiatico sono rivelatesi inferiori alle attese, le importazioni hanno positivamente sorpreso. Se a cio' si aggiunge che la Cina sta meditando circa la possibilita' di chiudere piu' di 2mila miniere di carbone, si ottiene un elemento in piu' per ritenere che la domanda di dollari australiani possa rimanere sostenuta. Quindi, a meno di un forte deterioramento delle condizioni di crescita domestica dell'Australia, vista una sostanziale stabilita' del sentiment dal punto di vista del rischio e aspettative ancorate dell'inflazione, il dollaro australiano potrebbe proseguire nei suoi guadagni contro il biglietto verde e i livelli tecnici, che a breve andremo ad analizzare, potrebbero suffragare questa tesi.

Settimana importante per il pound Vista la sostanziale stasi del dollaro americano legata alle vicende pocanzi accennate le quali non suggeriscono scenari di avversione al rischio ne' tantomeno di propensione allo stesso, sono le altre major a dettare il passo per quello che riguarda il mercato dei cambi. Dopo il dollaro australiano (per cui si attendono ulteriori dati sul fronte del Pil Cinese questo venerdi'), questa settimana si rivela importante anche per la sterlina la quale oggi vedra' la pubblicazione dell'inflazione al consumo nonche' alla produzione, il tasso di disoccupazione e la variazione dei sussidi di disoccupazione domani e le vendite al dettaglio nella mattinata di giovedi'. Cio' potrebbe far perdurare quella discreta volatilita' che ha affetto la divisa britannica nei confronti di dollaro e soprattutto di euro, in un contesto generale nel quale proprio la volatilita' e' latitante. Le ultime release sulla Gran Bretagna sono state negative e il perdurare di questo scenario causerebbe, a nostro avviso, un deterioramento del quadro tecnico di cable ed europound a favore di un'inversione degli attuali quadri tecnici che premiano la sterlina in termini di forza relativa. La concomitanza tra il timing delle pubblicazioni e la presenza dei prezzi su punti di supporto (GbpUsd) e resistenza (EurGbp) importanti, pone infatti la prospettiva di poter operare sfruttando dei buoni rapporti Rischio/Rendimento con le tendenze che marcatamente potrebbero innescarsi. Restando ai dati macro, varra' la pena di seguire quest'oggi lo ZEW Tedesco alle ore 11 per possibili fiammate di volatilita' di breve sull'euro.

QUADRO TECNICO EurUsd: il canale discesista tracciabile dai primi giorni del mese, e ieri messo in discussione sulla fiammata al rialzo del cambio nel primo pomeriggio, resta ancora d'ausilio per descrivere la dinamica dei prezzi con il time frame a 4 ore che tuttora ci fa apprezzare una divergenza ribassista inversa tra prezzo e oscillatore stocastico che dipende pero' dal superamento al ribasso della media mobile esponenziale a 21 periodi passante per 1,3555 e che potrebbe condurre alla ripresa di area 1,35 in prima battuta, previo attraversamento di 1,3540. Il canale rialzista, che piu' nel breve contiene i prezzi suggerisce buone riprese long verso l'area di 1,36 dal quale sarebbe poi pensabile di rivendere il cambio vista la scarsa volatilita'.

UsdJpy: il grafico a 4 ore resta ancora per orientato al rialzo, grazie al canale tracciato a partire dai minimi del 7 ottobre. Cruciale qui il livello di resistenza in area 98,60, coincidente peraltro con il ritracciamento di Fibonacci al 50% del movimento ribassista che ha visto scendere il cambio da 100,60 dell'11 settembre fino appunti ai minimi di una settimana fa. Appare decisivo percio' il range di prezzi compreso tra 98,60 e 98 (ritracciamento al 38,2%) per logiche di trading laterale sfruttando le vendite da 98,50 e i riacquisti in area 98 figura. Ipotizzabile l'idea di Stop&reverse su eventuali cedimenti delle aree sopra descritte.

EurJpy: anche nel caso del cross, la figura piu' utile nel descrivere il cambio resta il canale rialzista con un posizionamento pero' dello stocastico che suggerisce potenziali divergenze ribassiste su time frame a 4 ore e la ricerca dei supporti in area di transito della media mobile a 21 periodi a 131,15. Prime indicazioni in questo senso potrebbero provenire dal grafico orario, al cedimento della media 21 e del pivot point daily che fanno di 133,45 un discreto supporto intraday. La tenuta di questi punti indurrebbe alla ripresa dei massimi di breve a 133,75 con estensioni possibili a 134 e 134,20.

GbpUsd: situazione tecnica delicata per il cable che resta appoggiato ancora alla trendline di supporto che ormai accompagna il prezzo dal 10 Luglio. Il grafico a 4 ore suggerisce divergenza ribassista inversa confermabile alla rottura del primo supporto statico importante a 1,5960 per la ripresa di 1,5910; scenario confermato anche se letto in chiave di violazione della correzione rialzista di breve meglio visibile su grafico orario. Il test e la tenuta di area 1,5960 fornirebbe buona probabilita' per la ripresa di area 1,60. Su volatilita' della news resta 1,5885 il supporto piu' rilevante e 1,6045 la resistenza.

AudUsd: interessanti punti tecnici sul cambio che suggerisce tentativi di violazione del 38,2% di Fibonacci dell'ampio movimento ribassista dall1,06 di Aprile allo 0,8860 di inizio agosto. Nel breve e' ancora il canale rialzista la figura di riferimento con possibilita' sul grafico orario di divergenza ribassista regolare per la ripresa di 0,9505 e ripartenze long verso 0,9550. Sotto 0,95 rivedibile l'area di 0,9480 e 0,9455.

XauUsd: resta ancora pesantemente orientato al ribasso il quadro tecnico del metallo giallo che, al di la' delle fisiologiche correzioni, perdura nella rottura dei supporti una volta testate le prime resistenze tra cui l'ottima media 21 del grafico a 4 ore. La flag formatasi dopo il breakout di venerdi' scorso si e' poi sviluppata in senso discesista che ancora suggerisce vendite in area 1.275 per ripresa dei minimi a 1.261 sui quali vale la pena di restare in posizione per ulteriori break tecnicamente possibili fino a 1.242 dollari l'oncia. Il fallimento di nuovi minimi sotto la fascia mediana a 1.267 indurrebbe a pensare dei long con obiettivi contenuti prima a 1.277 e 1.282 poi.

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.

red/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina