venerdì 02 dicembre | 21:25
pubblicato il 18/gen/2013 09:03

Cambi: le grandi economie sostengono i mercati (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 18 gen - In un mercato che spesso negli ultimi mesi si e' mostrato quanto piu' possibile lontano dai fondamentali, stiamo assistendo negli ultimi giorni ad un ritorno di ''ragionevolezza'' dei prezzi. Con questo termine banalmente intendiamo riferirci alla correlazione positiva tra i prezzi degli strumenti finanziari e i dati che provengono dalle rispettive aree economiche; laddove, infatti, piu' volte ci siamo stupiti di quanto rialzi o eventualmente ribassi dei prezzi fossero ingiustificati rispetto ai sottostanti dati provenienti dall'economia reale, negli ultimi giorni va preso atto di come invece i modelli di studio macroeconomico possano tornare a confortarci nell'analisi degli andamenti delle quotazioni. E questo avviene in riferimento alle tre grandi aree economiche mondiali: in primis la Cina, la quale smentisce molti autorevoli pareri che la vedrebbero all'inizio di un forte rallentamento. Il suo Pil continua a crescere a tassi spaventosi del 7,8% (contro il 7,7%) delle attese, sostenuto dalla Produzione Industriale (10,3% vs 10,1 exp) e dalle Vendite al Dettaglio (15,2% vs 14,9% exp). In secondo luogo l'Eurozona, attraverso il bollettino economico dell'Eurotower ha posto l'accento sui potenziali pericoli derivanti dall'instabilita' politica nel nostro Paese e ha confermato il peggioramento dei fondamentali del mercato del lavoro dell'Eurozona su livelli preoccupanti. Ma cio' premesso, la BCE ha confermato quelli che sono stati i passi in avanti sul versante del risanamento dei conti pubblici dei paesi piu' a rischio e ha ribadito il suo outlook positivo a partire dalla seconda meta' del 2013. Cio' e' ben riflesso dall'andamento del mercato dei Titoli di Stato, nel quale vi e' stata una grande richiesta per i titoli spagnoli e irlandesi con rendimenti in ulteriore calo. Madrid ha infatti emesso 4,5 miliardi di euro di titoli su scadenze 2015, 2018, 2041 con tassi in calo sulla parte a breve della curva, seguendo a scia le recenti aste del debito pubblico nostrano. Per completare il quadro, ottimi si sono rivelati i dati macro a stelle e strisce, con le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione che sono calate nell'ultima settimana di 37mila unita' arrivando a 335 mila, mettendo cosi' a segno il dato piu' basso degli ultimi 5 anni ben inferiore alle attese degli analisti. A questa release si e' aggiunta quella relativa ai nuovi cantieri edili che a dicembre sono saliti del 12,1% al tasso annuo di 954mila, di gran lunga al di sopra del consensus. Certo, ad un'analisi appena piu' approfondita e accorta ci rendiamo conto di come questa disamina sia solo frutto di una visione di breve termine, orizzonte temporale sul quale si stanno concentrando gli operatori economici; basti riflettere per un attimo ai pericoli della bolla immobiliare e di quella degli investimenti in Cina, alla drammatica disoccupazione europea e alla tragica stretta del credito per il trasferimento della liquidita' all'economia reale, al sesquipedale debito americano e al problema dell'innalzamento del debito praticamente inevitabile a fine febbraio. Tutto questo, e' palese, cambia ogni possibile visione ottimistica. Ma il mercato costruisce aspettative di breve, quelle che in definitiva determinano i prezzi. E cosi' l'euro torna a riprendere forza, gli spread perdurano a scendere, l'azionario europeo continua il suo rally e quello americano rompe i massimi da 4 anni. Questo, nell'ottica di trading, presenta ottime opportunita' di lavorare per livelli importanti, livelli attorno ai quali si sviluppano i movimenti principali. Movimenti di breakout o di swing, ma comunque enormemente significativi per catturare importanti porzioni di grafico e andremo ora ad analizzarli, tenendo presente che quest'oggi ci saranno le importanti release delle Vendite al Dettaglio per il Regno Unito per chi avesse posizioni in sterlina e l'indice del Michigan. EurUsd. Nonosante l'enorme volatilita' che ha caratterizzato la price action dell'eurodollaro nella giornata di ieri, la moneta unica mantiene ancora una forza strutturale nei confronti del biglietto verde. La media mobile a 21 perio sul grafico orario fa da suffragio attendibile a queta considerazione, laddove si e' mantenuta costantemente al di sotto del prezzo, per poi lavorare ottimamente da supporto dinamico sui tentativi, pur importanti, di ritracciamento. I livelli statici, i piu' importanti in ordine gerarchico, sono stati rispettati con buona precisione;in particolare l'1,3340 ha costituito un ottimo punto di rebound e ancora resta il riferimento per il contenimento degli spunti ribassisti. Un suo superamento al ribasso significherebbe guardare all'1,33 che puo' rappresentare un livello di riferimento per la chiusura settimanale, sotto il quale non ci si fermerebbe fino a 1,3250. E' interessante invece capire se potra' avvenire un breakout rialzista che, se superato l'1,34, potrebbe condurci al famoso livello di medio periodo a 1,35. La volatilita' appare idonea a questo tipo di dinamica. UsdJpy. Cambio che finalmente raggiunge la famigerata quota 90, da molti indicata come quotazione di riferimento per il medio periodo anche se vari esponenti politici ed economici del Giappone continuano a dichiarare come auspicabile un ulteriore salita del cambio. I cambi yen rappresentano forse la migliore opportunita' per fare trading in questo periodo, soprattutto per il posizionamento sui ritracciamenti del trend che pure si verificano. Bello il breakout dei massimi relativi a 89,65 sul quale potersi mettera ancora in scia laddove il livello successivo piu' importante sosta a 91,80. Si puo' lavorare ora bene all'interno del rettangolo venutosi a creare tra l'89,65 e l'attuale quotazione; consigliabili acquisti sul supporto, dove transita la media a 21 del grafico orario, per stop in pari a 90,25 e attesa dello strappo al rialzo verso il livello di resistenz sopra citato per buone prese di profitto gia' a 91. EurJpy. Molto similmente al cambio precedente, ottimo breakout di questo cross sopra 120. Obiettivo ora diventa 121,65, ritracciamento al 61,8% di Fibonacci del movimento di lungo periodo. Sulla formazione di una potenziale divergenza ribassista con lo stocastico sul time frame orario potrebbe essere opportuno entrare per cogliere il pullback e rilavorare long in area 120 per sfruttare momentum rialzista. GbpUsd. La major piu' debole e' senza alcun dubbio la sterlina, l'unica il cui quadro sia nettamente ribassista. Ottima e precisa la rottura dell'1,60, rottura che non e' pero' riuscita a violare i livelli piu' significativi al ribasso; in particolare l'1,5965 dove transita la media esponenziale a 200 periodo del grafico giornaliero. Possibili sono i ritorni in area 1,60, sul pivot point e sul ritracciamento della media 21 del grafico orario. Un rimbalzo potrebbe permettere di raggiungere nuovi minimi fino a 1,5910. Un superamento ci riporterebbe invece a 1,6030 prima e 1,6060 poi. AudUsd. Il cambio non si mostra ancora chiaro e il quadro tecnico e' piuttosto controverso. Sul daily assistiamo al retest dell'importante trendline discesista di lungo periodo che funge ora da supporto, congiuntamente alle media a 21 periodi sul livello di 1,0510. Va seguita la potenziale divergenza ribassista sul grafico giornaliero, laddove i livelli importanti per la giornata restano quello appena citato, con attenzione a 1,0490 e 1,0440 e al rialzo l'1,0550 e 1,0585. EurChf. Torniamo finalmente ad analizzare questo cross che e' tornato a regalare movimenti degni di trading. Bella infatti e' stata la violazione che si evinceva addirittura del grafico weekly dell'1,2470 (che rappresenta ora un supporto rilevante) su cui e' partito il movimento che si pone come obiettivi l'1,2560 e l'1,26. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari