lunedì 05 dicembre | 01:28
pubblicato il 27/gen/2014 09:06

Cambi: inversione di trend sulle borse? (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 27 gen 2014 - Dall'apertura di questa notte non e' cambiato molto rispetto a come i mercati hanno chiuso venerdi' sera, con le borse protagoniste di un forte tonfo a nostro parere ancora ascrivibile a importanti prese di profitto, che pero' ha portato i prezzo sotto i livelli di supporto di breve periodo, lasciando spazio ad eventuali interpretazioni ribassiste che operativamente sfrutteremo soltanto al raggiungimento di determinati livelli (che vedremo insieme sul nostro forum di analisi www.dailyfx.it http://www.dailyfx.it>).

Il punto della situazione.

La settimana, come appena accennato, si e' conclusa con dei tentativi di correzione che possono essere considerate delle prese di profitto, dopo l'inanellarsi di nuovi massimi storici sulla borsa tedesca e la tenuta dei massimi assoluti da parte delle borse americane. Cominciano a delinearsi delle potenzialita' per assistere a correzioni piu' profonde, che non possono pero' essere ancora considerate, a nostro parere, delle inversioni di tendenza che potrebbero rimanere tali sia sulle sponde europee che sul versante americano. Sul fronte valutario l'euro si mantiene in posizione di forza rispetto al dollaro americano, dove siamo andati a sfiorare soglia 1.3750 dopo una fase di consolidamento sopra 1.3500, area che sara' da seguire con attenzione come supporto durante questa settimana e che se dovesse tenere potrebbe sostenere le quotazioni fino ad arrivare ai livelli di prezzo che abbiamao visto prima della fine dell'anno. Per quanto concerne la sterlina inglese continua la sua forza intrinseca contro il biglietto verde, pur essendosi concretizzate prese di profitto durante l'ultimo giorno di trading della settimana passata, fenomeno che per il momento non ci preoccupa, mentre se ci concentriamo sullo yen cominciamo ad avere sentori di possibili approfondimenti rialzisti di breve periodo, una volta che i prezzi dovessero tornare sotto quota 101.30, anche se nel medio periodo l'idea che continua ad accompagnarci e' quella relativa ad una possibile svalutazione della valuta nipponica. Il dollaro australiano continua la sua discesa ed ogni rimbalzo a rialzo ha fornito buone opportunita' di vendita, strategia che ci accompagnera' fino a quando non dovessimo risalire oltre 0.8950, mentre sul fronte emergenti, come ipotizzato, abbiamo assistito a nuovi minimi storici per la lira turca, contro euro e dollaro, minimi che potrebbero lasciare spazio a correzioni tecniche ma che potrebbero non segnalare le soglie ultime toccate dalla divisa turca.

QUADRO TECNICO.

EurUsd: ci troviamo di fronte ad un restringimento di volatilita' durato tutta la notte. E' possibile sfruttare la congestione per pensare ad acquisti o vendite alla rottura dei supporti o delle resistenze statici con l'idea che una rottura rialzista potrebbe portare a tentativi di estensione verso i massimi di venerdi', mentre in caso di rottura ribassista potrebbero formarsi opportunita' valutative di acquisto nell'area che passa tra 1.3625 e 1.3650, con l'idea che un ritorno sotto 1.3610 possa far cominciare una discesa strutturale di breve periodo alla ricerca degli importanti supporti visti prima, con un primo potenziale livello di target passante per 1.3565 UsdJpy: tentativo di ripartenza sulla salita del Nikkei di stanotte, con i prezzi che pero' si trovano nei dintorni della media mobile a 21 periodi oraria che insieme a 103.00 potrebbe offrire un'ottima area di resistenza all'interno della quale valutare vendite di dollaro per ritorni verso i primi target che potrebbero essere rappresentati da area 102.50 ed in estensione 102.15.

Una ripartenza oltre 103.20 si rende necessaria, a nostro parere, per valutare approfondimenti verso 103.50/75.

EurJpy: situazione tecnica non molto pulita per il cross, con la possibilita' di attendere i prezzi in area 141.00, senza cominciare ad ipotizzare vendite da subito. Nel momento in cui i prezzi dovessero raggiungere tale soglia pero', si potrebbero ipotizzare opportunita' di acquisto di yen, tenendo conto che fino a quando non dovessimo superare area 141 1/4 il mercato potrebbe effettivamente tentare delle ripartenze a ribasso con primi target intorno a 140.40 ed in estensione figura. In caso di superamento di area 141.35 il mercato potrebbe tentare estensioni verso la forte area di congestione passante per 141.85.

GbpUsd: dopo la morte dell'australiano, abbiamo assistito venerdi' alla morte (di brevissimo periodo) della sterlina, che ora si trova in una fase congestiva sotto le medie orarie che hanno incrociato a ribasso e che potrebbero, insieme ai punti statici precedenti passanti per 1.6530, fornire una buona area di resistenza sulla quale pensare a discese del pound, con primi target sui minimi della notte ed in caso di giro a ribasso dello stocastico con i prezzi vicini a questi minimi ed oscillatore lontano dalla zona di ipervenduto potenziali approfondimenti verso 1.6440 ed in estensione 1.6410 (ma questo potrebbe avvenire in caso di acquisto generalizzato di dollaro americano . Nel momento in cui il mercato dovesse rompere a rialzo l'area che termina in 1.6565, potremmo assistere a ripartenze importanti della sterlina, con l'unico ostacolo al raggiungimento dei massimi precedenti rappresentato da area 1.6585/90.

AudUsd: possibile formazione di una divergenza ribassista da osservare su un grafico orario, che potrebbe formarsi in coincidenza di prezzi in retest della media mobile a 100 oraria, passante in corrispondenza di livelli di minimo statici individuabili sempre su un time frame orario. Questa potrebbe rappresentare una buona area di resistenza sulla quale pensare a vendite di australiano, con potenziali target passanti per 0.8720 ed in estensione sui minimi, sui quali (se raggiunti naturalmente) valutare il posizionamento dello stocastico, che se dovesse trovarsi lontano dall'ipervenduto, potrebbe suggerire ulteriori rotture. Per ripartire, occorre, a nostro parere, riportarsi sopra l'area di 0.8780.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari