sabato 10 dicembre | 18:11
pubblicato il 04/gen/2013 09:19

Cambi: inizio 2013 a stelle e strisce (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 4 gen - America grande protagonista di questo inizio dell'anno, con il Fiscal Cliff che ha catturato l'attenzione degli analisti sul finire dell'anno e durante le prime sedute, per proseguire con le agenzie di rating che si sono pronunciate sulla necessita' di trovare un modo per abbassare il deficit e con la Federal Feserve che ci ha messo del suo. Andando con ordine, le prime, se non si dovesse trovare un accordo entro fine febbraio /inizio marzo sui tagli alla spesa pubblica, che andrebbero di fatto ad abbassare il deficit degli Stati Uniti, e sull'aumento del tetto sul debito, potremmo assistere ad un taglio di rating da parte di Moody's e di Fitch. Per quanto riguarda invece l'istituto centrale americano, dai verbali resi noti ieri in serata si evince che molti membri del FOMC stanno pensando di fermare il terzo round di quantitative easing durante il 2013 (ricordiamo che attualmente si stanno impiegando 85 miliardi di dollari al mese dedicati agli acquisti di bond), ma questa notizia, che avrebbe potuto portare a forti prese di profitto dopo il rally di inizio anno sulle borse, non ha prodotto questi effetti, con gli indici che hanno tenuto abbastanza bene i guadagni fatti segnare. Questo e' sintomo che il mercato e' alla ricerca di rendimenti superiori, come detto nei precedenti articoli, ai risk free e questa condizione potrebbe perdurare nel tempo, a patto che ci siano notizie non diciamo belle, ma non brutte, soprattutto sul fronte della liquidita', che fino ad ora rimane abbondante e che comunque per qualche mese ancora rimarra' in circolazione, o meglio, continuera' ad essere iniettata in questa economia malata, che non riesce ancora a trasferirla all'economia reale. Oggi sara' il turno dei Non Farm Payrolls, in attesa a 145.000 unita', contro il precedente 146.000, il che non va a superare quella soglia critica dei 200.000 posti di lavoro creati che e' tanto guardata dagli analisti. Dovesse uscire un buon dato, sulla scia degli ADP pubblicati ieri (215 mila posti di lavoro creati nel settore privato), potremmo assistere ad un nuovo rally che potrebbe essere creato grazie alle vendite di yen, che ora come ora possono essere messe in atto dal mercato, data la debolezza intrinseca della valuta nipponica durante le ultime settimane a causa dell'outlook possibile sull'operato del tandem banca centrale e governo al fine di uscire dalla deflazione grazie ad iniezioni di liquidita'. Il dollaro americano potrebbe avere una reazione diversa, mostrando anche salite, in concordanza con un buon dato, ma l'interpretazione a priori della reazione del greenback risulta, ora come ora, molto difficile a causa della debolezza delle correlazioni e del fatto che non sempre assistiamo a reazioni inseribili in schemi chiari di flussi di capitale. Quello di oggi sara' un tassello fondamentale per capire che tipo di 2013 potremmo vivere, affidiamoci ai livelli tecnici per lavorare sul mercato. Vi ricordiamo l'importanza dell'appuntamento di oggi alle ore 14.30 per il ''Trade The News'' sui dati sull'occupazione Usa.

EurUsd.

La lieve divergenza rialzista individuata ieri mattina ha condotto i prezzi sulle resistenze passanti tra 1.3170 e 75, dove e' stato possibile impostare vendite di euro andate a buon fine, con il mercato che ha continuato la propria discesa una volta rotti i supporti indicati. Ora ci troviamo di fronte alla possibilita' di sfruttare la media oraria a 21 periodi ed i punti statici precedenti passanti per 1.3090 per impostare nuove vendite, tenendo conto che un ritorno sopra 1.3125 proporrebbe probabilmente tentativi di risalita che pero' difficilmente supereranno 1.3160. 1.3000 il potenziale livello di arrivo. UsdJpy.

Rottura a rialzo della fase congestiva che era in atto su UsdJpy, con il mercato che ha esteso effettivamente di quanto ci si aspettava, andando a sfiorare quota 88.00. Intorno a 87.40 passano ora i supporti dati dai punti statici precedenti e dalla media a 21 (livelli buoni per acquisti di dollaro con stop e reverse in caso di discesa sotto 87.20) ed in caso di rottura rialzista di 87.85 e' possibile attendersi tentativi di superamento dei massimi della notte (target proiettati non oltre 88.30).

EurJpy.

Buona l'operativita' in vendita di EurJpy dopo la correzione rialzista vista durante le prime ore del mattino, con il raggiungimento del primo target a 114.00 ma non del secondo, posto a 113.50, dato che, dopo la rottura a ribasso di 113.75 (oltre che di quella di 114.30), il mercato ha cominciato a consolidare intorno a 70 prima di risalire verso 114.50. La situazione tecnica non appare brillante, per cui preferiamo stare a guardare e vedere cosa fare nel momento in cui dovessimo avvicinarci ai livelli importanti, che ritroviamo in 114.75 (dove dal punto di vista del R/R si puo' pensare di comprare yen, con stop e reverse sopra 90, per 115.25) ed in 114.00, che potrebbe riproporre discese verso 113.50. GbpUsd.

Quasi perfetta l'operativita' sul cable, se non fosse che il mercato ha girato a ribasso sul pullback delle resistenze che abbiamo sbagliato ad individuare di poco. Abbiamo infatti indicato la possibilita' di vendere intorno a 1.6270, mentre la correzione della sterlina ieri mattina non e' arrivata oltre 1.6245. Abbiamo pero' anche indicato la possibilita' di operare in breakout ribassista di 1.6200, con trigger a 1.6185, per cui siamo lo stesso entrati a mercato. Il raggiungimento dei minimi precedenti, fornisce delle buone aree di supporto che potrebbero portare a correzioni che vedono in 1..6115 le prime resistenze dinamiche, dove e' possibile pensare a nuove vendite di pound, con attenzione ad un eventuale superamento di 1.6135 in grado di far recuperare strada fino a 1.6175. Se saltano i minimi, ci muoviamo verso 1.6030.

AudUsd.

La rottura a ribasso dell'area di congestione vista ieri sull'australiano, con trigger point a 1.0465, ha effettivamente raggiunto il target di 1.0425durante la notte.

Le resistenze intorno a 1.0525 ieri hanno funzionato molto bene, confermando l'importanza di quell'area, ma ora dobbiamo prestare attenzione a 1.0475, primo livello di resistenza statico dato dai punti precedenti. Qui si potrebbe pensare di vendere australiani con stop e reverse per le resistenze principali sopra 90. In caso di superamento a ribasso di 1.0425, potremmo assistere a tentativi di discesa sotto la figura.

Xau/usd.

Lo stop e reverse sull'oro sotto 1,678.00 e' stato la nostra ancora di salvezza, dato che le long aperte intorno a 1,680,00 non hanno portato a buoni risultati. La recente volatilita' del metallo giallo, che ci ha reso piu' prudenti del solito, ha poi fatto il suo corso e ha portato a forti liquidazioni che hanno portato i prezzi sotto 1,650.00, livello che ora rappresenta il supporto principale da seguire e che, se superato, puo' portare a rivedere 1,645.00 ed eventualmente 1,638.00. In caso di correzione non crediamo che il mercato riesca a risalire oltre 1,660.00, ma se dovesse farlo crediamo che le quotazioni possano spingersi non oltre 1,670.00. Il quadro tecnico e' comunque non preciso e con i payrolls in agguato pronti a posizionare lo stop in pari nel momento in cui vediamo i primi gain.

USOil.

Situazione ibrida sul petrolio, dove la bassa volatilita' ha reso molto difficile l'operativita', che vede ancora livelli molto simili a quelli indicati ieri, con la rivisitazione dei supporti che se rotti possono portare a discese. La rottura di 92.30 a ribasso non ha infatti portato ad aumenti di volatilita' verso 91.60, ed una discesa oltre 92.10 diviene ora necessaria. Un ritorno sopra 92.60 potrebbe essere scatenante per rivedere i massimi, che se superati possono portare a 94.30.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina