giovedì 08 dicembre | 22:09
pubblicato il 10/mag/2013 09:25

Cambi: il tracollo dello yen (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 10 mag - Finalmente! Questo e' l'avverbio che ci sentiamo di usare riferendoci evidentemente al movimento che ha caratterizzato lo yen giapponese che contro il dollaro americano, tanto per citare il caso del cambio originale, e' stato pesantemente venduto al punto di portarsi nel breve volgersi di un pomeriggio da quota 99 fino alla fatidica soglia di 100, per poi violarla con veemenza fino all'apertura delle Borse asiatiche che ad ora hanno contribuito a spingerlo fino al livello di 101,20. Se il rialzo del 4 aprile scorso era motivato, per quanto atteso, da un evento calendarizzato quale il meeting della Bank of Japan (il primo del neo-governatore Kuroda) che aveva comunicato ufficialmente il massiccio piano di acquisto di bond su tutte le scadenze con l'espansione della base monetaria verso precisi target ed orizzonti temporali, questa volta abbiamo assistito ad un movimento squisitamente tecnico; nell'ultimo mese infatti il cambio si era arrestato poco sotto 100 esattamente due volte, la prima delle quali con un ritracciamento piuttosto importante fino sotto 96 e fino a 97 nel secondo caso, permettendo cosi' alle logiche di domanda e offerta di riequilibrarsi attorno a prezzi medi che ne hanno poi caratterizzato l'ampia congestione, e agli indicatori di scaricarsi salvo poi ritornare pesantemente in ipercomprato sulla supremazia dei compratori. Rotti percio' i massimi relativi, banalmente gli ordini posizionati sopra questi ultimi sono stati eseguiti cosi' come gli stop in liquidazione di chi era corto confidando sulla tenuta dell'area di resistenza, determinando un violento breakout in grado di far letteralmente saltare i prezzi senza alcun spazio per normali pullback di breve tipici della dinamica di violazione di livelli statici significativi. Si e' quindi prodotto un potente effetto a catena, che ha generato fenomeni di herding nel momento in cui tanti erano gli operatori che entravano sullo sviluppo del movimento alimentandone cosi' la spinta bullish. Un movimento di questo tipo era atteso dagli investitori da un punto di vista dei livelli tecnici, molto meno da quello del timing soprattutto se si pensa che tipicamente i movimenti importanti della valuta nipponica avvengono proprio durante la sessione asiatica di contrattazioni. Ma il fenomeno non e' stato a se' stante in quanto ha riguardato piu' in generale il dollaro americano il quale non manca mai occasione di rimarcare la sua centralita' nel mercato valutario, con acquisti importanti che lo hanno riguardato contro tutte le altre major: l'eurodollaro ha infatti rotto con forza l'1,3080 e successivamente l'1,3040 salvo poi andarlo a ritestare, il cable si e' riportato nei pressi del cruciale supporto in area 1,54 e l'aud/usd ha rotto il mega supporto a 1,0120 fino ad approfondimenti non troppo lontani dalla parita' su livelli che non si vedevano dal giugno del 2012. Il tutto esemplificato dal FXCM Dow Jones Dollar Index su nuovi massimo storici a 10.600. Qualche tempo fa individuavamo il dollaro americano come potenziale porto di destinazione di ampia liquidita' che, a fronte di miglioramenti strutturali dei fondamentali d'oltreoceano, poteva tornare ad essere percepita come valuta asset non piu' utile solo per finanziarsi ma per rappresentare un'attivita' di crescita da detenere in portafoglio, nel momento in cui invece le valute di riferimento di altre aree macroeconomiche sono colpite dal calare dei rendimenti causato dai tagli dei tassi di riferimento dei rispettivi Istituti Centrali, date aspettative di inflazione piuttosto basse. Il miglioramento sul fronte occupazionale a stelle e strisce come dimostrato dai dati su Payrolls e tasso di disoccupazione di venerdi' scorso e che ha trovato conferma nel calo delle richieste dei sussidi di disoccupazione di ieri, rappresentano il potenziale propellente per lo svilupparsi di questa logica che quindi potrebbe vedere il green back continuare a rafforzarsi. I percentili di volatilita' implicita delle opzioni scritte sui tassi di cambio sono notevolmente aumentati e percio' potremmo osservare quest'oggi ulteriori approfondimenti in grado di violare i supporti/resistenze piu' strategici di medio periodo a favore di dollaro americano. Se questi dovessero tenere, aspettiamoci anche correzioni importanti soprattutto su euro e sterlina. EurUsd. La price action del cambio principe e' stata molto precisa in quanto dopo le rotture dei supporti in maniera sistematica il prezzo si e' portato sui supporti successivi e questo almeno in tre casi. Progressivamente abbiamo infatti assistito al superamento di 1,3120, 1,3080 (transito della trendline rialzista da inizio settimana) e 1,3040 fino ad avvicinarsi alla soglia psicologica di 1,30 dal quale poi il mercato ha ritracciato. La correzione si e' incagliata proprio contro 1,3040, che caratterizza il limite superiore della congestione ben visibile sull'orario che puo' condurre ad una operativita' in OCO, con possibilita' di ingressi long sopra 1,3040 per riprese proprio di 1,3080, e short sotto 1,30 per il supporto cruciale a 1,2965. UsdJpy. La dinamica di usd/jpy e' stata ampiamente descritta nella prima parte del nostro Morning Adviser. Il possibile prossimo scenario e' a favore di ulteriori rialzi che continuano ad individuare in 101,65 il punto di approdo piu' importante. I fenomeni correttivi sono pressocche' ininfluenti ma se dovessero palesarsi vedrebbero la violazione al ribasso di 100,80 per rinnovati test di area 100. EurJpy. Il ben disegnato triangolo che descriveva la price action del cambio da quasi un mese e' stato violato al rialzo sullo sviluppo del movimento di usd/jpy che ha relativamente prevalso su quello bearish dell'altro cambio originale padre del cross, eur/usd. Rotti anche in questo caso i massimi relativi a 131, si apre la strada per il target ideale in area 134,30 (difficile individuare i supporti se non aprendo un grafico settimanale). Piu' nel breve vale la pena muoversi al rialzo sulle soglie psicologiche, molto sentite dal mercato, mentre al ribasso conviene operare su time frame bassi (30m,15m,5m,)in cerca di correzioni fisiologiche previe quanto meno il superamento al ribasso di 131,50. GbpUsd. Situazione simile a quella dell'euro sulla sterlina, con progressive violazioni dei livelli statici piu' importanti: 1,5520, 1,5480 su tutti. L'area di 1,54 e' fortissima come area di supporto, vista la piena attualita' del ritracciamento di Fibonacci al 38,2% del trend discesista 1,63- 1,48. Possibili sono i tentativi di ripresa proprio di 1,54 dal quale poter poi comprare, salvo girarsi in stop&reverse in caso di rottura verso 1,5330. AudUsd. Minimi da giugno 2012 per il dollaro australiano che ha rotto con estrema violenza il supporto a 1,0150 e soprattutto quello cruciale a 1,0120 fino ad approfondire verso l'10050. Possibili i tentativi per nuovi minimi verso la parita' (ricordiamo il taglio dei tassi della RBA e l'outlook che potrebbe prevederne di ulteriori e il mercato si fa' sulle aspettative) con 1,0025 come primo punto di attenzione. Il fallimento di un nuovo minimo porrebbe le basi per una correzione in ripresa proprio della soglia di 1,010 e del livello di 1,0120. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni