sabato 03 dicembre | 22:53
pubblicato il 14/mag/2013 09:11

Cambi: greenback in ritracciamento (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 14 mag - Leggere il mercato valutario focalizzando la propria attenzione sulle dinamiche del dollaro americano e' di per se' fondato dal momento che il Forex vede proprio nel green back il suo centro gravitazionale, ma cio' e' tanto piu' corretto in questa fase del mercato in cui e' proprio sulle aspettative di possibile rafforzamento del biglietto verde contro tutte le altre major che si stanno andando a formare i prezzi dei cambi valutari. Le motivazioni di questa logica le abbiamo gia' abbondantemente spiegate nei giorni e nelle settimane scorse e ci vengono confermate dalle price action che vedono proprio movimenti concertati che, ad esempio, nella giornata di ieri ci hanno permesso di assistere a un ritracciamento generalizzato proprio del dollaro anche contro lo yen, rapporto valutario che in tempi di correlazioni (vedi quasi tutto il 2012) si muoveva sempre in maniera contraria rispetto agli altri dal momento che l'alternanza risk-on/risk-off faceva si' che lo yen fosse piu' venduto/comprato perfino dello stesso dollaro americano. I dati positivi sulle Vendite al Dettaglio degli Stati Uniti nel mese di Aprile pubblicati nel pomeriggio di ieri ad un valore di +0,1% contro aspettative di -0,2% hanno, da un punto di vista generale riaffermato il seppur lento miglioramento dei fondamentali dell'economia a stelle e strisce e, da un punto di vista tecnico, favorito acquisti di dollari che hanno portato a potenziali rotture di minimi/massimi relativi (quelli raggiunti venerdi' per capirci) senza che poi vi fosse il momentum per generare ulteriori break date anche le ampie prese di profitto che hanno portato alla liquidazione di numerosi posizionamenti e di conseguenza minore volatilita' sul mercato. Sul fronte Eurodollaro diviene sempre piu' controverso comprendere le prossime evoluzioni; indubbiamente il livello di 1,30 rappresenta ancora un prezzo estremamente attrattivo per gli investitori e dimostrano, nonostante tutto, la forza intrinseca della moneta unica. Nonostante importanti market mover potenzialemente depressivi come le elezioni politiche italiane di Febbraio, il bailout di Cipro a Marzo, il deterioramento fiscale in Portogallo, essa riesce ancora a dimostrare una granda resistenza laddove, nel contempo, la possibilita' circa la richiesta di uno Stato verso le OMT e' sensibilmente remota e le aspettative di ulteriori mosse ad parte della BCE, pur restando presenti, appaiono appunto una possibilita' piu' che una realta'. Restano comunque predominanti le attese per ulteriori ribassi del cambio nel medio periodo, non dimenticando l'upside trend degli indicatori economici americani che potrebbero favorire futuri aggiustamenti delle politiche espansive della Fed, in assoluto il protagonista principale del mercato. Diviene interessante, nell'ambito di questo breve focus sugli aspetti globali dei movimenti dei cambi, porre l'attenzione su Usd/Jpy facendo riferimento particolare al mercato obbligazionario nipponico; quest'ultimo e' stato protagonista di un rialzo dei rendimenti dei JGB a 10 anni, dallo 0,75% allo 0,60%, il rendimento piu' alto da inizio febbraio nonostante le promesse della BOJ di raddoppiare gli stimoli quantitativi. Cio' e' certo spiegabile attraverso motivazioni quali le aspettative degli operatori circa una crescita dell'inflazione, il grande interesse verso l'azionario in rally da parte degli istituzionali, lo spostamento degli investitori dalle obbligazioni giapponesi a quelle americane ed europee (pur dai rendimenti bassi ma meno) e uno spostamento verso attivita' rischiose, oltre che potenziali rischi legati al fatto che la BOJ stia comprando circa il 70% delle emissioni di titoli governativi rendendo inferiori gli approvvigionamenti per altri players del mercato. Tutto cio' potrebbe, anche se ad ora lontanamente, fornire attese circa difficolta' del Giappone stesso a onorare i propri debiti mettendo pressione al rialzo allo yen, con il cambio principale usd/jpy che potrebbe percio' ulteriormente ritracciare, fermo restando i livelli tecnici che andiamo ora ad analizzare. EurUsd. Tentativi di rottura ribassista per il cambio principale, che tuttavia non e' andato a mettere a segno nuovi minimi relativi fallendo il raggiungimento di 1,2930. Si e' percio' creata una congestione delimitata in basso da 1,2950 e in alto da 1,2990, che poteva risultare utile per trading in violazione di questi livelli. Nella fattispecie, il break e' stato rialzista e ha trovato un primo impedimento nella media mobile a 21 periodi del grafico a 4 ore e sull'importante area di resistenza attorno l'1,3030. Il test di 1,30, con test della 21 sull'orario, potrebbe portare a risalite del cambio verso l'1,3040 per potenziali approfondimenti verso il successivo 1,3065. Un ritorno sotto la soglia psicologica di 1,30 rappresenterebbe un ulteriore segnale di debolezza verso 1,2965 e 1,2950. UsdJpy. Prosegue il ritracciamento del cambio dopo il fallimento di un break sopra 102. La violazione al ribasso del 101,60 ne fa' ora un livello di resistenza utile per approfondimenti bearish suggerita dalla lieve divergenza con l'oscillatore stocastico. Il cambiamento di direzione dell'ottima media a 21 periodi dell'orario, che segue l'arrotondamento verso il basso dei massimi del prezzo, pone le basi per questo scenario per possibili target in area 100,90. Sopra il 101,60 si puo' invece tornare ad acquistare per target sui massimi. EurJpy. Fase di consolidamento e di attesa del cross, come dimostra la price action racchiusa all'interno di poco piu' di 80 pips. Ottima comunque la lateralita' per lavorare sulla tenuta rispettivamente di 132,50 e 131,70, con la possibilita' di Stop&reverse in caso di violazione per rispettivamente i primi target a 134,20 e 131. GbpUsd. Il cable ci mostra un quadro tecnico tra i piu' interessanti negli ultimi giorni, dal momento che decisa e' stata la rottura del canale rialzista che insiste sul cambio di minimi di 1,48, peraltro con preciso pullback del punto di rottura in area 1,5375. Appare percio' preciso il segnale short, probabilmente nel medio periodo, con l'1,5330 a fare ora da resistenza intraday per nuovi obiettivi a 1,5270. Da seguire, in questo senso il grafico orario che evidenzia le correzioni del ribasso sempre frenate dalla media mobile a 21 periodi. Solo un superamento al rialzo di 1,5330 potrebbe indurre riprese della quotazione solo lievemente avvalorate da una sfumata divergenza rialzista per raggiungimenti nuovamente dell'1,5375. AudUsd. Ancora intrinseca la debolezza del dollaro australiano che solo nella notte ha messo a segno minimi crescenti, dopo i nuovi minimi di ieri favoriti dal respingimento preciso della media a 21 oraria, proprio nelle ultime ore attraversata al rialzo. Sopra la parita' il mercato potrebbe andare a cercare i primi livelli di resistenza in area 1,0050, mentre nuovi minimi potrebbero indurre definitive rotture verso 0,99. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari