lunedì 05 dicembre | 14:27
pubblicato il 13/mar/2014 09:05

Cambi: focus su Borse e commodities (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 13 mar 2014 - In un mercato valutario che continua a muoversi fondamentalmente in congestione, stiamo apprezzando movimenti interessanti e che impongono dovuti ragionamenti sui listini azionari e su alcune commodities. In questi primi giorni della settimana l'assente ingiustificato risulta infatti il dollaro americano, ma nella settimana successiva a quella delle Banche Centrali e dei Non Farm Payrolls cio' non ci stupisce neanche in maniera eccessiva. Ben piu' rilevante invece quanto sta accadendo sulle Borse e sui metalli. S&P500, Dax, FTSE Mib e Nikkei. Questi i quattro benchmark di mercato ai quali maggiormente guardiamo in ottica di analisi del mercato azionario nel suo complesso e per quanto concerne le correlazioni intermarket. Il primo e' senza dubbio il benchmark globale in quanto rappresentativo delle piu' importanti maggiori 500 aziende statunitensi e ''guida'' le dinamiche di prezzo del mercato azionario. Ebbene, la difficolta' a compiere nuovi massimi in questi giorni di contrattazione e' uno di quei segnali che lascia riflettere circa la regolarita' del percorso rialzista del prezzo anche se va detto che da un punto di vista di escursione di prezzo siamo ben lungi dal poter considerare quello attuale un vero ritracciamento. Vero e' che in ottica intraday il cedimento di area 1.867/70 e' stato significativo e potrebbe aprire la strada verso il raggiungimento di 1.857 in primo luogo ed area 1.845 in secondo. Condizioni strutturali per un cambio di tendenza? Continuiamo ad essere piuttosto scettici: eccessi di offerta clamorosi ancora non si palesano, le condizioni di liquidita' del mercato restano anomale e le aspettative in materia di tassi sono ben ancorate e scontate nei prezzi. La parziale decorrelazione che stiamo pero' apprezzando con l'altro riferimento americano e globale, il Dow Jones, puo' comunque gettare un piccolo campanello di allarme in quanto quest'ultimo non ha fatto registrare nuovi massimi e denota segnali di ''debolezza'' intrinseca da seguire con attenzione. L'indice europeo, FTSE (UK100) a parte, e' senza dubbio quello piu' simile ai listini azionari USA per caratteristiche cicliche; ebbene quest'ultimo sta facendo registrare fra tutti piu' preoccupazioni al ribasso e le motivazioni possono essere diverse, in parte legate alle aspettative sugli utili delle aziende tedesche, in parte alle dinamiche del mercato obbligazionario dei paesi core dell'Eurozona, e ''forse'', ad un riequilibrio dei flussi di capitale tra esso e gli indici dei paesi periferici. Palese e' infatti il differenziale di forza relativa tra il benchmark tedesco e quello italiano che continua a conservare una buona resilienza dei supporti tecnici e che non ha trovato difficolta', anche in una giornata poco volatile come quella di ieri ad esempio, a compiere nuovi massimi. Decisamente sotto pressione invece il Nikkei che ha terminato la seduta di questa notte oltre due punti percentuali in negativo, riportandosi ancora sotto 15mila punti. Va detto che le release provenienti dal Giappone sono di recente piuttosto in chiaroscuro e la manovra allentativa della Bank of Japan in ottica di stimolazione del meccanismo di trasmissione del credito da banche a sistema produttivo e' in qualche modo un segnale di prevenzione circa un rallentamento del paese rispetto agli ambiziosi obiettivi di politica monetaria. Per chiudere il cerchio va percio' osservato con attenzione come l'azionario nel suo complesso sia in una fase di potenziale incertezza che pero' e' ben lungi dall'imporre view circa discese strutturali; va inoltre osservato come, dal punto di vista delle correlazioni, un po' come nel valutario, sia opportuno distinguere le dinamiche di prezzo dei vari indici valutandoli singolarmente sui quadri tecnici e in ultimo, come possa essere piu' utile seguire la correlazioni secondo non schemi consolidati ma prendere in considerazione rapporto yen-Nikkei ad esempio, o FTSE-rendimenti obbligazionario. Oro e Rame. In ottica di correlazione, con Borse sotto pressione, non deve stupirci l'oro di nuovo sui punti di resistenza. L'area 1.360/65 dollari l'oncia risulta infatti piuttosto cruciale per attendersi forti movimenti al rialzo in ottica di ripresa dei 1.400 dollari. I buoni volumi a sostegno di questa salita avvalorano le potenzialita' di questo scenario e varra' davvero la pena di porre grande attenzione dal punto di vista operativo alle dinamiche di prezzo del metallo giallo. Ad ora quest'ultimo risente di fatto della mancanza di precisa direzionalita' del dollaro americano, che pero' se terminasse la sua correzione in senso rialzista e tornasse a deprezzarsi, potrebbe di fatto spingere il gold verso buone e tecniche risalite. Clamoroso invece il ribasso del rame, passato nell'arco di tre giorni da una quotazione di 3,25 a minimi a 2,90. Il ribasso e' stato indubbiamente favorito dagli scossoni sul mercato obbligazionario cinese che hanno alimentato le preoccupazioni degli investitori che hanno dismesso i forti investimenti in rame, in assoluto il metallo piu' utilizzato dalla comunita' finanziaria cinese; infatti, vaste quantita' di rame importato da parte del gigante asiatico sono state usate come collaterale in operazioni di vasta portate tra banche ed intermediari finanziari cinesi. Difficile stimare lo scenario piu' prossimo per la sua price action, verosimilmente pero' prossima alla correzione; piu' interessanti le potenziali ripercussioni su valute come il dollaro australiano e neozelandese, di cui il rame e' considerato spesso un forte anticipatore. A maggior ragione andra' seguita la decisione di politica monetaria da parte della Reserve Bank of New Zeland di questa sera che si inserisce in un calendario macroeconomico ancora piuttosto scarno. QUADRO TECNICO. EurUsd: molto contenuta la volatilita' del mercato valutario e naturalmente anche del suo cambio principe. Confermata la buona area di supporto a 1,3850, complice anche la media mobile esponenziale a 21 periodi sul grafico a 4 ore. La scarsa volatilita' di ieri ha in realta' consentito degli approfondimenti sotto questo livello senza pero' il preciso approdo al supporto di 1,3825. L'ottica intraday resta ancora rialzista con possibilita' di acquisto nella piu' ampia area 1,3835/50 riguardando in primo luogo a 1,3875 e 1,3890. Il cedimento di 1,3825 potrebbe rivelarsi invece discreto per stop&reverse in ottica 1,3775. UsdJpy: in scia al Nikkei, discreta la forza dello yen nei confronti del dollaro americano. Preciso ad ora l'approdo a 102,80 che su time frame a 8 ore e 4 ore sembra pero' poter essere violabile in favore di 102,60 in primis e 102,25 in secondo luogo. Il grafico orario appare appena piu' controverso, nonostante comunque i primi segnali delle medie 21 e 100 sempre in ottica discesista. La sostanziale tenuta di area 102,80 comunque offrirebbe un buon rapporto rischio/rendimento per riprese di 103,15 in primo luogo per valutare stop in pari ed eventuali approfondimenti a 103,45. EurJpy: scenario non troppo diverso da quello appena descritto per questo cross. Sul grafico a 4 ore stiamo assistendo ad un pattern che vede due punti di massimo decrescenti rispettivamente a 143,80 e 143,60, con medie mobili esponenziali a 21 e 100 ben distanti, e potenzialmente valido per buone discese verso 141,30 laddove naturalmente cedesse area 142,50. Sul grafico ad un'ora vale altresi' la pena di seguire una potenziale divergenza regolare rialzista tra prezzo ed oscillatore stocastico che potrebbe riportare la quotazione in primo luogo in area 143,10/20. GbpUsd: decisamente il cambio piu' volatile, con un buon ribasso che tuttavia non ha superato la cruciale area di resistenza che ha in 1,6585 il suo punto inferiore. L'area di 1,6620 puo' dunque ancora risultare buona per acquisti ancora una volta in direzione di 1,6665 da cui valutare eventualmente nuove vendite o prosecuzioni verso 1,6696. Essenziale ribadire l'importanza di 1,6585 prima di discese potenzialmente strutturali. AudUsd: ancora sotto pressione il dollaro australiano ed osservando quanto accaduto sul rame questo non ci stupisce in maniera particolare. L'area di prezzo attorno a 0,8935 risulta molto valida e favorevole dal punto di vista del RR per operazioni in acquisto. Operazioni che pero' vanno potenzialmente frenate e girate in area 0,8990 da dove e' ragionevole pensare a nuove vendite riguardando in primis a 0,8965. Ger30 (Dax): come detto nella parte introduttiva, indice tedesco ancora in forte pressione. Il tentativo, rivelatosi poi falso, di risalita per il test di area 9.365 e' senza dubbio un segnale discreto in ottica ribassista. Dopo l'auspicabile partenza al ribasso diviene ora cruciale il comportamento del prezzo sui punti di minimo a 9.210. Valutabili percio' acquisti in ottica 9.260 e 9.310 con stop&reverse vicino per target a 9.165. XauUsd (Oro): toccati i fondamentali punti di massimo in area 1.360/65 che da tempo individuiamo come target attendibili e propedeutici verso ampi up movement. Un consistente superamento di questa zona infatti ci farebbe riguardare a 1.375 in primo luogo ma le estensioni importanti in ottica 1.400 dollari l'oncia diverrebbero piu' che verosimili. Possibili percio' nel breve prime vendite verso 1.354/1.350 per acquisti poi in ottica breakout rialzista. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). . red/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari