giovedì 08 dicembre | 18:09
pubblicato il 20/dic/2013 09:07

Cambi: fine di una settimana di fuoco (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 20 dic - INTRO. A parte il raggiungimento dell'accordo sull'Unione Bancaria raggiunto dall'Ecofin, che non e' comunque stato in grado di muovere i mercati in maniera significativa, ma nemmeno in maniera non significativa, non abbiamo grandi novita' da commentare se non i prezzi che stanno continuando a muoversi in linea con le indicazioni che ci sono arrivate post tapering. Oro sotto i riflettori. Il metallo giallo ieri e' riuscito a rompere i primi livelli di supporto per poi estendere verso minimi individuabili su un grafico giornaliero che sono stati rotti e che possono far pensare a nuovi tentativi di ritorno verso l'area rappresentata da 1,180.00, livelli che non vediamo dal 2010. Gia' in mattinata, price action commentata durante il nostro Morning Meeting, abbiamo assistito alla rottura dell'area passante intorno a 1,210.00, il che ci ha fatto pensare a potenziali approfondimenti ribassisti ed ora ci troviamo con i prezzi che hanno tentato delle correzioni di breve termine ma che non sono stati in grado di superare a rialzo la media mobile a 21 periodi oraria ed il livello di 1,200.00 dollari per oncia, che rappresenta una buona area di resistenza sulla quale pensare di vendere nuovamente l'oro tenendo conto che in caso di ripartenza sopra i primi supporti rotti ieri il mercato potrebbe girare a rialzo. BoJ: mantenuto il QE. La Bank of Japan ha deciso di mantenere il proprio piano di stimoli per l'economia ai livelli previsti. Questa non notizia, non capiamo come alcuni analisti possano creare delle attese circa possibili dismissioni del piano di acquisti di titoli a sostegno dell'economia, non ha impattato in maniera particolare sui mercati asiatici, che continuano a vedere il Nikkei su livelli sostenuti e vicini ai massimi di maggio, prima che iniziassero a circolare voci sul possibile tapering Usa, che ha portato tutte le piazze finanziarie a correggere in maniera pesante, con uno yen che sta continuando la propria strada a ribasso che a nostro parere non e' ancora da considerare come finita. QUADRO TECNICO. EurUsd: l'euro ha tenuto bene le aree di resistenza individuate a partire da 1.3690 e si e' portato a 1.3635, livello toccato e del quale si e' provata la rottura stanotte. I prezzi si mantengono sotto la media a 21 oraria che insieme ai livelli statici passanti per 1.3650 rappresenta una buona resistenza sulla quale pensare a vendite di euro per ipotizzare una discesa verso i minimi che se superati possono lasciare spazio verso 1.3610 ed in estensione 1.3585. In caso di ripartenza oltre 1.3675 il mercato potrebbe provare delle correzioni verso 1.3710/1.3725. UsdJpy: buona tenuta dei supporti individuati ieri che hanno portato al raggiungimento di massimi oltre 104.40, senza tuttavia estendere fino a 104 3/4 come da nostra attese. Siamo ora di fronte a quotazioni che si mantengono sopra la media a 21 oraria che insieme a 104.30, livello statico dato da massimi precedenti, potrebbe fornire buone possibilita' di acquisto di dollaro, con l'idea che un ritorno sotto area 104.10 potrebbe dare il la a tentativi di discesa verso 103.80 ed in estensione (ma quest'ultimo livello dovra' essere superato di almeno 15 pips)103.40. EurJpy: lateralita' conclamata sull'EurJpy che continua a non offrire opportunita' operative per la giornata entrante. E' possibile curare la congestione a triangolo che si sta formando su un grafico a 4 ore per pensare ad eventuali rotture rialziste che se dovessero superare i massimi potrebbero portare ad accelerazioni verso 143.40, mentre in caso di rottura dei minimi passanti per 141.85 (operativamente l'idea di attendere l'eventuale rottura di 141.70 non sembra male) il mercato potrebbe tentare approfondimenti verso 140.90. GbpUsd: sterlina molto combattuta senza situazione di R/R ottimali, come spiegato ieri mattina. Siamo ora al tentativo di rottura a ribasso di area 1.6335 che rappresenta un buon trigger per pensare ad approfondimenti verso la figura, tenendo conto che se i prezzi dovessero tornare sopra l'area di 1.6350 il mercato potrebbe continuare la fase laterale leggermente ribassista cui stiamo assistendo. AudUsd: la mancata rottura dei minimi di due giorni fa non ha portato a considerare eventuali approfondimenti ribassisti ed i prezzi hanno formato una bandiera potenzialmente ribassista che seguiamo con molta attenzione e che in caso di rottura a ribasso di area 0.8840 potrebbe portare al raggiungimento dei minimi e ad estensioni verso 0.8770. L'idea di lavorare in limit sotto la media a 100 oraria non sembra malvagia per il buon R/R offerto. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni