domenica 11 dicembre | 10:07
pubblicato il 08/nov/2013 09:16

Cambi: finalmente il taglio e' arrivato (analisi FXCM)

(ASCA-FXCM) - Roma, 8 nov - Ci siamo sbagliati a livello di aspettative di azione ma non siamo mai stati tanto felici di vedere un interventismo che a questo punto, conoscendo i ritmi decisionali della BCE, potremmo definire tempestivo, ma soprattutto, operativamente, di aver compreso come l'euro di fronte ad un taglio di tassi avrebbe potuto approfondire la sua corsa, effetto non cosi' scontato dopo la discesa di quasi 400 punti che aveva caratterizzato la moneta unica europea contro il dollaro americano. BCE: taglio a 0.25% ma tasso sui depositi ancora a 0%. Il che significa nessun cambiamento per l'economia reale e soprattutto per il mercato del credito. O meglio, nessun miglioramento nel credito al consumo e alle imprese erogato, quindi nessun cambiamento per l'economia reale, anche se i tassi euribor andranno, dal prossimo 13 novembre, a scendere lievemente (con l'effetto di non vedere aumentare le rate dei mutui variabili), cosi' come l'eurirs potrebbe lievemente ridimensionarsi, senza che tuttavia la situazione per le tasche delle famiglie vada a migliorare sensibilmente. Il motivo che ha portato il board a decidere (non all'unanimita' ma a maggioranza) e' stata l'inflazione, scesa in maniera importante rispetto alle aspettative: la base della discussione non e' stata se tagliare o meno il costo del denaro, ma se tagliarlo adesso o aspettare ancora un mese. Fortunatamente non si e' rimandata una decisione che avrebbe dovuta essere stata presa mesi e mesi fa. I rischi di deflazione al momento non ci sono ma ci troviamo di fronte a mesi di potenziale bassi inflazione che dovrebbe, secondo retorica, ripartire senza arrivare al target del 2% ma avvicinarsi ad esso nel corso del 2014. Le operazioni di rifinanziamento (con il meccanismo del full allotment) verranno portate avanti fino a meta' del 2015 in quanto la richiesta di credito e' congelata ed i rischi per l'economia e la crescita economica sono ancora a ribasso. La reazione dell'euro. La reazione della moneta unica europea non si e' fatta attendere ed abbiamo vissuto un paio d'ore di discesa, da 1.3500 a 1.3300, prima di assistere a correzioni rialziste che non hanno allontanato i prezzi dai territori di supporto che tra poco vedremo. Draghi e' stato chiaro nel comunicare che la forza dell'euro nei confronti del dollaro non ha inciso sulla decisione di procedere con una riduzione del costo del denaro, che i mercati vadano dove vogliono andare, questo il concetto. Fino a quando non si andranno a modificare i tassi sui depositi, che potrebbero essere spostati in territorio negativo, la moneta unica potrebbe rimanere sotto pressione a causa del fatto che i tassi interbancari rimarranno probabilmente prossimi allo zero (su base reale), ma gia' da oggi potremmo assistere ad aumenti di volatilita', pero' ''dollar driven''. NFP: occhi puntati sul dollaro. Attese per 125k posti di lavoro creati ed un trend che negli ultimi mesi non e' esistito. Le ultime rilevazioni hanno mostrato comunque una creazione di posti di lavoro pari a 142k, 199k, 176k, 172k, 89k, 193k fino all'ultimo 148k. Questo sara' il merket mover per oggi, con il tasso di disoccupazione sempre piu' in sordina a causa del fatto che la base partecipativa alla forza lavoro (ossia coloro che stanno cercando attivamente lavoro) sta diminuendo costantemente. Questo dovrebbe farci ragionare in maniera fine sulla pubblicazione di oggi e su quelle future: se la base di chi sta ricercando lavoro diminuisce, ma i NFP (dato reale relativo a nuove buste paga effettivamente staccate) aumentano, significa che l'economia sta comunque creando posti di lavoro, non sufficienti a far raggiungere la situazione di piena occupazione, ma comunque segnalando dei miglioramenti che dovrebbero essere tenuti in considerazione. Questo il motivo per cui, di fronte a NFP superiori alle aspettative ci attendiamo una buona reazione del dollaro americano a livello globale (ma siamo sicuri che gli americani, ora come ora, lo vogliano?), di contro, di fronte ad una rilevazione in linea con il consensus o inferiore ad esso, potremmo assistere a correzione del dollaro americano, con la borse che pero' potrebbero andare a recuperare terreno in virtu' dell'allontanamento ulteriore del tapering. QUADRO TECNICO. EurUsd: il fatto di aver atteso ad acquistare l'eruo su un grafico daily grazie al posizionamento dello stocastico, non ancora in zona di ipervenduto, ha pagato e l'idea di vendere euro sotto le resistenze di 1.3540 (pur mantenendo uno stop e reverse sopra 1.3555) per cogliere approfondimenti in ultima istanza sotto 1.34 figura e' stata altrettanto buona. Siamo ora sotto la media a 21 oraria in una situazione di pull back delle aree di resistenza individuabili tra la media ed i punti statici precedenti passanti per 1.3450 (minimo rotto che poi ha fatto da resistenza), area sulla quale si possono ipotizzare acquisti di dollaro per assistere a tentativi di raggiungimento dei minimi (ci aggiorneremo, sia per questo cambio che per gli altri strumenti sul sito www.dailyfx.it per tutta la giornata, vista la delicatezza dei livelli intraday), che se superati si almeno una ventina di punti potrebbero condurre verso 1.3240, mentre in caso di superamento rialzista di area 1.3465 (e' possibile attendersi tentativi di ripartenza che se dovessero abbattere area 1.3485 potrebbero far ripartire verso 1.3540, con il 55 da tenere sempre sotto osservazione. UsdJpy: UsdJpy davvero imprevedibile ieri se si e' lavorato su time frame dall'orario in su, sui 15 minuti e sulla mezzora si sono formate divergenze ribassiste in grado di mostrare situazioni di eccesso di acquisti importanti, che hanno portato non a correzioni ma a giri importanti di direzionalita'. Per comprendere tale tipo di reazione occorre affidarsi a time frame giornalieri, sui quali stiamo seguendo una restrizione di volatilita' che dura ormai da maggio e che vede la possibilita' di rotture a rialzo o a ribasso equiprobabili. Ieri abbiamo valutato possibilita' di vendita di UsdJpy tra 89.80 ed 89.90, con stop e reverse sopra i massimi, con l'area passante per 99.35 come quella da valutare per pensare a posizionamenti long su un time frame daily, on caso di chiusura sopra di essa. Oggi il mercato fornisce potenziali spunti ribassisti, da poter impostare sotto la media a 21 oraria ed i punti precedenti passanti per 98.20/25. Nel caso in cui il mercato provi a tornare sopra 98.45 e' possibile valutare tentativi di ripartenza verso 75, area che comunque potrebbe fornire buoni spunti ribassisti e da poter sfruttare, questa volta, con uno stop e reverse sopra 90. In caso di superamento di area 97.45 possibilita' di assistere a nuovi minimi verso 97. 1/4/30. EurJpy: le vendite potenziali nell'area che passava tra 133.40 e 65 viste ieri hanno rappresentato una buona strategia in quanto i prezzi hanno effettivamente raggiunto area 132.85, con gli effetti moltiplicativi di volatilita' tra EurUsd e UsdJpy che hanno portato a raggiungere territori ben piu' lontani (131.90, prima di correggere sotto la EMA21 e poi sfondare quota 132.00 definitivamente). Questa rappresenta la resistenza principale da seguire per oggi ed in caso di sua tenuta e' possibile pensare ad approfondimenti oltre 131.00, valutabili in caso di superamento di 131.10. Per assistere a ripartenze, crediamo che l'area passante per 132.15 sia quella piu' importante da seguire, con potenziali target sulla ripresa che passano tra 132.40 e 65. GbpUsd: dopo le buone operazioni effettuate sulla sterlina ieri il mercato ha esteso sotto le aree di supporto considerate per valutare eventuali acquisti (tra 1.6040 e 1.6060, fornendo spunti ribassisti sotto l'1.6020 considerato che pero' non hanno portato ad estensioni fino ai livelli ipotizzati di 1.5985. Nel pomeriggio la ripartenza e' stata importante e questo ha riportato i prezzi sui livelli di resistenza principali, confermando la relativa forza del pound (sceso soltanto sulla BoE) e fornendo un quadro tecnico sporco per oggi. Le uniche possibilita' operative vedono la possibilita' di seguire una divergenza ribassista potenziale individuabile su un grafico a 4 ore e la possibilita' di sfruttare l'appoggio ai supporti di breve (sopra 1.6070) o la rottura a rialzo di 1.6120 (con area 1.6135 come resistenza) per attendere l'eventuale divergenza. R/R non buono. AudUsd: buona tenuta dei supporti visti ieri mattina con il mercato che e' ripartito verso i target rappresentati dalle resistenze statiche, con il successivo superamento a ribasso di area 0.9455 che ha riportato verso 0.9440 ed in estensione sui minimi. Siamo ora in rimbalzo verso le resistenze principali individuabili in area 0.9485/0.9500, dove e' possibile valutare acquisti di dollaro americano con stop e reverse sopra il livello di 0.9515, considerando la possibilita' di estensione fino a 0.9445, che se superato potrebbe portare a 60. Ger30 (Dax): la strategia difensiva su eventuali vendite ipotizzate ieri ha portato non solo alla ricerca di soglie psicologiche sotto il 100, ma allo sfioramento del nuovo massimo storico intorno a 9,200, prima di correggere pesantemente insieme agli acquisti di yen e franco svizzero. Possibilita' di valutare acquisti sui minimi che passano tra 9,000 e 8,970, con possibilita' di approfondimenti a rialzo in caso di superamento di area 9,080. In caso di superamento di area 8,940 e' lecito attendersi potenziali discese verso 8,900. XauUsd (oro): buono il quadro tecnico visto sull'oro, pur di fronte all'alta volatilita' creatasi. Curiamo nuovamente le resistenze poste pero' tra 1,310.00 e 1,317.00, con 1322.00 come potenziale livello di reverse verso 1.325/28, che rappresenterebbe un area oltre la quale il movimento potrebbe girarsi a rialzo. Sotto 1,304.00, come ieri, possibilita' di estendere verso 1,295.00. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina