giovedì 08 dicembre | 11:01
pubblicato il 12/mag/2014 08:55

Cambi: eurodollaro sorvegliato speciale (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 12 mag 2014 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana della Banca Centrale Europea e le conseguenze sul mercato, delle scelte di Draghi e del Governor Council, sono state importanti, e naturalmente sul fronte Eurodollaro in maniera particolare. La settimana che ci apprestiamo a vivere potra' essere molto importante da un punto di vista tecnico anche in scenario di medio periodo, oltre che per alcuni importante pubblicazioni che verranno rilasciate nei giorni a venire. I recenti accadimenti. Osservando il grafico del cambio Eurodollaro della settimana passata, scorgiamo due eventi significativi che sono ascrivibili alle giornate di martedi' e giovedi' e di natura profondamente diversa dal punto di vista delle ragioni macroeconomiche sottostanti: nel primo caso, abbiamo assistito a poderosi flussi di liquidita' dirigersi nella direzione di vendita di dollaro americano in maniera generalizzata contro tutte le altre valute e senza notizie sul fronte dei dati macro, che anzi pochi giorni prima avevano messo in luce un mercato del lavoro in forte ripresa negli Stati Uniti. A fronte di una politica monetaria segnata sul fronte Fed, lo sguardo lo abbiamo gettato dunque verso elementi meno evidenti sul fronte operativo che riguardano la centralita' del dollaro come mezzo di scambio da parte delle economie emergenti (vedi ad esempiola Russia in seguito alle sanzioni), come valuta di riferimento per i pagamenti internazionali e per la quotazione delle materie prime; sempre in questa sede, ricordavamo che la Cina, oltre a detenere qualcosa come tre trilioni di titoli del debito americano, possiede nei propri forzieri quantita' ingenti di dollari americani che se reimmessi nel mercato non farebbero che aumentare l'offerta di moneta alla voce circolante rendendo di fatto il biglietto verde piu' svalutato di quel che gia' e'. E' dunque bene porre il focus su queste tematiche tali da portare a repentine ripercussioni sui prezzi spot dei cambi valutari che, come visto, si sono comunque rivelate tecniche permettendo ingressi legati ai livelli grafici e quindi in grado di essere colte ed e' questo un filone di ragionamento da curare con molta attenzione nei mesi a venire. Giovedi' abbiamo invece seguito la BCE che, dopo aver confermato il corridoio dei tassi di interesse, non ha di fatto comunicato l'implementazione di misure non convenzionali pur sostanzialmente ribadendo i timori per l'inflazione molto bassa e le aspettative sulla stessa ben ancorate al ribasso. Inoltre, ed e' stato questo l'aspetto piu' interessante, Mario Draghi ha affermato la preoccupazione per la forza della moneta unica e ha lasciato intendere che il problema e' tenuto in considerazione eccome. Nonostante il ruolo dell'euro sia stato dal banchiere centrale ritenuto minoritario nella spiegazione dello scenario disinflazionistico, egli e' sembrato in qualche modo motivato ad agire per evitare che l'euro giochi il ruolo da gigante che finora ha interpretato, ma che non e' nelle condizioni di farlo. Il movimento visto giovedi' scorso sull'eurodollaro e' stato tecnico nel suo sviluppo, nel momento in cui gli acquisti hanno raggiunto quasi l'1,40 e hanno di fatto soddisfatto la restante domanda (oltre che colpito gli stop dei ribassisti di prima istanza e poi quelli dei rialzisti), per poi farci vedere uno schiacciante dominio dell'offerta ed il conseguente calo di oltre una figura fino ad area 1,3850. Ma puo' essere stato significativo in ottica di apristrada verso futuri ed importanti ribassi nel momento in cui il mercato percepisse davvero che la questione euro e' discussa nei salotti di Francoforte e che quindi le prossime decisioni di politica monetaria impatteranno per deprimerne il valore. Queste dunque le linee guida di ragionamento che manteniamo per capire la struttura del cambio da qui alle prossime settimane e mesi, salvo naturalmente farci guidare dai livelli tecnici per le scelte operative di trading. La settimana che ci attende. Rimanendo ancora per un attimo focalizzati sull'eurodollaro, una giornata cruciale sara' quella di giovedi' nella quale a distanza di poche ore verranno rilasciati i dati sull'inflazione dell'Eurozona (alle 11) e degli Stati Uniti (alle 14.30). Attesa dunque un'alta volatilita' vista l'importanza della variabile inflazione soprattutto sul versante europeo, unico faro guida delle scelte di politica monetaria a Francoforte. Settimana di grande importanza anche per la sterlina che mercoledi' sara' interessata dalle release sul mercato del lavoro e un'ora dopo dal rapporto della Bank of England sull'inflazione e dal discorso del Governatore Carney che, come riferiscono alcune voci, potrebbe annunciare un rialzo del tasso di interesse di riferimento a partire dall'inizio del 2015. Dunque verosimile volatilita' e' attesa sul fronte valutario in un contesto che vede naturalmente le Borse come co-protagoniste dal momento che le ampie escursioni di prezzo della settimana scorsa di fatto ci hanno restituito una situazione nella quale i listini si trovano non lontani dai punti di massimo e sostanzialmente destinatari ancora di grandi flussi di liquidita', in maniera ancora piuttosto slegata dalla dinamica degli altri asset e da meccanismi correlativi con il dollaro americano. Da osservare inoltre anche il Bund tedesco su importanti livelli tecnici di massimo, con un obbligazionario che a livello globale in molti casi sta segnando record di minimi rendimenti sul mercato secondario. Tanti dunque i temi sul tavolo che avremo modo di seguire molto da vicino insieme e giorno per giorno. Veniamo ora al punto tecnico. QUADRO TECNICO. EurUsd: il grafico settimanale del cambio ha fornito importanti conferme sul fronte della fase di distribuzione che stavamo seguendo, con quello che dunque potrebbe uno scenario di uptrhust e di importante scaricamento della domanda di medio periodo. Sullo stesso weekly attendiamo pero' decise conferme sotto le aree 1,3730/00. Come dunque accennato nella prima parte, il movimento dell'eurodollaro di giovedi' ha messo in evidenza una dinamica di scaricamento della domanda residua sul cambio, con conseguente presa di stop dei ribassisti di prima istanza e poi un'ondata di offerta che ha poi si e' alimentata degli stop dei rialzisti e di chi ha incominciato a vendere in maniera importante, pur in maniera tecnica se si osservano i supporti statici che hanno ceduto; 1,3930, 1,3905, 1,3885, 1,3865. Poi, e lo avevamo chiaramente scritto, il segnale piuttosto forte in senso ribassista ha trovato conferme con la rottura sotto 1,3850, verso 1,3810, poi 1,3775/90 ed infine 1,3750. Venendo al breve ci troviamo ora in una fase di correzione proprio su quest'ultimo livello che, sul grafico orario, mostra un'apertura settimanale in congestione con l'ottima media esponenziale a 21 periodi a fare da prima resistenza dinamica per delle ripartenze la cui portata passa naturalmente dalla violazione dei minimi a 1,3750 verso 1,3730 e la fondamentale area di 1,37. Prudente invece attendere il superamento di area 1,3785 prima di long in direzione 1,3815 e allunghi possibili a 1,3825 in eventuale scenario di ''pera cotta'' sempre sul grafico orario. UsdJpy: weekly decisamente poco utile su questo cambio e per l'ennesima settimana questa non e' una novita'. E sul daily la situazione non e' di certo diversa. Continua dunque la sostanziale calma piatta ed assenza di spunti direzionali. E' stato delle ultime ore di contrattazione di venerdi' il tentativo di superamento di area 102 che vive ora segni di ritracciamento che potrebbero favorire ora ripartenze a 101,85 verso 102,15 in primo luogo e 102,35 in secondo. 102,65, come ormai noto, il livello seguente. Rientri sotto 101,85 ci farebbero nuovamente guardare alla parte bassa del range verso 101,60 e 101,40. EurJpy: il weekly mostra un prezzo perfettamente appoggiato sulla media mobile esponenziale a 21 periodi che piu' volte in passato, sul rally al rialzo del cross dei mesi passati, ha respinto il prezzo e ha consentito ripartenze bullish. Lo snodo a 140 e' dunque di notevole importanza, come dimostra anche il grafico giornaliero con il passaggio della media a 100 periodi. Figura di correzione ora visibile in scenario intraday che, sempre in scenario di pattern di ''pera cotta'', potrebbe essere di buona portata fino a 140,50 e 140,90 in secondo luogo. Questi i due punti che in caso di arresto del prezzo, potrebbero favorire un buon rapporto rischio/rendimento in vendita verso i minimi a 139,90 con breakout che potrebbero rivelarsi sostanziosi verso 139,50 e 139,20. GbpUsd: grafico settimanale non particolarmente indicativo quello sul cable, mentre appare piu' interessante il daily che mostra una divergenza regolare ribassista tra prezzo ed oscillatore stocastico con appoggio sul prezzo sulla media mobile a 21 periodi in area 1,6830. Figura di pennant ribassista ora visibile in intraday, da poter seguire molto bene sul grafico orario grazie all'ottimo posizionamento della media mobile a 21 periodi per ripartenze in vendita in area 1,6860 vero appunto area 1,6830. Possibili stop relativamente stretti per contemplare poi ripartenze eventuali in long sopra 1,6880 verso 1,69 e 1,6925. AudUsd: weekly e daily abbastanza unanimi nel segnalare il potenziale proseguimento dello scenario rialzista per il cambio. Ribadiamo come sempre la figura di riferimento rappresentata dal preciso canale rialzista dai minimi di gennaio, attraversato dal canale ribassista di correzione invece iniziato il 10 aprile. Le rotture di quest'ultimo e i successivi pullback sono stati molto tecnici per quelli che sul 4 ore appaiono come possibili ripartenze dalla media 21 verso i massimi a 0,94 e allunghi a 0,9425.Stop&reverse veloci sotto 0,9340 per il livello di 0,9315 e rientro sotto 0,93 in caso di break ribassisti. Ger30 (Dax): segnali di forza dell'indice tedesco che, nonostante i su e giu' di settimana scorsa, ha confermato la sua forza intrinseca chiudendo sopra 9.600 punti. Ancora di grande attualita' i livelli tecnici di supporto e resistenza rispettivamente a 9.555 punti e 9.620. Preferibile un'operativita' dunque in limit entry, con stop stretti e reverse possibili verso 9.650 e 9.690 nello scenario rialzista e 9.525 e 9.490 in quello ribassista. XauUsd (Oro): ancora incertezza strutturale dell'oro, come evincibile dai grafici settimanale e giornaliero. I punti tecnici di maggior rilievo continuano ad essere il 1.286 e il 1.296 all'interno del quale poter operare anche qui in limit entry, con stop&reverse verso 1.302 e 1.306 al rialzo e 1.277 al ribasso(come peraltro accaduto in apertura settimanale). (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni