domenica 22 gennaio | 03:32
pubblicato il 01/set/2014 09:08

Cambi: euro sotto pressione (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 1 set 2014 - Cominciamo il mese di settembre con aperture neutre sui mercati, dove il dollaro ha per il momento mantenuto i guadagni messi a segno sull'euro e con piccoli gap a favore proprio del biglietto verde, che continua a mantenersi in posizione di forza relativa rispetto alle major, insieme a borse che in chiusura di settimana hanno rialzato la testa dopo i tentativi di correzione partiti. Sara' una settimana intensa di dati e con graduali ritorni di liquidita', facciamo insieme il punto della situazione.

Il punto della situazione La settimana appena conclusa non si e' certo rivelata priva di eventi, a partire dall'avvicinamento del franco svizzero al limite di oscillazione permesso dalla Swiss National Bank, causato dal duplice motivo ''discesa dell'eurodollaro'' e ''timore che le borse americane possano partire con importanti storni a ribasso'' (franco ancora valuta rifugio). Una discesa, quella dell'euro, che e' continuata per tutta la settimana su aspettative che la BCE, questo giovedi', possa procedere con acquisti di asset in stile QE, al fine di sostenere con misure straordinarie l'economia ed il mercato del credito europeo, aspettative che sono in parte rientrate dopo la pubblicazione dell'inflazione pari a 0.3% contro attese di 0.4% ma con un incremento sul fronte ''core'' da 0.8% a 0.9%.

Questo ci fa pensare che la BCE possa decidere, durante il suo meeting di giovedi', di non intervenire con la comunicazione di ulteriori misure di stimolo quantitative, dopo le dichiarazioni che avevano preparato il mercato ad eventuali azioni in caso di dati peggiori sull'inflazione (pur muovendosi intorno al 40% le attese per un interventismo, molto alte dunque, soprattutto se pensiamo all'argomento delicato). Draghi ha infatti comunicato che il recente ribasso della moneta unica europea ed il pacchetto di misure di sostegno varato a giugno dovrebbero risultare sufficienti a trasmettere gli stimoli desiderati. Il deprezzamento della moneta unica europea contro il dollaro americano e le altre major ha portato all'avvicinamento dell'EurChf a 1.2000, la soglia curata dalla SNB che, a 1.2050, ha provato dei piccoli acquisti per difendere il peg.

Stiamo attenti a potenziali interventi da parte dell'istituto centrale, non possiamo escluderli a priori. Questa settimana avverra' il graduale ritorno della volatilita' a livelli pre-estivi (lo S&P500 ha compiuto nuovi massimi storici pur con volumi molto bassi di scambio) e assisteremo al potenziale culmine di volatilita' tra giovedi' e venerdi', quando si riuniranno BoE, BCE e verranno pubblicati i dati sull'occupazione americana. I market mover della settimana.

Oltre a quanto appena visto, molti saranno i dati che verranno rilasciati sul fronte americano. I dati di agosto dovrebbero essere generalmente positivi. L'employment report, secondo le attese, dovrebbe registrare una crescita occupazionale mensile sopra le 200k unita' ed il tasso di disoccupazione dovrebbe risultare stabile al 6,2%. Gli indici ISM sono previsti su livelli che possono essere definiti coerenti con un'espansione solida in tutti i settori, un'espansione che potrebbe essere confermata dalla pubblicazione del Beige Book. Sul fronte eurozona invece, a parte la riunione della BCE che attirera' tutte le attenzioni degli investitori ed operatori (e di questo avremo tempo di parlarne durante le prossime giornate, anche se gia' molto abbiamo detto settimana scorsa), avremo la seconda rilevazione dei dati PMI che verosimilmente potrebbero confermare i cali visti ad inizio agosto, oltre al Pil tedesco ed europeo, con la Germania che vedra' anche il rilascio della produzione industriale. QUADRO TECNICO. EurUsd: perfetta la situazione tecnica dell'euro su cui hanno tenuto le resistenze viste in 1.3195, con il raggiungimento di entrambi i target ipotizzati. Siamo ora con i prezzi che si stanno mantenendo sotto la media a 21 oraria che, insieme all'area rappresentata da 1.3150, potrebbe rappresentare un'area sulla quale considerare eventuali acquisti di dollaro per tentativi di ritorni sui minimi di stanotte ed eventuali estensioni verso 1.31 figura. Stiamo attenti che le possibilita' di assistere a rimbalzi, seppur non segnalati tecnicamente, si fanno sempre piu' vicine, per cui l'utilizzo di stop loss diviene fondamentale. Continuiamo a credere che ripartenze sopra area 1.3265 divengano necessarie per ragionare su accelerazioni rialziste consistenti, nell'intraday stiamo pero' concentrati su 1.3185, oltre il quale potrebbe essere possibile il raggiungimento di area 1.3220 (sforabile di una ventina di punti in estensione). UsdJpy: nessuna operativita' sul UsdJpy che si e' mantenuto sopra i supporti individuati in 103.30 (senza raggiungerli) superando 104 figura e tentando delle estensioni verso 104.20, confermando quindi una bandiera rialzista a 4 ore. Ci troviamo ora sopra la media a 21 a 4 ore e vicino ai punti di massimo precedenti, con un orario che mostra medie impostate a rialzo e prezzi ben allineati sopra la 21. Seguiamo la possibilita' di assistere a tentativi di correzione in area 103. 3/4, dove eventualmente pensare ad acquisti di dollaro in caso di scaricamento di entrambi gli stocastici, a 4 ore ed orari. Nel momento in cui i prezzi dovessero superare le aree di supporto viste (operativamente potremmo considerare l'area di 103.65 come trigger) potrebbe essere possibile valutare eventuali estensioni verso 10350 e 103.30, tenendo conto che ulteriori rotture a ribasso dell'area rappresentata da 103 1/4 potrebbero risultare propedeutiche ad accelerazioni verso 102.90. Ritorni verso i massimi di stanotte ed estensioni verso 104.40 i target in caso di tenuta dei supporti.

EurJpy: Si conferma molto forte l'area studiata per gli ultimi tre giorni di settimana scorsa, con i prezzi che si sono sempre mantenuti sotto 137.40 e che attualmente, su un time frame orario, non forniscono nessun suggerimento operativo. Spostiamoci su un 4 ore, dove abbiamo la possibilita' di seguire delle medie impostate a ribasso che suggeriscono la possibile valutazione di fasi di acquisto di yen fino a quando i prezzi dovessero mantenersi sotto 136.90, con la possibilita' di seguire eventuali approfondimenti diretti a ribasso sotto area 136.40 in caso di stocastico non ancora in zona di ipervenduto. Risk reward non ottimi sul cambio.

GbpUsd: non cambia la situazione tecnica studiata sul cable, con un grafico a 4 ore a comandare ancora sui nostri ragionamenti. L'area passante tra 1.6620 e 1.6655 potrebbe rappresentare una resistenza all'interno della quale pensare ad acquisti di dollari. L'area e' molto ampia e confusa per un'operativita' intraday, per cui seguiamo la possibilita' di operare all'interno di essa su un tf a 4 ore. Sopra 1.6675 e' possibile che i prezzi tentino delle escursioni verso l'area rappresentata da 1.6730 (soprattutto considerando la ripresa delle quotazioni in chiusura venerdi'). Come settimana scorsa, lo seguiamo insieme sul forum prima di impostare qualsiasi ordine in macchina.

AudUsd: il dollaro australiano ha raggiunto l'area di 0.9320 senza superarla, questo non ha portato a valutazioni di posizionamenti corti sul cambio che continua a mostrare una lateralita' confusa, intervallata da movimenti direzionali intraday difficili da valutare a causa della mancanza, fin'ora, di liquidita'. Durante questa settimana potremmo tornare a vedere una situazione tecnica normalizzata, che per ora seguiamo su un time frame a 4 ore con la possibilita', in caso di superamento a rialzo di area 0.9365, di ritorni sui massimi e di estensioni verso 0.9400 data la presenza di una potenziale trendline rialzista che congiunge i minimi segnati a partire dal 21 agosto che sta contenendo i prezzi.

Dovessimo assistere a ritorni sotto area 0.9320 il mercato potrebbe estendere per una strada pari a 20/30 punti.

Ger30 (Dax): area di 9,400 raggiunta dai prezzi durante il pomeriggio di venerdi' ma nessun acquisto effettuato a causa del fatto che lo stocastico a 4 ore non era andato a scaricarsi in maniera soddisfacente. Inizia a configurarsi la possibilita' di seguire, su un tf daily, la formazione di una divergenza ribassista, seguiamola con attenzione e per la giornata di oggi rimaniamo concentrati sulla possibilita' di valutare acquisti in caso di storni verso area 1,370 con stocastico orario scaricatosi in ipervenduto, con stop da valutare subito sotto in quanto un superamento dell'area, soprattutto se lo stocastico a 4 ore dovesse essere impostato a ribasso e ben lontano dall'ipervenduto, potrebbe lasciare intendere volonta' di discesa verso 9,300.

XauUsd (Oro): oro in mezzo al guado, da seguire insieme sul forum prima di pensare a qualsiasi tipo di operativita'. La figura di riferimento potrebbe essere rappresentata da una potenziale bandiera a 4 ore ribassista, dove in caso di discesa sotto area 1,280.00 con stocastico non ancora in ipervenduto potremmo assistere ad eventuali estensioni verso 1,274.50 e 1,270.00.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4