giovedì 19 gennaio | 08:29
pubblicato il 18/set/2014 16:42

Cambi: euro sale su dollaro e yen. Occhi su rimborsi Ltro di domani

(ASCA) - Roma, 18 set 2014 - Euro in rialzo e di nuovo sopra 1,29 sul dollaro.

La risalita dopo l'asta della Bce (Tltro con scadenza 2018) che ha finanziato le banche per 82,6 miliardi. Importo sotto le attese del mercato, ma va considerato che l'aumento dell'offerta di moneta in condizioni di sostanziale trappola della liquidita' e dunque in assenza di forte domanda di credito non e' una passeggiata. Sempre sul mercato delle valute significativo rafforzamento della moneta unica nei confronti dello yen scivolato oltre quota 140. Nelle sale operative segnalano come la moneta unica continui a rappresentare un discreto strumento di carry trade ''e' uno dei motivi per cui gli spread sui titoli di stato periferici si stringono. Chi non e' euro-based, si indebita in euro per poi investire in titoli di stato di paesi dell'Eurozona che offrono elevati rendimenti nominali e reali, questo vale per i Bonos spagnoli, gli Ot portoghesi ed i Btp italiani. Lo stesso si puo' fare ovviamente essendo anche euro-based, magari attingendo proprio ai rifinanziamenti della Bce. Bisognera' vedere fino a quando il rendimento offerto da questi titoli di stato rimarra' competitivo con il segmento high yield e se le aspettative resteranno ancorate alla possibilita' di un futuro allentamento quantitativo della banca centrale europea'' spiega un trader.

I differenziali di tasso tra i titoli dei paesi periferici oggi si sono ulteriormente ristretti: lo spread Btp-Bund viaggia a 132 punti, quello tra Bonos e Bund a 116 punti, quello Ot-Bund a 110 punti.

Per capire, invece, che aria tira sul fronte dell'eccesso di liquidita', il mercato guarda a domani, quando la Bce comunichera' l'ammontare dei prestiti triennali (Ltro) rimborsati settimanalmente dalle banche dell'Eurozona.

Con valuta 17 settembre erano stati rimborsati anticipatamente altri 5,9 miliardi portando il totale dei prestiti triennali ancora in essere a 348 miliardi sui 1.018 originariamente concessi dalla Bce e che hanno scadenza 29 gennaio e 26 febbraio 2015.

Se domani, per valuta 24 settembre, l'ammontare dei rimborsi anticipati dovesse essere molto piu' elevato del solito, allora l'eccesso di liqudita' determinato dal primo Tltro della Bce sarebbe piuttosto trascurabile, almeno nel breve periodo.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina