venerdì 09 dicembre | 13:15
pubblicato il 03/apr/2014 09:32

Cambi: Draghi, interventismo o immobilismo? (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 3 apr 2014 - Ebbene anche questo mese ci siamo. E' il giorno della Banca Centrale Europea che ancora una volta si trova davanti ad una situazione che di mese in mese va deteriorandosi e che la pone sempre piu' in obbligo di intervenire in qualche modo, laddove le sue stesse aspettative vengono puntualmente disattese. La situazione. Senza alcun dubbio il dato piu' allarmante e' quello sull'inflazione dell'Eurozona, unico parametro che peraltro la BCE ha il mandato di governare. Non piu' tardi di lunedi' la pubblicazione e' stata a dir poco allarmante in quanto si e' registrato un Indice dei prezzi al Consumo dello 0,5% ed un dato core allo 0,8%, ben lontani sia dal target di statuto del 2% ma anche dal dato atteso che puntualmente Mario Draghi ci ricorda ad ogni conferenza stampa del primo giovedi' del mese; come se poi il parametro dell'inflazione attesa potesse essere di cosi' facile calcolo e di cosi' estrema affidabilita'. Vedi il Giappone per 20 anni e otterrai una risposta di natura empirica. Le aspettative di lungo periodo sull'inflazione che Draghi piu' volte ha ricordato essere ancorate a circa l'1,9% appaiono inoltre decisamente ottimiste laddove il consenus da parte di molti analisti e banche d'affari ci descrive una situazione che potra' vedere tendenzialmente un 1,7% per i prossimi tre anni. Non certo un sollievo laddove il processo di disinflazione appare in buona maturazione e i contesti di deflazione sono gia' una realta' e dove, ancora, la stessa locomotiva Germania ha di recente mostrato dati sui prezzi al consumo non propriamente confortanti. Come abbiamo percio' piu' volte ribadito nelle scorse settimane e con ancora maggiore veemenza nei giorni piu' recenti, la pressione verso una qualche tipologia di interventismo da parte di Francoforte continua ad essere alta, ove non solo le recenti pubblicazioni dei vari indicatori economici dell'Eurozona non sono state di certo lusinghiere (il ''calo'' della disoccupazione dal 12% all'11,9% e' davvero poca cosa) e ove si affacciano nuovi pericolosi fantasmi che minacciano il sistema nel suo complesso come quello sul fronte politico. Le elezioni amministrative in Francia hanno attestato la grande affermazione del partito nazionalista ed antieuropeista con il governo di Hollande che ha dovuto forzatamente procedere ad un rimpasto, ad un mese e mezzo di distanza da quelle famose elezioni europee che rappresentano un vero e proprio macigno sulla schiena dell'euro in quanto e' serio il rischio che siano proprio i partiti e i movimenti anti-euro a prevalere alle urne. Cosa potra' succedere. Francamente, e lo abbiamo piu' volte ribadito, sono davvero poche le carte da giocare da parte della BCE che, a dispetto di quanto comunemente si crede, ha fatto anche troppo per quello che il suo anomalo e limitatissimo mandato consente. E anche le restanti cartucce da sparare, quale un ulteriore riduzione del corridoio dei tassi di interesse piuttosto che una misura in stile LTRO, potrebbero rivelarsi del tutto inefficaci nel medio termine e portare solo a volatilita' di breve. Verosimilmente Mario Draghi si premurera' di affermare che l'ultima release sull'inflazione e' quanto meno distorta da fattori temporanei quali il recente calo dei prezzi dell'energia piuttosto che il prolungamento dei saldi per le vendite al dettaglio. Con buona probabilita' quindi il tema verra' sminuito e i toni saranno ancora dovish, come gia' anticipato nei recenti speech di questa settimana da parte di Weidmann (presidente Bundesbank) e Constancio (vicepresidente BCE). Sul fronte tassi, la leva operativa principale di una banca centrale, sarebbero due le strade possibili: un taglio del tasso di rifinanziamento principale di 10 punti base, o l'abbassamento e quindi l'approdo in territorio negativo del tasso di deposito. Misure che, come hanno dimostrato recenti proiezioni di mercato, avrebbero un effetto piuttosto limitato e non abbastanza di garanzia verso una vera ripresa del circuito del credito in grado di rimettere in moto il sistema economico nel suo complesso, con l'attivazione della spirale investimenti-occupazione-consumi. Ci duole percio' dirlo, ma e' davvero arduo che il governatore Draghi possa stupirci. E almeno non ora. E se dovesse farlo, i potenziali benefici potrebbero essere molto limitati anche se si darebbe un segnale molto forte al mercato. Nei prossimi mesi si concluderanno le procedure di Asset Quality Review delle banche ed e' verosimile che la BCE ne voglia attendere il completamento prima di poter agire visto che il sistema creditizio e' uno dei nodi problematici del contesto europeo. Le reazioni sul mercato. L'eurodollaro, il cambio evidentemente sotto l'occhio dei riflettori, ha mantenuto in questi giorni una prolungata lateralita' che poco ha fatto trasparire le aspettative degli operatori. Certo, la mancata discesa del cambio sulla pubblicazione dell'inflazione in qualche modo ha lasciato intendere di come il mercato non si attenda interventismo da parte della BCE. E l'inazione vorrebbe verosimilmente significare un euro ancora forte nei confronti del dollaro e siamo abbastanza confidenti che Draghi si terra' ben lungi dal fare espliciti riferimenti al tasso di cambio. Sara' lecito dunque attendersi potenziali scenari di iniziale ribasso, laddove si sconta proprio l'eventuale prolungato attendismo, che poi potra' trovare definizione in movimenti rialzisti in grado di trascinare il prezzo ben al di sopra di area 1,38. 1,3850 e' il livello guardato a vista. Nell'ipotesi ben meno verosimile di una qualche manovra da Francoforte, la reazione sarebbe ribassista con relativo superamento al ribasso dell'area di 1,37 verso quel famoso 1,3640 che comunque potrebbe respingere in maniera violenta il prezzo. Non ci attendiamo invece stravolgimenti sul fronte delle Borse che, per estremizzare la sintesi, stanno seguendo altre dinamiche. QUADRO TECNICO. EurUsd: dunque ancora grande indecisione per il cambio principe che dopo gli ottimi test di area 1,3815 ha ieri fatto registrare discese discrete che comunque non sono state rilevanti laddove non e' stato neanche toccato il primo livello di supporto a 1,3740. Il possibile orientamento in intraday e' ancora ribassista, come si evince dal time frame a 4 ore, verso ribassi oltre 1,3740 in area 1,37. 1,3720 potrebbe essere il prezzo al quale si arrivera' prima della BCE. Un secondo possibile scenario evidenzia invece un superamento di area 1,3780 per la ripresa, gia' nella mattinata, di 1,3810. I livelli post reazione sono, come detto sopra, il cruciale 1,3640 come supporto e l'1,3845 seguito da 1.3875 al rialzo. UsdJpy: buone ancora le salite di questa notte sul cambio. Il time frame orario si e' confermato in assoluto il migliore per cavalcare in intraday la risalita della price action con la media mobile esponenziale a 21 periodi che ha funzionato egregiamente in tutti i retest del prezzo per le successive ripartenze. Il grafico orario mostra lo sviluppo di una potenziale divergenza regolare ribassista prezzo-stocastico che pero' andrebbe lavorata al superamento di 103,75 verso area 103,50/45. Se il pivot daily insieme alla media 21 dovessero confermare la loro tenuta in qualita' di supporto, possiamo attenderci ripartenze del prezzo 104,10 e 104,45. EurJpy: molto bella anche la risalita del cross che ha vissuto momenti di discesa legati ai cali dell'eurodollaro. L'ottima precisione del grafico orario e' andata percio' sporcandosi senza pero' invalidare l'ottica rialzista che permane e che da di 143 una nuova buona area per acquisti verso 143,45 in primo luogo. Salite dell'euro, consentirebbero approdi verso 143,80. Piu' contorto un eventuale scenario ribassista che appare prematuro se non al perforamento al ribasso di 142,75 verso il maggiore livello di supporto a 142,30. GbpUsd: continua questa lateralita' del cable, descritta dall'area di 1,6620 e 1,6660. Anche qui il grafico orario appare quello migliore per la tradabilita' di questo cambio, con la possibilita' di lavorare la congestione in limit entry in sinergia con le indicazioni dell'oscillatore stocastico e di girarsi repentinamente al rialzo verso 1,6685 e con maggiore prudenza al ribasso attendendo il break di 1,66 verso 1,6565. AudUsd: segnali di debolezza del cambio che sul giornaliero potrebbe dare evidenza di una divergenza regolare ribassista tra prezzo e stocastico. Il grafico a 8 ore conferma, grazie anche alla media 21, l'importanza dell'area di supporto a 0,9220 che puo' consentire posizionamenti long dato l'ottimo rapporto rischio-rendimento. 0,9245 i l primo obiettivo seguito da 0,9270. Buono qui l'eventuale stop&reverse verso 0,9175. Ger30 (Dax): sottilissima la price action del Dax che continua a mantenersi in forza relativa inferiore rispetto alla gran parte degli indici azionari benchmark. Il grafico a 4 ore continua a mostrare possibili scenari di divergenza ribassista visto l'oscillatore in perdurante ipercomprato. Ma anche qui il grafico orario appare quello migliore, laddove la media 21 e' perfetta in ottica di supporto dinamico. Le possibili fiammate di volatilita' della sessione europea potrebbero portare a strappi al ribasso sotto 9.600 in direzione 9.560 e sopra 9.640 in ottica 9.690. XauUsd (Oro): buona dunque la ripresa dell'oro che in H4 ha avvalorato lo scenario di divergenza regolare rialzista con contestuale superamento dell'ottima direzionale media mobile esponenziale a 21 periodi de della resistenza in area 1.290 che fa ora da supporto. Possibili le risalite verso 1.298 oltrepassato il quale sarebbe ipotizzabile rivedere 1.308. Se il livello dovesse tenere, sarebbe ottimo il RR in vendita. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina