domenica 04 dicembre | 21:19
pubblicato il 08/feb/2013 08:56

Cambi: Draghi e l'euro (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 8 feb - Chi avesse deciso di chiudere le posizioni prima di ieri pomeriggio e di staccare la spina per evitare la volatilita' che avrebbe potuto scatenare la BCE con la sua conferenza stampa e avesse spento i monitor per riaccenderli questa mattina, probabilmente si starebbe domandando se l'istituto centrale europeo abbia proceduto con un taglio di tassi. Gia', perche' a guardare un grafico dell'eurodollaro sembrerebbe proprio che un qualcosa di importante sia successo. Questo non ha pero' a vedere con un taglio di tassi, che probabilmente avrebbe spinto le quotazioni ancora piu' giu', ma alla potenziale modifica delle aspettative da parte di molti investitori che, avendo ascoltato Draghi parlare del tasso di cambio, sono andati ad aggiustare parte dei portafogli prendendo profitto dopo le salite che hanno interessato l'euro e che l'avevano mantenuto saldamente sopra il livello di 1.3500 (si era tentata una rottura ribassista, probabilmente lo ricorderete, senza che si verificasse definitivamente). I prezzi ora ci restituiscono un livello che gravita intorno a 1.3400, quasi due figure piu' in basso, per la gioia di Hollande, il presidente francese, che si era espresso un paio di giorni fa proprio sulla forza della moneta unica, che potrebbe mettere a repentaglio ulteriormente la ripresa. Inutile spiegare gli effetti a catena che potrebbero derivare da un tasso di cambio piu' favorevole alle esportazioni dell'area euro, ma siamo ancora di fronte ad un potenziale giro di aspettative in grado di far intraprendere un trend ribassista strutturale, che non si e' pero' ancora verificato. Draghi e' stato chiaro: la forza della moneta unica europea e' un segnale di ripresa di fiducia sull'andamento dell'eurozona e la BCE, la cui indipendenza non deve essere messa in discussione, monitorera' attentamente il livello dell'exchange rate per evitare che si possano verificare problemi a causa della forza della valuta, valuta che pero', rimane nei dintorni della sua media storica e che dunque, al momento, non rappresenta un problema (quest'ultimo pezzettino lo aggiungiamo noi). Perche' dovrebbero girarsi le aspettative degli investitori? Per il fatto che Draghi si sia espresso in questo modo? No, crediamo di no in quanto gli effetti di una dichiarazione di questo rango si vanno a manifestare nel breve periodo (questo il motivo per cui non siamo ancora pronti a valutare un trend ascendente del dollaro nei confronti dell'euro) in quanto sappiamo che una banca centrale, anche quando dovesse decidere di agire in maniera coordinata con qualche altro istituto a sostegno di una valuta - nel bene e nel male - non avrebbe potenza di fuoco sufficiente per spostare gli equilibri di medio-lungo periodo. Il fatto che pero' l'inflazione, grande spauracchio per i tedeschi e per Francoforte, sia prevista in rallentamento, rappresenta un fattore strutturale che potrebbe portare a decidere di procedere con eventuali tagli di tassi nel momento in cui la valuta dovesse apprezzarsi troppo e mettere in pericolo la tanto agognata crescita che, con le misure di austerity messe in atto al momento, risulta essere ancora molto molto debole. Immaginate per un attimo di essere un grosso fondo con posizioni lunghe strutturali di euro. Non pensereste, anche solo per un istante, che se l'euro, dopo gli aggiustamenti di breve visti ieri (prese di profitto parziali o su posizioni di breve periodo), dovesse salire molto (magari con l'aiuto di ulteriori acquisti da parte dei fondi che vanno a riaprire le posizioni chiuse), ci sarebbero buone possibilita' per chiudere in bellezza un bel trend crescente per pensare, di fronte ad aspettative consolidate di interventismo da parte della BCE secondo i ragionamenti filati fino a qui, di girare eventualmente le posizioni? Ma passiamo a vedere i livelli tecnici piu' importanti per chiudere questa settimana. EurUsd. La moneta unica europea, dopo la discesa di ieri si e' stabilizzata intorno al livello, come visto, di 1.3400 ed ora sta consolidando all'interno di un rettangolo passante tra 1.3425 e 1.3375. 50 punti di congestione che potrebbero portare ad aumenti di volatilita' una volta rotto uno di questi due livelli. Attenzione al fatto che guardando al lato rialzista troviamo il passaggio della media mobile a 21 periodi oraria, che come sappiamo, dopo forti aumenti di volatilita' spesso funziona da livello di resistenza dinamica, per cui pronti a posizionarsi in assetto difensivo una volta che dovesse partire un tentativo di rottura rialzista. Se superata la media, potenziali estensioni fino a 65. In caso di rottura ribassista andremmo ad avvicinarci a 1.3350, che se superato potrebbe portare a test dell'area bassa di 1.3300. UsdJpy. Buona la tenuta dell'area di supporto indicata ieri tra 93.00 e 93.20. Inserisco un copia e incolla dell'analisi di ieri mattina in quanto, ad eccezione del livello intermedio passante a 93.55 (che potrebbe essere sfruttato come il 93.20 di ieri per il raggiungimento di 93 figura, pero' all'insu', verso 93.75), risulta fornire ancora gli stessi livelli. (Da ieri: ''Usdjpy ha tenuto i livelli di supporto passanti per 93.20, fornendo una buona area di supporto tra 93.00 e 93.20 (punti precedenti e media a 100 oraria). La rottura dei primi supporti potrebbe portare a figura, mentre tentativi di superamento di 93.75 potrebbero riproporre nuovi massimi''.). EurJpy. Buona discesa dell'euroyen, dopo la rottura rialzista di 127.00 vista ieri mattina, che pero' non ha portato agli aumenti di volatilita' attesi, essendo intervenute le resistenze statiche date da punti precedenti individuabili su un grafico orario. Dopo la discesa pero', il superamento di 125.90 ha dato il la a forti approfondimenti in grado di far recuperare eventuali stop loss (anche se la salita avrebbe potuto permettere il posizionamento di stop in pari, per chi fa l'intraday). Il livello raggiunto e' stato di 124.50, ed ora ci troviamo sotto le due medie (a 21 e 100), che su un grafico orario hanno incrociato a ribasso. Possibile sfruttare l'area di congestione della notte per prendere rotture rialziste o ribassiste, tenendo conto che come sull'euro, oltre la parte alta del range individuato passano delle buone resistenze (date dalle medie e dai minimi dell'altro ieri a 126.00), che soltanto se superate di una ventina di punti potrebbero portare a movimenti di ripresa definitivi. Una rottura dei minimi potrebbe portare verso 123.85. GbpUsd. Buona rottura rialzista del cable ieri mattina, che e' andato a percorrere la strada pari all'altezza della congestione individuata, prima di effettuare un nuovo strappo rialzista che ha portato a consolidare sopra 1.5700. Difficile interpretare il quadro tecnico stamattina, buone soltanto delle vendite da poter valutare per un risk reward buono, tenendo conto che un ritorno sopra 1.5745, potrebbe portare a salite verso 1.5785, mentre una tenuta delle resistenze potrebbe riproporre i minimi di 1.5675, che se dovessero saltare potrebbero portare a 1.5640. AudUsd. Buona figura di congestione sotto l'area di resistenza passante tra 1.0350 e 1.0375, che ha formato un mix tra un rettangolo ed una bandiera ribassista che, una volta rotta a ribasso, ha portato ad estensioni fino a quasi 1.0250. Ci troviamo ora in corrispondenza della media a 21 periodi oraria, dove passano le resistenza statiche date dai minimi di ieri , che potrebbero fornire buone possibilita' di acquisti di dollaro americano (per rivedere i massimi sull'australiano), tenendo conto che un ritorno sopra 1.0320 potrebbe girare lo scenario di breve fino a livelli di 1.0340/50. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari