domenica 19 febbraio | 12:50
pubblicato il 19/nov/2013 17:48

Cambi: dollaro Usa in fase di accumulazione/distribuzione (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 19 nov - Giornata controversa quella dei mercati finanziari a fronte di scarse pubblicazioni macroeconomiche comunque non in grado di creare forte volatilita' sui prezzi. Il mercato valutario non ha indicato direzioni precise, come puo' perfettamente indicare il becnhmark FXCM Dow Hones Dollar Index il quale, pur in fase ribassista, si e' mosso all'interno di pochi punti non dando altro che conferme del ristretto range tra 10.540 e 10.565 punti. Cio' implica un dollaro americano non sensibilmente interessato da flussi in acquisto o vendita, ma in fase di accumulazione/distribuzione contro euro, sterlina, yen, e dollaro australiano, per citare le maggiori divise. Degno di nota il cross euroyen che ha messo a segno nuovi massimi da quasi 4 anni ma che non sembra poter avviare un up movement importante al rialzo e che verosimilmente rientrera' sotto 135,40 per la ripresa dei supporti in area 135.

Essenzialmente piatto invece l'azionario, ad eccezione del FTSE MIB che ha stornato significativamente dopo le stime Ocse sull'Europa, verso l'importante supporto a 18.760 che sara' un punto di grande attenzione da valutare in apertura delle contrattazioni domani.

red/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: sistema sostenibile, altri vorrebbero copiarlo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia