martedì 06 dicembre | 17:05
pubblicato il 10/apr/2014 09:03

Cambi: dollaro in calo (analisi Fxcm)

(ASCA) - Roma, 10 apr 2014 - Dollaro che cala, borse che salgono, oro che sale, euro, sterlina, dollaro australiano e yen che salgono. Tutto a causa di qualcosa che gia' si sapeva, tutto per un qualcosa che quando confermato ha dato il la a movimenti che ci si poteva attendere e che stiamo cercando di declinare da qualche giorno a questa parte.

FOMC: unanimita' sul cambio di forward guidance.

Ieri sera sono stati rilasciati i verbali dell'ultimo meeting del FOMC e all'unanimita' si e' deciso di togliere la soglia del 6.5% da raggiungere sul fronte disoccupazione prima di poter procedere con rialzi di tassi, tassi che verranno mantenuti sui livelli attuali anche una volta che dovesse essere finito il QE (crediamo, dopo la comunicazione impropria della Yellen, di almeno sei mesi se non piu').

Nulla di nuovo rispetto a quanto comunicatoci durante la conferenza stampa che ha seguito le decisione presa a meta' marzo, ma sufficiente a far partire movimenti di indebolimento del dollaro americano, sia sul fronte valutario che sul fronte dell'oro, e di ripresa dei corsi azionari, con lo S&P500 che ha superato quota 1,860.00 portandosi oltre 1,870.00 e dimostrando dunque come il mercato non sia, per il momento, ancora pronto a scendere in maniera strutturale.

BoE e sterlina.

Oggi sara' il turno della Bank of England, che dovra' andare a decidere sui tassi di interesse e sul QE. I primi, lo sappiamo, si trovano allo 0.50% da 4 anni a questa parte, mentre gli acquisti di asset sono pari a 375 miliardi di pound. Non verranno rilasciate le minute, che come sempre ci verranno consegnate tra due settimane ma, come nel caso americano (dove tutti ci aspettavamo quello che ci sarebbe stato comunicato), il mercato potrebbe ''prendere la scusa'' di attendere la decisione di non modificare nulla a livello di politica monetaria per andare ad acquistare ulteriormente il pound che, tra la debolezza del dollaro e la forza intrinseca di sterlina (durante i giorni scorsi e le scorse settimane su dati buoni la sterlina ha reagito come sappiamo, andando a compiere nuovi massimi relativi).

Stasera: BoJ e Cina.

Un'ultima nota di warning per chi detiene posizioni sullo yen giapponese in quanto verranno rilasciate le minute della BoJ che non dovrebbero portare ad aumenti di volatilita' ma che e' sempre bene tenere d'occhio, ma soprattutto per chi ha posizioni sul dollaro australiano a causa della pubblicazione del CPI cinese, che potrebbe impattare su movimenti che fino ad ora sono stati dettati, come nel caso della sterlina, dalla combinazione di forza dell'australiano (prima correlato con la ripartenza del dollaro neozelandese dopo le prese di profitto avvenute post rialzo dei tassi e stanotte in rialzo dopo buoni dati sulla disoccupazione - a 5.8% vs 6.1%) e di debolezza di dollaro americano. QUADRO TECNICO.

EurUsd: molto buona l'idea di acquistare la moneta unica europea sui supporti a 1.3785 ieri mattina, con il mercato che ha titubato fino a meta' pomeriggio ma che poi e' partito bene a rialzo, andando a culminare la salita sulla pubblicazione commentata brevemente poc'anzi. Dopo aver sfiorato l'area di 1.38 3/4 sono partite delle lievi correzioni, con i prezzi che si stanno mantenendo sopra la media mobile a 21 periodi oraria che insieme all'area statica che passa tra 1.3810 e 1.3825 potrebbe rappresentare una zona di supporto sulla quale valutare eventuali ripartenze dell'euro, con potenziali target passanti sui massimi precedenti con l'idea che ritorni sotto i livelli visti potrebbero lasciare spazio ad approfondimenti verso 1.3780 , livello che potrebbe essere inizialmente raggiunto sulla formazione di una divergenza ribassista a 4 ore, potenzialmente in formazione (qui passano anche le medie a 4 ore) e che se superato potrebbe lasciare spazio verso 1.3750.

UsdJpy: buona la tenuta delle resistenze viste ieri con il raggiungimento dei minimi precedenti che, non essendo stati superati, non hanno lasciato spazio ad eventuali discese verso 101 1/4. Siamo ora in una situazione ibrida, di congestione tra 101.50 e 102.15 ed e' possibile curare eventuali raggiungimenti di questi livelli per pensare a rotture a rialzo o a ribasso pari all'altezza della congestione, non disdegnando l'ipotesi di curare eventualmente delle vendite sulle resistenze (stessi livelli di ieri) da proteggere con stop e reverse sopra di esse.

EurJpy: 141.50 e' intervenuto come scudo sulla risalita di EurJpy ed ora ci troviamo di fronte ad un mercato poco chiaro tecnicamente. L'idea e' quella di lasciar preparare dei setup secondo il nostro metodo prima di impostare qualsiasi operativita', curando l'area di 140.60 che se rotta potrebbe lasciare spazio ad approfondimenti verso 140.25 (da considerare sempre su setup) e 141.00 per 141.40.

GbpUsd: ottimi gli acquisti sopra i supporti visti ieri con target su 1.6785. Siamo ora in correzione dopo il tentativo di superamento di 1.6800, contenuto da 1.6820 (livello di doppio massimo), che ci suggerisce come possa essere il caso di fissare questo livello come primo target in caso di ripartenza sopra i supporti passanti tra 1.6730 e 50 e di attendere un suo superamento di almeno una quindicina di punti prima di pensare ad estensioni rialziste verso i massimi precedenti. Sotto i supporti si apre la strada verso 1.6680.

AudUsd: raggiunti sia 0.410 sia 0.9440 dopo la tenuta dei supporti di ieri. L'area che pasa sopra 0.93 3/4 potrebbe fungere nuovamente da supporto ed estensioni oltre 0.9465 potrebbero lasciare spazio verso 0.9530. 0.9350 potrebbe essere uno scudo di supporto in caso di superamenti ribassisti dei supporti e una volta che dovesse essere superato potrebbe lasciare spazio verso 0.9315.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni