sabato 03 dicembre | 01:22
pubblicato il 04/set/2014 09:53

Cambi: da Bce attese decisioni non convenzionali (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 4 set 2014 - La giornata delle banche centrali dell'Unione Europea finalmente e' arrivata ed i consolidamenti cui abbiamo assistito ieri sul fronte euro e sterlina sono testimoni di come qualche attesa, soprattutto riguardante eventuali decisioni non convenzionali da parte della BCE, si sia formata. La BoE non dovrebbe modificare la propria politica monetaria e tutto stara' alle minute relative alla decisione odierna che verranno rilasciate tra due settimane.

Divergenza di politiche monetarie.

Le economie che non si trovano in difficolta' come la nostra e che non hanno avuto necessita' di implementare misure straordinarie di politica monetaria si stanno limitando a mantenere delle politiche accomodanti (pensiamo al Canada e all'Australia) al fine di sostenere una ripresa che deve fare i conti, soprattutto nel secondo caso, con una valuta domestica forte nei confronti del biglietto verde. La Nuova Zelanda ha addirittura cominciato un ciclo di rialzi (ora in pausa) per contenere pressioni derivanti dal mercato immobiliare. Se ci riferiamo ad economie che invece hanno incontrato delle difficolta' enormi (Usa, UK, Giappone, Europa e Svizzera) ci troviamo di fronte ad un quadro d'insieme che mostra chiaramente come l'istituto centrale di Francoforte si sia mosso in netto ritardo rispetto alle colleghe e sia ancora in ritardo rispetto a quello che si dovrebbe e si potrebbe fare per rimettere in circolo il sistema. Gli Usa infatti, dopo aver tagliato i tassi fino ad un corridoio che si muove tra lo 0% e lo 0.25% hanno implementato tre diverse fasi di alleggerimento quantitativo, dalle quali ora stiamo uscendo (il cosi' conosciuto ''tapering'' significa ridurre gradualmente gli importi iniettati nel sistema su base mensile, attualmente siamo a 25 miliardi contro gli 85 di partenza). La BoE ha seguito l'esempio della Fed (con un importo pari a 375 miliardi di sterline pur di fronte ad un'inflazione molto alta, con il rischio di assistere ad un'esplosione di essa ma con la convinzione che la congiuntura avrebbe portato ad una riduzione fisiologica delle pressioni inflazionistiche, e cosi' e' stato) ed ora i membri votanti del board che decide in materia di politica monetaria hanno cominciato a votare per un mantenimento del QE ma per un rialzo dei tassi, dall'attuale 0.50% a 0.75%. Anche il Giappone, in deflazione da un ventennio, ha compreso come lo stampare moneta potesse aiutare a raggiungere un'attivita' economica in movimento ed un ritorno di inflazione, ed ora ci troviamo lontani da eventuali dismissioni dei programmi di iniezione di liquidita', programmi che pero' sono in atto da aprile 2013 e che stanno portando a risultati molto interessanti, con un'inflazione tornata a salire. Noi invece, oltre ad aver rialzato i tassi con Trichet all'inizio della crisi (quando noi poveri analisti, in diretta negli studi di Class e sulle diverse testate che ci interpellano per chiederci dei pareri economici su cio' che sta accadendo criticavamo aspramente i rialzi e caldeggiavamo, al contrario, dei tagli veloci ed importanti), ci siamo ritrovati ad abbassare i tassi a quello che potrebbe essere il livello minimo storico (anche se qualche attesa per ulteriori tagli esiste, non da parte nostra pero') e stiamo ancora domandandoci se sia il caso o meno di implementare misure straordinarie di sostegno all'economia (che anche in caso di implementazione dovrebbero passare per quel grosso cancro rappresentato dal sistema bancario). Nettamente in ritardo, i fatti lo dimostrano.

Gli scenari possibili.

Se Draghi dovesse decidere di lasciare tutto com'e', andando a reiterare la possibilita' che la BCE agisca con misure straordinarie nel caso in cui si dovesse presentare la necessita' di farlo, l'euro potrebbe tentare dei recuperi sulle discese che hanno caratterizzato il mese di agosto. In caso contrario, la moneta unica europea potrebbe tentare degli approfondimenti ribassisti. Queste le idee principali relative ad eventuali scenari possibili nel pomeriggio (ricordiamo a tutti che seguiremo in diretta la conferenza stampa della BCE che potete seguire con noi collegandovi alla Live Trading Room) ma dal punto di vista dell'operativita' seguiremo con attenzione eventuali tentativi di rotture ribassiste che valuteremo attentamente e che analizzeremo da un punto di vista squisitamente tecnico, tenendo conto che il mercato retail si sta mostrando per la maggior parte lungo di euro e questo potrebbe, in caso di presa di stop, portare a tentativi di estensioni ribassiste che, se dovessero essere negate, potrebbero portarci a decidere di lavorare in acquisto di moneta unica europea sopra determinati livelli (che ora vedremo e che aggiusteremo prima della conferenza stampa, importante dunque collegarsi prima delle ore 14.30 per settare i livelli).

QUADRO TECNICO. EurUsd: buona tenuta delle aree di resistenza studiate ieri ma pacata reazione a ribasso dei prezzi, che hanno pero' raggiunto i primi livelli statici precedenti, fornendo buone possibilita' di uscita da eventuali posizionamenti short che sono rimasti tali in quanto il mercato non ha mai superato le aree di reverse ragionate ieri. Ci troviamo ora con la parte bassa delle quotazioni che continua a restituire eventuali livelli su cui ragionare e che vedono in 1.3060 il livello da superare prima di pensare ad estensioni importanti. Su un 4 ore le quotazioni si trovano ancora in area di resistenza, con l'area che si estende fino a 1.3185 che potrebbe farci pensare ad acquisti di dollaro, per ritorni verso 1.3150/30 e figura (in caso di raggiungimento di essa attenzione a tentativi di sforamento verso 1.3175 che non porterebbero a rotture definitive a nostro parere). Un orario mostra infatti la perdita di momentum ribassista dovuta alla formazione di minimi crescenti e di massimi che potrebbero rivelarsi crescenti e se questo dovesse confermarsi con la formazione di massimi superiori all'area di resistenza ultima vista, potremmo ragionare su ripartenze verso 1.3220/40 e sopra 65 verso la figura.

UsdJpy: prezzi che non hanno raggiunto le aree di supporto studiate e che su un 4 ore si stanno mantenendo sopra la media a 21 periodi che sta funzionando bene come area di supporto dinamico. Fino a quando i prezzi si manterranno sopra 104.40 l'idea e' di assistere ad eventuali storni verso i supporti statici (estendibili anche oggi fino a 104.25) per ritorni verso 105.00 (e' possibile valutare eventuali acquisti di dollaro in caso di scaricamento dello stocastico in ipervenduto). In caso di superamento ribassista di area 104.15 (con stocastico lontano da ipervenduto) e' possibile assistere a tentativi di accelerazioni non stimabili per il momento oltre area 103.75.

EurJpy: situazione simile a quella del UsdJpy, con stessa situazione vista su EurJpy, con i supporti rappresentati da 137.25/40 e le aree di potenziale reverse sotto 137.05, che se superato potrebbe dare il la a tentativi di accelerazione verso il piu' importante 136.90 che se raggiunto con lo stocastico ben impostato a ribasso (a 4 ore) potrebbe essere propedeutico a rotture da valutare sotto 106.75.

GbpUsd: l'area di resistenza all'internod ella quale valutare posizionamenti corti di cable, stimata ieri tra 1.6485 e 1.6500 ha tenuto egregiamente e ha portato a storni sui minimi, raggiungendo i target ipotizzati. Ci troviamo ora di fronte ad un 4 ore in grado di farci presagire delle possibili divergenze rialziste in formazione, che potrebbero divenire effettivamente tali in caso di ripartenze dei prezzi a rialzo per poi formare nuovi minimi. Curiamo dunque eventuali storni verso 1.6475 che, insieme a 1.6515 potrebbe identificare una buona area di resistenza sulla quale pensare ad acquisti di dollaro, con l'idea che ritorni sopra area 1.6535 (operativamente una decina di punti di tolleranza sono richiesti, a nostro parere) potrebbero essere propedeutici ad accelerazioni verso 1.65 3/4 ed in estensione figura.

AudUsd: la differente valutazione del posizionamento che avrebbe dovuto mantenere lo stocastico per fornire indicazioni short sul cambio ci ha evitato degli ingressi errati (che sarebbero comunque stati stoppati, in caso di ingresso comunque a mercato, con un rischio contenuto, calcolato e limitato). Lo aspettavamo (quello orario) infatti non vicino alla zona di ipercomprato, ma gia' ben al suo interno quando i prezzi si fossero trovati sulle resistenze, cosa non accaduta. Siamo ora di fronte a quotazioni vicine alla parte alta della congestione laterale in atto da fine luglio con uno stocastico a 4 ore che potrebbe girare a ribasso, con un tf daily che mostra l'avvicinamento dei prezzi alla parte alta di un potenziale canale ribassista. E' possibile dunque valutare possibili vendite nel momento in cui le quotazioni dovessero raggiungere l'area di 0.93 3/4, con stop sopra i massimi ed eventuali reverse oltre area 0.9390 (con 0.9420 come prima interferenza). In caso di approfondimento diretto a ribasso, l'idea e' quella di valutare eventuali accelerazioni nel caso in cui l'area passante per 0.9315 dovesse essere raggiunta con uno stocastico a 4 ore lontano dall'ipervenduto, per estensioni verso 0.9285 e 0.9260.

Ger30 (Dax): resistenze superata ed estensioni oltre i massimi che hanno raggiunto i livelli di target difensivi, seppur le resistenze siano state raggiunte con uno stocastico orario lontano dallipervenduto (come visto in diretta durante il webinar del mattino, cosa che ci ha permesso di evitare degli ingressi short). Siamo ora in una situazione di attesa, con le quotazioni sopra i massimi precedenti e sopra le media, con l'area di 9,580/9,600 che potrebbe rappresentare un supporto sul quale pensare ad acquisti dell'indice per ritorni sui massimi, con l'idea che accelerazioni oltre 9,565 potrebbero rivelarsi propedeutiche per il raggiungimento di area 9,515. R/R non ottimi per questa operativita'.

XauUsd (Oro): operativita' esaurita nel corso delle prime ore del mattino, con il raggiungimento dei primi targt indicati. Siamo ora in attesa di eventuali frenate delle correzioni in area 1,273.50 (estendibile fino a 1,274.50, punti precedenti) dove potrebbe essere possibile valutare eventuali vendite per ritorni sui minimi di ieri ed eventuali estensioni verso 1,258.50, con l'idea che ritorni oltre 1,276.90 potrebbero portare a tentativi di recupero verso 1,282.50.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione).www.fxcm.it.

red/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari