domenica 04 dicembre | 10:04
pubblicato il 27/feb/2013 09:00

Cambi: congestioni post elezioni (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 27 feb - L'attesa dell'apertura del Footsie Mib di ieri non ha certo deluso le aspettative, ci sentiremmo di aggiungere purtroppo. Ci attendevamo dei prezzi sotto il livello di 16.000, ma non eravamo pronti a considerare circa 800 punti di apertura negativa, il che ci testimonia come i mercati siano stati destabilizzati dai risultati dell'anello debole europeo, l'Italia. Cominciano ora a rincorrersi le voci di nuove alleanze, la piu' chiacchierata quella tra Grillo e Bersani, che fino a quando non si dovessero concretizzare potrebbero lasciare spazio a nuovi venti di incertezza. A mettere un punto a questa situazione ci ha pensato Standard & Poor's dichiarando che il rating assegnato all'Italia (BBB+) non e' a rischio, cercando di trasmettere un messaggio di tranquillita' ai mercati che molto probabilmente otterra' l'effetto opposto rispetto a quello desiderato, lo sappiamo, a volte i mercati non aspettano che l'invito per mettere in moto i flussi pesanti di capitali. Le borse hanno sofferto a livello generale, con il Nikkei che questa notte e' tornato a scendere e con le americane che hanno consolidato sui nuovi livelli raggiunti un giorno fa, come del resto e' accaduto sul fronte valutario con euro, sterlina e dollaro australiano che si stanno muovendo intorno ai livelli di minimi relativi raggiunti, in attesa di vedere nuovi aumenti di volatilita'. I percentili di volatilita', a proposito, stanno tutti mostrando un valore pari al 100% (le uniche eccezioni, termine corretto da utilizzare a livello puntuale in quanto dal punto di vista degli effetti sui prezzi e' la stessa cosa, si trovano sullo yen, con GbpJpy a 93% ed il UsdJpy a 98%) e questo fa si' che possano crearsi movimenti che potrebbero prendere corpo alla rottura dei livelli principali, che tra poco vedremo. Attenzione all'asta dei BTP a 5 e 10 anni per 6.5 miliardi di euro, potrebbe essere un market mover in quanto i rendimenti attesi di collocamento risultano essere sensibilmente piu' alti rispetto all'ultima emissione (ieri i bot a 6 mesi sono stati venduti a 1.23% vs il precedente 0.73%, bid to cover in decrescita a 1.44 vs 1.65 precedente) e al livello di 15,500 sull'indice, il cui superamento potrebbe portare ad approfondimenti ribassisti verso i minimi su cui ci si e' mossi ieri e 15,100 in estensione. Nulla vieta di valutare tentativi di ripresa dei prezzi, non prima di un eventuale superamento di 15,825, con l'area intorno a 16,000 che farebbe da forte resistenza comunque. Ultima nota, prima dei livelli, spread risalito a 334 punti. EurUsd. La moneta unica europea si e' mossa all'interno dei livelli indicati ieri in mattinata, senza superare quelli che a nostro parere continuano a risultare i punti piu' importanti, in grado di far concretizzare rotture definitive. Ci riferiamo a 1.3125 e 1.2975, con livelli intermedi in grado di far partire accelerazioni di volatilita' di breve periodo passanti a 1.3040 e 1.3090. Ribadiamo l'importanza dell'area tra 1.3000 e 1.3040, se dovessimo vedere movimenti all'interno di questi punti pronti a spostare eventuali stop in pari (la price action di ieri sulla rottura ribassista del mattino e' esplicativa). UsdJpy. Buone le aree di resistenza individuate ieri, meno buoni i livelli che avrebbero potuto portare a spunti ribassisti verso nuovi minimi. 92.50 ha tenuto molto bene, evitando di andare a toccare quel 92 3/4 che avrebbe potuto innescare salite verso 93.30, mentre il superamento di 91.50 a ribasso, non e' stato sufficiente a rivedere i minimi, testimoniando che la maggior parte degli ordini si trovano sotto 91.00. Operativamente si potrebbero tentare ancora degli ingressi sotto 91.50, tenendo conto della debolezza del livello, sarebbe piu' intelligente a nostro parere valutare il triangolo orario in formazione. EurJpy. Triangolo anche sull'EurJpy, che si sta mantenendo sotto la media mobile a 21 periodi, con i due livelli statici di 119.45 e 120.55 che potrebbero innescare tentativi di raggiungimento di, rispettivamente, 118.75 e 121.25. In caso di rottura rialzista anche dell'ultimo livello, a tutta l'area passante tra 122.00 e 122.30, area di resistenza molto forte. In caso di superamento ribassista dei supporti (da valutare sotto 118.50), la strada si apre verso 117.60. GbpUsd. Cable ancora sui minimi, con la media a 100 che ha tenuto molto bene a livello orario , senza tuttavia essere propedeutica al compimento di nuovi minimi. I punti da seguire risultano essere 1.5070, che se superato potrebbe mettere in perioclo la sterlina, verso quell'importante soglia psicologica di 1.5000 e 1.5140, che potrebbe innescare dei movimenti rialzisti che non ci aspettiamo oltre 1.5185. AudUsd. Bella situazione tecnica sull'australiano, che dopo aver mostrato una price action a massimi decrescenti e minimi decrescenti, oltre che essere rimasto sotto il fascio di medie orarie passante per 1.0300. Raggiunto e superato 1.0225, ora 1.0200 rappresenta il livello di supporto principale, con potenziali target in area 1.0150 in caso di superamento a ribasso di 1.0175, mentre le resistenze statiche e dinamiche passano intorno a 1.0240, con l'area tra 1.0250 e 1.0270 potenziale attrazione per le quotazioni (discorso simile ad eurodollaro sulla gestione di eventuali stop). (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari