martedì 06 dicembre | 21:23
pubblicato il 21/feb/2014 09:06

Cambi: bye bye correlazioni (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 21 feb 2014 - Definire il mercato caotico e' da un punto di vista teorico piuttosto scontato, in quanto e' cosi' descrivibile per definizione. Quando invece, come oggi, lo caratterizziamo attraverso il concetto di caos, ci riferiamo all'assenza di una logica nel movimento dei prezzi delle diversi classi di asset e per logica intendiamo quanto meno una parvenza di meccanismi correlativi che abbiano ''senso'' nell'ottica di cercare spunti di interpretazione e percio' stima di scenari possibili. Assenza totale di correlazioni. Ebbene, osservando ed analizzando i grafici per gran parte della giornata di ieri, e ad intervalli regolari in diversi momenti della giornata, la visione tout court del mercato non presentava nessun filo conduttore. Il valutario non era dominato da una logica dollaro-centrica, ne' da particolari dinamiche risk-on e risk/off: l'australiano era sceso nella notte in conseguenza del dato negativo (relativamente alle attese) del PMI Manifatturiero Cinese, ma cosi' non aveva fatto il neozelandese ne' il canadese deprezzatosi in maniera sostanziale ben prima; l'euro era stato in congestione, per poi scendere prepotentemente al mattino ma fermare presto la sua corsa al ribasso, mentre i tentativi di discesa del cable erano stati perlopiu' timidi. Il Bund, benchmark obbligazionario, saliva invece nelle primissime ore di contrattazione per poi crollare copiosamente, ed in completo disallineamento con l'azionario e il suo controaltare per eccellenza Dax, ampiamente sceso mercoledi' sera e nelle prime ore di ieri mattina per poi recuperare oltre la meta' del movimento messo a segno all'ingiu'. Ed in tutto questo l'oro, altra asset class di riferimento, confermava la tenuta dei supporti per poi decidersi solo in tardo pomeriggio di salire verso le prime e significative resistenze. Dunque l'effetto della Federal Reserve, successivo alle Minute dell'ultimo meeting del FOMC tenutosi il 28 e il 29 gennaio, nel quale alcuni membri si sono espressi circa la possibilita' di un rialzo dei tassi relativamente presto - facendo intendere che potrebbero avvenire gia' prima del 2015, anno nel quale e' stata finora paventata la prospettiva di ritoccare la grande leva dei tassi di interesse - e' immediatamente svanito all'interno di un mercato nel suo complesso che sembra presto dimenticare i temi ricorrenti (mantenendo logiche di fondo sensate, vedi Borse alle stelle comunque), e non mostra segni di unione o comunque un filo conduttore che leghi la formazione dei prezzi sulle varie asset class. In altre parole, correlazioni. La memoria di breve del mercato si e' palesata, ancora una volta, con lo yen ad esempio, che come ricorderete, era andato a deprezzarsi in maniera importante durante la giornata di martedi' nella quale erano state comunicate le misure di ulteriore stimolo, questa volta verso il sistema bancario, da parte della Bank of Japan sui binari dell'estensione del tempo e dell'ammontare delle operazioni precedentemente messe in piedi. L' UsdYen, tanto per riferirci al cambio originale, e' dunque tornato molto vicino alle aree di minimo, prima di risalire di nuovo ai livelli di martedi', sospinto anche dalle Minute pubblicate nella notte, le quali, di rilevante, hanno ribadito che il Quantitative Easing non e' limitato all'orizzonte temporale dei due anni e che i recenti dati tiepidi in materia di consumi sono legati evidentemente al rialzo dell'IVA nell'ambito pero' di uno scenario ampiamente previsto da parte dell'istituto centrale. I suggerimenti operativi per oggi. Partiamo brevemente dal calendario macroeconomico: torna sugli scudi la sterlina (e la price action del cable non aspetta altro) che sara' interessata dai dati sulle Vendite al Dettaglio del Regno Unito, release successiva a quella del mese scorso relativa a Dicembre 2013 e che aveva fatto registrare un exploit clamoroso con dati su base mensile oltre 5 volte superiori alle attese. Abbiamo ragionevole motivo di credere che un buon dato potrebbe favorire nuovi ampi acquisti di sterlina, la quale ha gia' ampiamente ritracciato dai punti di massimo contro il dollaro americano e che tecnicamente si trova su delle buone aree di rimbalzo. Un dato in linea o inferiore alle aspettative potrebbe invece acuire uno scenario discesista che su larghi time frame pure si paventa. Di grande rilievo saranno anche le release su Inflazione e Vendite al Dettaglio del Canada, visto il grande indebolimento del loonie che ieri e' proseguito tecnicamente molto bene e anche da questo punto di vista e' sensato ritenere che potranno essere raggiunte le aree di massimo sul cambio UsdCad laddove le pubblicazioni dovessero proseguire nel recente cammino penalizzante per il paese d'oltreoceano. Vale pero' la pena, e questo lo forniamo come suggerimento generale, di focalizzarsi singolarmente su ciascuno strumento ed analizzarne esclusivamente il quadro tecnico prima di intraprendere operazioni di trading; come detto in apertura, la ricerca di meccanismi correlativi e/o anticipativi di uno strumento sull'altro, potrebbe rivelarsi sterile se non controproducente anche laddove le logiche possono apparire palesi. QUADRO TECNICO. EurUsd: il pur significativo movimento al ribasso visto ieri mattina non ha inficiato il quadro tecnico rialzista, evidenziato dalla figura di riferimento individuabile nel canale rialzista tracciato a partire dai minimi di inizio mese. 1,3685 si e' confermato un forte supporto sul quale si e' svilita la pur buona divergenza regolare ribassista tra prezzo ed oscillatore stocastico individuabile tra ieri e l'altro ieri. Resta attuale l'area di resistenza a 1,3720, corrispondente peraltro con il pivot daily, e che potrebbe essere violata al rialzo laddove la congestione notturna dovesse essere bruscamente interrotta dall'arrivo della liquidita' europea. A quel punto riguarderemmo ad area 1,3750, prima dei massimi relativi a 1,3770. Congestione violabile naturalmente anche al ribasso sotto 1,3710, con un rapporto rischio /rendimento pero' penalizzante nel momento in cui a distanza di 20 pips si trova gia' il forte supporto. Short piu' rilevanti sono percio' da intendere sotto 1,3690 verso 1,3650. UsdJpy: indeciso, definiamolo cosi', ma comunque tecnico il cambio, che ora sembra poter ben superare l'area della media mobile a 21 periodi del grafico giornaliero finora ottimo freno al prezzo. La figura di riferimento resta il canale rialzista, molto preciso nel momento in cui il prezzo e' andato proprio a ricaricarsi sulla confluenza livello dinamico/supporto statico a 101,70, per poi ripartire verso la plausibile area di 102,75 prima di eventuali ritracciamenti di breve. In questa accezione potrebbe tornare di grande utilita' la media mobile esponenziale a 21 periodi sul grafico orario che, dopo la congestione e quindi l'effettiva inutilita', puo' ora accompagnare la direzionalita' ed essere utile nei test e nelle ripartenze al rialzo che vedono come obiettivi 102,90 e 103,45. Short nuovamente sotto 102,30 verso 101,70. EurJpy: molto tecnico anche il cross anch'esso ben contenuto nel canale rialzista, utilissimo per leggere il rimbalzo sul supporto dinamico e sull'area statica di 139,45 accompagnato dalla divergenza regolare rialzista sul grafico orario; cio' ha permesso in pratica di comprare ieri sulle aree di minimo in direzione dei massimi a 141. Questo il target nel breve, sul quale potrebbero esserci ritracciamenti vista la potenziale divergenza regolare ribassista prezzo-stocastico, che se negati, invece porterebbero portare a rotture verso 141,90. 140,40 e 140 le due aree di supporto di riferimento. GbpUsd: tecnico anche il cable, ancora contenuta nell'ampia correzione (canale discesista) dai punti di massimo. L'area di supporto di riferimento resta quella compresa tra 1,66 e 1,6620, livello anche del ritracciamento di Fibonacci al 38,2% tracciato dai minimi di inizio mese ai massimi a 1,6835 appunto. L'operativita' in rottura della figura puo' apparire sensato gia' al superamento di 1,6660 ma e' piu' prudente sopra 1,6690 verso 1,6740 in primo luogo. 1,6660 offre comunque un buon RR in vendita verso la prima area di supporto, oltrepassata la quale si aprirebbe una potenziale pista libera fino a 1,6550. AudUsd: buono il test di ieri della media mobile esponenziale a 21 periodi sul grafico giornaliero che ha cominciato a direzionarsi al rialzo. Tecnico pure il rimbalzo a 0,8950 e la prima tenuta sul pullback di area 0,90, salvo poi essere nuovamente violata al rialzo. Quadro grafico che dunque si e' ora confuso e che suggerisce un ridotto canale rialzista dai minimi di ieri notte che suggerirebbe acquisti in area pivot daily a 0,8990 verso 0,9020 in primo luogo e 0,9045 in estensione. Stop&Reverse sotto verso 0,8955 e 0,8940. Ger30 (Dax): azionario dunque molto volatile, ma fondamentalmente sostenuto e repentino nei recuperi delle perdite. Possibile nel breve un ritorno sulle aree di massimo a 9.690 punti, livello buono per stop in pari e per restare in posizione su possibili rotture verso 9.740. Indichiamo in 9.590 e 9.530 i livelli di supporto di riferimento su eventuali inversioni della tendenza. Oro (XauUsd): ottimi i livelli del metallo giallo. Grandi conferme sono infatti arrivate dal supporto a 1.306, precisissimo a far ripartire il prezzo verso l'altrettanto preciso 1.323 in un movimento che ha rotto la correzione dai punti di massimo a 1.330. Non ottimali, dal punto di vista del rapporto rischio/rendimento, gli attuali livelli a 1.318, nell'ambito di una ripresa possibile verso 1.323 con sguardo sui punti di massimo. Primi e poco ambiziosi short sono pensabili sotto 1.312 verso appunto 1.307 da cui valutare stop in pari e confidare in eventuali rotture al ribasso che sarebbero forti verso area 1.296 dollari l'oncia. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni