giovedì 08 dicembre | 17:11
pubblicato il 13/gen/2014 09:27

Cambi: Borse USA pronte a scendere? (analisi Fxcm)

(ASCA) - Roma, 13 gen 2014 - Dati sul mercato del lavoro americani deludenti e BCE che non ha cambiato di una virgola le proprie intenzioni. Questi i temi che chiudono la prima vera settimana di trading dell'anno e che lasciano aperte diverse strade interpretative sia sul fronte valutario, sia su quello dell'andamento delle borse. NFP deludenti ma tasso di disoccupazione al 6.7%. Oramai chi si affida al tasso di disoccupazione per valutare se un'economia sta fornendo o meno posti di lavoro alla popolazione sa di commettere un errore interpretativo dovuto al fatto che non si sta valutando la reale creazione di posti di lavoro in quanto si dipende dal tasso di partecipazione dei cittadini alla forza lavoro. Occorre infatti che le persone ricerchino attivamente lavoro al fine di rientrare nel calcolo del tasso e venerdi' abbiamo avuto l'ennesima diminuzione del tasso di partecipazione, passato da 63% a 62.8%, con il tasso ufficiale di disoccupazione che si e' avvicinato al 6.5% desiderato dalla Fed al fine di terminare completamente il QE, raggiungendo quota 6.7% da un precedente 7%. La creazione di nuove buste paga nel settore non agricolo e' rimasta in territorio positivo ma ha mostrato un ridimensionamento rispetto alle ultime rilevazioni. Siamo passati infatti da un dato rivisto a 241.000 unita' (da 203.000 comunicateci il mese scorso) e 74.000 nuovi posti di lavoro, il che e' positivo ma meno positivo di quanto ci si potesse attendere, con una media di 200.000 posti di lavoro al mese che diviene necessaria al fine di assistere a sostanziali miglioramenti della ripresa economica a stelle e strisce. Borse e dollaro: strade segnate?. Il dollaro americano ha reagito inizialmente andando a scendere contro tutto, a partire dalle major per finire con le materie prime, con le borse americane che hanno iniziato a perdere terreno. Dato bello o dato brutto per assistere ad una reazione del genere? Comanda il tasso di disoccupazione migliore nettamente delle attese, o i Non Farm Payrolls, chiaramente inferiori delle aspettative e dei dati precedenti? E poi, in che modo rientrano in questo quadro le attese sul taprering e dunque sulle mosse future della Fed? Per cercare di rispondere occorre dare uno sguardo a quanto successo dopo le prime reazioni, a partire dalle borse americane, che non hanno approfondito a ribasso ma che hanno tentato delle ripartenze, per poi stabilizzarsi all'interno di una congestione abbastanza ampia ma che si trova ben al di sopra dell'area passante per 1,815.00 per quanto riguarda lo S&P500, un forte supporto da curare con molta attenzione. A nostro parere il dato non e' buono e questo potrebbe influire sulle prossime decisioni della Federal Reserve che potrebbe decidere di stoppare la diminuzione degli acquisti o di procedere con dismissioni molto lievi (senza superare i 10 miliardi). Entrambi gli scenari lascerebbero nel sistema molta liquidita' che potrebbe supportare le borse e questo potrebbe portare a ripartenza verso nuovi massimi prima di pensare a discese strutturali. I prossimi giorni ci aiuteranno a capire come si convoglieranno i flussi di capitale, ma per ora questa ci sembra un'interpretazione plausibile. QUADRO TECNICO. EurUsd: la moneta unica sta congestionando all'interno di un rettangolo individuabile su un time frame orario e che puo' essere sfruttato con ordini oco per escursioni pari all'altezza della congestione. Occorre prestare attenzione pero' all'area di 1.3650 che potrebbe intervenire come supporto, l'idea dunque di non lavorare a ribasso su potenziali rotture potrebbe risultare valida. Qui infatti potrebbe essere il caso di pensare ad acquisti di euro tenendo conto ce un superamento a ribasso di area 1.3630 potrebbe portare a tentativi di discesa verso 1.3610 ed in estensione figura. In caso di ripartenza sara' importante capire come ci avvicineremo a a 1.3685 ed una rottura a rialzo di area 1.3695 potrebbe portare a tentativi di salita che potrebbero esaurirsi in ogni momento tra qui e 1.3715, livello che potrebbe essere importante per rotture definitive. UsdJpy: cambio da curare per eventuali retest della zona di resistenza data dalla media a 21 oraria e dai punti precedenti statici (tutta la zona tra 103.85 e 104.15 puo' essere considerata di resistenza). In caso di raggiungimento di questa zona, potrebbe esserci la possibilita' di valutare delle vendite di dollaro tenendo conto che un superamento rialzista di area 104 1/4 potrebbe lasciare spazio a ripartenze verso 104.50 e 65. In caso di tenuta delle resistenze, i primi target potrebbero essere posti sui minimi della notte (raggiunti con lo yen in rafforzamento sul Nikkei che scendeva) e se lo stocastico orario dovesse essere lontano dall'ipervenduto con i prezzi su questi punti l'idea che potrebbe avvenire un approfondimento oltre il livello potrebbe non essere cattiva. EurJpy: situazione simile al UsdJpy per EurJpy, dove si potrebbero attendere eventuali correzioni verso le resistenza, individuate con gli stessi criteri appena visti, prima di pensare a vendite di euro per arrivi sui target dati dai minimi della notte. 14210/35 la zona critica e sopra 142.45 potremmo assistere a giri a rialzo verso i massimi precedenti. GbpUsd: sterlina molto confusa dopo i movimenti di venerdi', dove abbiamo assistito ad una discesa sui brutti dati relativi alla produzione industriale e ad una risalita sui NFP (discesa di dollaro generale, come detto). Ora, sia su un orario sia su un 4 ore non ravvediamo possibilita' operative, dunque meglio attendere la formazione di qualche setup utile secondo i nostri metodi. Le aree di supporto che devono tenere per impedire alla potenziale divergenza ribassista a 4 ore di fare effetto in caso di formazione sono date da 1.6450, dove passano punti precedenti e dove passa la media a 4 ore. AudUsd: possibilita' di seguire una correzione sul dollaro australiano, con una divergenza ribassista oraria che potrebbe formarsi ma con la media a 21 ed i punti statici precedenti passanti intorno a 0.8985 che potrebbero fungere da supporto sul quale pensare ad acquisti di dollaro australiano con l'idea che un approfondimento sotto area 0.8965 potrebbe portare a tentativi di arrivo intorno a 0.8950 ed in estensione 0.8935 (con l'idea di rimanere a ribasso fino a che la divergenza, che a questo punto sarebbe confermata ed attiva, rimarra' valida) . Primi target in caso di tenuta dei supporti sui massimi della notte, con lo stesso ragionamento effettuato sullo stocastico di UsdJpy per pensare ad approfondimenti. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). . red/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni