domenica 04 dicembre | 15:57
pubblicato il 11/apr/2013 08:44

Cambi: borse americane, nuovi massimi assoluti (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 11 apr - Le protagoniste della giornata di ieri sono state senza dubbio le borse. Tutte, nessuna eccezione, con le borse americane che hanno visto il Dow Jones e lo Standard & Poor's 500 compiere nuovi massimi assoluti. La mancanza di pubblicazioni macroeconomiche ha aiutato nell'analisi del posizionamento dei flussi di capitale di breve periodo, che ci ha mostrato chiaramente come, in momenti di relativa calma, si vadano a cercare rendimenti andando a focalizzarsi di volta in volta su diversi asset, con le borse che in un quadro di propensione al rischio ricoprono il ruolo da protagoniste in maniera quasi totalitaria. Cos'e' cambiato da un anno fa, quando di fronte a situazioni del genere anche le valute a piu' alto rendimento rispetto al dollaro americano e le materie prime erano in grado di seguire movimenti del genere? Occorre effettuare una distinzione per rispondere. Per quanto riguarda il mercato valutario, i possibili cambiamenti di politica monetaria da parte di diverse banche centrali, con qualche istituto che si e' gia' mosso (pensiamo alla Banca Centrale del Giappone) e soprattutto con la Federal Reserve, ancora la timoniera dell'economia mondiale (fino a quando la PBoC le chiedera' di lavorare a turni, su questa grossa nave sulla quale siamo tutti imbarcati), che sta continuando a pensare all'uscita dal piano di Quantitative Easing, hanno aumentato l'incertezza sul valutario, che vede le major offrire rendimenti reali overnight spesso vicini allo zero. Ieri sono state pubblicate le minute della Fed, in largo anticipo rispetto all'orario usuale a causa di un errore umano (delle copie dei verbali erano state inviate per errore ad alcune persone del Congresso e pare anche ad alcuni sindacalisti e gruppi commerciali), dalle quali si evince una spaccatura all'interno del FOMC, il braccio di politica monetaria dell'istituto. Alcuni membri hanno infatti espresso l'opinione di rallentare gli acquisti di titoli di stato e di MBS, che procedono al ritmo di 85 miliardi al mese, verso meta' anno per poi eventualmente andare a concluderli entro la fine dell'anno, in quanto i rischi derivanti dal portare avanti queste iniezioni di dollaro americano potrebbero risultare piu' deleterie che benefiche. Un membro ha persino suggerito di iniziare da subito ad intraprendere questa strada. La maggioranza invece, ha deciso di continuare cosi', fino a quando i segni positivi che arrivano dal mercato del lavoro saranno piu' evidenti. Il mercato ha interpretato in maniera positiva questa divergenza di opinioni, considerando comunque che se alcuni membri del direttivo stanno optando per diminuire il QE, significa che le condizioni per farlo effettivamente, sembrano cominciare a palesarsi. L'economi a americana sta infatti mostrando leggeri segni di miglioramento, che potrebbero migliorare ulteriormente nel corso dell'anno. Un altro protagonista della giornata di ieri, che ci va a confermare appieno come non siano presenti correlazioni tra i diversi mercati ormai da qualche tempo, e' stato l'oro, non capace di salire insieme alle borse ma in forte discesa. Abbiamo ragionato diverse volte sul ruolo del metallo giallo, ci limitiamo a ricordare in questa sede che le attese di inflazione di medio periodo risultano ben ancorate sotto o verso i valori di equilibrio curati dalle maggiori banche centrali e che esso risulti sempre piu' slegato, almeno negli ultimi mesi, dalle logiche di domanda e offerta di sottostante fisico (continuiamo a curare l'area di 1,520.00 per ragionare su ulteriori evoluzioni ribassiste). EurUsd. Prove di rottura per l'euro ieri, con dei tentativi fermatisi poco prima del primo livello di potenziale arrivo a 1.3130 e con i supporti individuati in area 1.3050 che hanno tenuto nella notte. La volatilita' sul cambio risulta ridotta e si sta formando una congestione da continuare a seguire con le logiche viste ieri. Un superamento dei massimi potrebbe portare ad estensioni verso 1.3160, mentre un ritorno sotto 1.3040 (punti di massimo precedenti) potrebbe portare al test di 1.3030 (media mobile esponenziale oraria a 00 periodi), livello cruciale per assistere ad estensioni verso 1.3000/1.2975. UsdJpy. Ancora fase di consolidamento per il UsdJpy nei dintorni della media a 21 oraria. Il livello di supporto di 98.75, che ha tenuto ieri ed ha impedito che partissero correzioni verso 98.00 puo' essere aggiornato, nell'intraday, a 99.35, livello oltre il quale e' possibile assistere a aumenti di volatilita' verso il supporto principale, ma che se dovesse tenere potrebbe portare alla rottura di 100.00, da iniziare a considerare definitiva oltre 100.30. In caso di raggiungimento dei secondi supporti, potremmo trovarci di fronte alla possibilita' di raggiungimento dei massimi, e qui sara' importante seguire la price action per capire se li raggiungeremo o se ci fermeremo prima, il che potrebbe rappresentare un segnale di correzione. EurJpy. Ci troviamo ancora in consolidamento in consolidamento intorno a 130.00, livello che si e' tentato di rompere ieri e che ci ha restituito dei punti piu' precisi per valutare rotture definitive verso l'alto. Si tratta dell'area che passa intorno a 130.60, una ventina di punti in piu' rispetto a quanto stimato nei giorni scorsi e che, considerata la volatilita' del cross quando dovessero partire dei movimenti, ci sembra sensata. Un superamento di quest'area puo' portare al raggiungimento di nuove aree di massimo relative che vedono 131.20 come primo possibile target e 134.00 il prossimo livello cui prestare attenzione. In caso di discesa sotto 129.35 (ultimi minimi di consolidamento) e' possibile valutare accelerazioni verso l'area di 128.40, bellissimo punto statico che ha funzionato da resistenza e poi da supporto nei giorni scorsi. GbpUsd. Volatilita' ristretta anche per il cable, che si trovava in congestione tra 1.5315 e 1.5345 e che sul tentativo di rottura ribassista non e' riuscito a raggiungere l'area di 1.5280, fermandosi intorno a 1.5295. Continuiamo a valutare l'area di 1.5280, prima di pensare a rotture piu' consistenti che potrebbero spingersi verso 1.5250 (area di supporto molto importante commentata ad inizio settimana). Nel caso in cui dovesse avvenire la rottura a rialzo di 1.5345, l'ultimo punto da considerare come resistenza rimane 1.5365, che in caso di superamento anche di 1.5375 potrebbe lasciare spazio verso 1.5420 (dato da punti precedenti). AudUsd. L'australiano ci ha dato nuovamente prova di essere pronto a reagire ai dati macroeconomici, anche se il movimento di breve non si e' trasformato in una rottura definitiva a ribasso. E' stato infatti pubblicato il tasso di disoccupazione a 5.6%, superiore sia rispetta alle aspettative, sia rispetto al precedente, che si attestavano a 5.4%. Dopo aver retto sopra la media a 21 oraria e aver sfiorato i target di 1.0565 abbiamo avuto la correzione, fermatasi in una buona area di supporto data dai massimi precedenti sulla salita ed ora dovremo curare il livello di 1.0500 prima di pensare a rotture che comunque potrebbero essere contenute dall'area 1.04 3/4, dove passano punti precedenti e la media oraria a 100 periodi. Se dovessimo superare anche 1.0465, e' possibile valutare estensioni verso 1.0440. Su tutti i supporti e' possibile valutare acquisti di dollari australiani (con strategie di reverse a step) che se dovessero vedere i prezzi intorno ai massimi, potrebbero essere propedeutici a tentativi di rottura delle resistenze che possono portare tra 1.0580 e 1.0600. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari