domenica 04 dicembre | 16:07
pubblicato il 28/mag/2014 09:01

Cambi: Borse al top (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 28 mag 2014 - In un mercato valutario che fatica a mostrare volatilita' e che offre situazioni tecniche direzionali con il contagocce, le migliori opportunita' operative sono senza alcun dubbio ancora rappresentate dai listini azionari che ieri in alcuni casi hanno aggiornato i massimi storici ancora una volta smentendo coloro i quali, e sono numerosi, da tempo paventano il famoso punto di crollo strutturale dei prezzi. Degno di nota anche il sell off sull'oro che e' tornato su supporti di grande rilevanza.

Draghi e possibili spunti.

Esattamente come lunedi', ieri abbiamo avuto modo si ascoltare Mario Draghi, in audizione in Portogallo. In assenza di market mover di grande rilievo e' bene porre attenzione a tutti quegli spunti che porteranno poi alle comunicazioni che proverranno da Francoforte l'attesissimo 5 Giugno in occasione del meeting della Banca Centrale Europea. Ieri parlavamo della centralita' del tema inflazione, naturalmente ritenuta troppo bassa e prolungata al punto da rendere le aspettative sempre piu' ancorate al downside e tale da creare il contesto per quello che e' stato definito un ''asset buying plan'', un acquisto di titoli dunque. Dicevamo ancora come il timore per la pericolosa spirale di inflazione stagnante e di aspettative di inflazione al ribasso abbia dunque riportato in auge il tema del Quantitative Easing della BCE, tema discusso nel meeting di Aprile ma poi completamente dimenticato in quello di Maggio. Ieri invece lo speech del banchiere centrale e' stato rivolto in qualche modo al tema della disoccupazione e della crescita dell'economia all'interno dell'Eurozona; e' stato infatti dichiarato che il prossimo venerdi' sara' diffuso un documento congiunto di BCE e BoE sulle azioni da implementare per la revisione della normativa sugli ABS e la standardizzazione dei criteri, col fine chiaramente del rilancio del credito soprattutto alle piccole e medie imprese per la UE. Noi affermiamo da tempo che dal punto di vista di impatto sulle variabili economiche, fermo restando l'assunto per il quale la politica monetaria riesce ad essere efficace nelle situazioni di squilibri momentanei e non per dirimere problematiche strutturali del quadro economico, il QE sarebbe senz'altro la risposta piu' credibile ed efficace all'interno del contesto europeo, oltre che il veicolo per generare veri e propri indebolimenti del valore dell'euro. Le parole di Draghi di lunedi' non avevano suscitato alcuna reazione del prezzo dell'Eurodollaro quasi per via di aspettative che in qualche modo sono scontate dal mercato che comunque si attende un qualche tipo di interventismo da Francoforte questa volta. Ieri invece il cambio ha rivisitato i minimi a 1,3615 per poi riposizionarsi nella fascia mediana del range, ancora una volta in una sorta di attesa che andra' pero' analizzata in ottica di dicotomia accumulazione/distribuzione. Se fosse il primo il caso, saremmo in presenza di un lento ma sensato scaricamento dell'offerta che sta via via perdendo il suo eccesso a favore di un assorbimento dunque della crescente domanda sui punti di supporto con il preludio poi a buone risalite. Nel secondo caso, naturalmente si tratterebbe di una correzione che di fatto ricaricherebbe l'offerta per importanti rotture al ribasso. Dall'analisi comparata prezzi/volumi stiamo attendendo indicazioni piu' precise in questo senso e oggi potremo saperne sicuramente di piu', conservando l'attenzione ai punti di minimo ma privilegiando lo scenario di prosecuzione della congestione piu' che di breakout dei livelli statici.

Borse ancora ai massimi.

Ancora ieri abbiamo assistito a mercati azionari che in qualche modo sembrano invece continuare a vivere in maniera isolata. Se l'apertura settimanale estremamente positiva poteva essere in buona parte legata al risultato dell'elezioni europee, ieri i ritracciamenti sono stati pressoche' inesistenti a favore di nuovi acquisti e di aggiornamenti dei massimi storici. Tanto per citare due benchmark il Dax e' infatti arrivato a 9.950 punti mentre l'S&P500 addirittura a 1.913. Ancora ieri ribadivamo come le condizioni tali per cui i listini rimangano sostenuti sono ancora tutte presenti: liquidita' e tassi inesistenti non possono che essere ancora l'habitat naturale per i rialzi di Borsa. Approfondendo la lettura di questi movimenti va detto che stiamo assistendo ad acquisti sostenuti da volumi relativamente bassi, quindi suscettibili di possibili brusche inversioni che potranno arrivare in maniera importante quando vi saranno le scadenze ufficiali dei contratti sui derivati quotati, con le ampie prese di profitto dei compratori che gia' via via da questi giorni potranno articolarsi. Va detto ancora che dinamiche di questo tipo spesso inducono in nuovi massimi, perlopiu' concepiti come pulizia di stop, prima di eventuali e repentine ripartenze al ribasso con dunque tutti i rischi di andare a vendere grafici cosi' sostenuti. Piu' sensato, da un punto di vista squisitamente tecnico, appare ricercare eventuali punti di ritracciamento da sfruttare in scia long e con un'ottica perlopiu' intraday o, se non questo, un money management in ogni caso estremamente prudente soprattutto in accezione di protezione dello stop. QUADRO TECNICO.

EurUsd: naturalmente il grafico giornaliero mette in evidenza la cruciale area di supporto attorno a 1,3620 che e' il punto di transito della media mobile a 200 periodi. Ieri ne abbiamo avuto la riprova con il raggiungimento dei punti di minimo, toccati e poi allontanati con il prezzo che si e' posizionato nella mediana del range 1,3615/50. Il possibile swing dello stocastico ci suggerisce la potenzialita' di ripartenze al rialzo che ancora una volta vanno implementate pero' al superamento proprio di 1,3650 verso l'1,3690, con 1,3670 come step intermedio. In ottica intraday 1,3650 rappresenta ancora infatti un punto di vendita e di ottimo RR per la ripresa dei punti di minimo che, se violati, fino a 1,3575 non vedrebbero ostacoli significativi.

UsdJpy: ancora un segnale equivoco quello visto ieri sul cambio che nei giorni scorsi aveva invece lanciato importanti warning al rialzo. La candela daily di ieri e' abbastanza esemplificativa in tal senso, con tentativi di acquisto che non si sono spinti oltre il livello di 102,10. Il grafico a 4 ore evidenzia una divergenza ribassista tra prezzo ed oscillatore stocastico che in seconda battuta puo' essere tradata alla violazione al ribasso di 101,85, con aspettative su 101,60 e 101,35. Importante pero' e' proprio 101,85 che invece su orizzonte piu' di breve ci fornisce indicazioni rialziste, con il transito della media esponenziale a 100 periodi sul grafico orario il quale mostra anche una divergenza inversa rialzista per ripartenza verso 102,10.

102,35 naturalmente la resistenza chiave successiva.

EurJpy: assoluta lateralita' per il cross all'interno di meno di 40 pips. Ancora configurabile nell'accezione di correzione ribassista, e' percio' possibile attendere rotture sotto 138,80 per il vicino obiettivo a 138,55 per stop in pari e allunghi sui punti di minimo a 138,15. 139,15 il trigger point invece al rialzo, per il quale pero' e' bene attendere conferme di pullback dopo la rottura, verso l'area di 139,50. GbpUsd: buoni i movimenti visti ieri sul cable con la ripresa di 1,6875 prima delle buone vendite verso 1,6835 prima e 1,6805 e 1,6780 poi. Altrettanto importante poi l'allontanamento da questo punto di minimo per quella che ora e' la congestione notturna che fa base proprio a 1,6805 ed altezza fino a 1,6815, ancora da sfruttare in modalita' di breakout privilegiando dapprima lo scenario short, visto il grafico orario che ben evidenzia la resistenza dinamica rappresentata dalla media 21 sulla quale il prezzo e' perfettamente appoggiato. 1,6780 il primo target evidentemente.1,6765 per possibili estensioni. 1,6835 invece il primo target al rialzo seguito da 1,6850.

AudUsd: lateralita' anche per questo cambio che continua a confermare l'importanza del livello di 0,9275. Tecnicamente esso rappresenta un ottimo punto di vendita visto il rapporto rischio/rendimento per rivedere 0,9245, stop in pari e occhio ai punti di minimo in area 0,9210. Sensato il reverse sopra 0,9280 in direzione 0,9315.

Ger30 (Dax): come gia' detto, nuovi massimi per l'indice tedesco che ieri ci ha mostrato lievissimi ritracciamenti prima delle ripartenze importanti fino a 9.950 punti. Fatta salva la considerazione della prima parte nella quale mettiamo in guardia dalle ampie salite non altrettanto supportate dai volumi, diviene difficile un'operativita' a questi livelli se non pensata in ottica di acquisti in ritracciamento a partire da area 9.910/20 punti. Stop stretto ed invalidazione dello scenario long di breve sotto 9.890 punti in direzione 9.800.

XauUsd (Oro): violata significativamente la dinamica di congestione dell'oro delle ultime settimane con le forti discese che hanno messo in discussione il supporto a 1.268 dollari l'oncia, oltre che violato via via i vari 1.286 e 1.277. Proprio 1.269 appare un punto di potenziale ritracciamento e ripartenza verso area 1.255. Sopra 1.270 buoni i long in ricopertura dell'hidden gap almeno fino a 1.277/80.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione).www.fxcm.it.

red/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari