domenica 11 dicembre | 06:15
pubblicato il 09/mag/2014 09:18

Cambi: BCE immobile ed euro giu' dopo parole Draghi (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 9 mag 2014 - Come atteso il protagonista della giornata di ieri sui mercati finanziari e' stato l'euro in grado di mantenersi sostenuto durante la mattina di contrattazione e di mettere a segno nuovi massimi (contro il dollaro americano) per poi scendere in maniera copiosa durante la Conferenza Stampa che Mario Draghi ha tenuto a Bruxelles per comunicare le decisioni intraprese dal Governor Council della Banca Centrale Europea Draghi ed il tasso di cambio.

La premessa da compiere e' quella relativa al fatto che il corridoio dei tassi e' rimasto invariato; 0,0%, 0,25% e 0,75%. Ed era piuttosto prevedibile. Il prossimo mese l'istituto di Francoforte pubblichera' delle proiezioni sullo stato dell'economia dell'Eurozona e, come ha proferito ieri, se queste ultime dovessero rivelarsi ancora deludenti, la BCE agira' visto che questa volta non ci si e' nascosti su quella che e' una certa insofferenza per l'andamento dell'inflazione sebbene l'ultimo rialzo (dallo 0,5% allo 0,7%) sia stato in qualche modo enfatizzato come fatto positivo. Le aspettative di inflazione peraltro permangono fortemente ancorate al ribasso e lo stesso Draghi ha evidenziato come il calo di un punto e mezzo percentuale nell'arco di un anno sia considerevole, sebbene legato per l'80% al calo dei prezzi dell'energia e dell'alimentare (e al crollo dei consumi, no?). Ad ogni modo i riferimenti piu' importanti e gli spunti piu' interessanti che sono provenuti dalla Press Conference di ieri sono stati quelli sul tasso di cambio: lungi dall'introdurre il tema nello statement accompagnatorio, Draghi non ha potuto sottrarsi alle prevedibili e giustificate domande dei giornalisti circa il tasso di cambio che vede un euro troppo forte. Precisando naturalmente che lo stesso tasso di cambio non e' un ''policy target'' per la Banca Centrale Europea, ha pero' affermato, e piu' di una volta, che e' seria la preoccupazione circa l'andamento del cambio per gli effetti che ha sui prezzi e sull'andamento dell'economia; e' proprio l'eccessiva forza dell'euro a spiegare, anche se in misura minoritaria, il calo generalizzato dei prezzi che potrebbe dunque acuirsi in seguito ad un rallentamento della domanda globale legata proprio al cambio oltre che alle tensioni geopolitiche che si vivono in Ucraina. Su quest'ultimo punto, Draghi ha riferito come un peggioramento dell'attivita' economica in Russia, a causa anche dell'escalation di sanzioni internazionali, potrebbe portare dunque a ripercussioni sul fronte della domanda di quei paesi europei con i piu' consolidati rapporti commerciali con la Russia, oltre che ad un aumento di quelle materie prime importate proprio dall'est come il gas, che quindi inciderebbe sulla struttura dei consumi degli stessi paesi diminuendone ancora le cruciali aspettative sull'inflazione. Dunque l'euro.

Nell'ambito della retorica del mandato dietro il quale Draghi si trincera puntualmente quando c'e' da parlare di tasso di cambio ed euro - come se quest'ultimo non fosse l'elemento centrale dell'esistenza dell'Eurozona, unita sulla moneta ma disunita su tutto il resto - il banchiere centrale ha in quale modo lasciato intendere che il problema euro e' tenuto in considerazione, eccome. Egli sa benissimo che un euro troppo forte sta gia' avendo e potra' avere ulteriori ripercussioni sullo stesso mantra della BCE, e cioe' sull'inflazione. Non andiamo distanti dalla realta' se crediamo che l'inflazione bassa, o processo di disinflazione, o deflazione parziale (visti alcuni paesi), non si spieghi esattamente con un rapporto 80 e 20 attribuiti rispettivamente al calo dei prezzi delle materie prime e dell'alimentare e alla forza del tasso di cambio. Se banalmente guardiamo il prezzo del petrolio, prendendolo come benchmark, e ne osserviamo l'andamento dell'ultimo anno, non ravvisiamo questo famoso calo ieri piu' volte ribadito. Se nel contempo apriamo un grafico dell'eurodollaro e ne analizziamo sommariamente la tendenza, dopo un secondo ci rendiamo conto che e' da oltre due anni che quest'ultimo sale ininterrottamente. Dissentiamo, e non poco, da Mario Draghi, il quale pero' e' sembrato in qualche modo motivato ad agire per evitare che l'euro giochi il ruolo da gigante che finora ha interpretato, ma che non e' nelle condizioni di farlo. Il movimento visto ieri sull'eurodollaro e' stato tecnico nel suo sviluppo, nel momento in cui gli acquisti hanno raggiunto quasi l'1,40 e hanno di fatto soddisfatto la restante domanda (oltre che colpito gli stop dei ribassisti di prima istanza e poi quelli dei rialzisti), per poi farci vedere uno schiacciante dominio dell'offerta ed il conseguente calo di oltre una figura fino ad area 1,3850. Ma puo' essere stato significativo in ottica di apristrada verso futuri ed importanti ribassi nel momento in cui il mercato percepisse davvero che la questione euro e' discussa nei salotti di Francoforte e che quindi le prossime decisioni impatteranno per deprimerne il valore. Bank of England e dati odierni.

Per dovere di cronaca, va detto che la Bank of England ha ieri confermato il tasso di riferimento allo 0,5% e il Quantitative Easing totale a 375 miliardi di sterline. Cio' era naturalmente piu' che scontato dal mercato con la sterlina che non ha mostrato alcun segno di volatilita', che potrebbe pero' tornare in auge oggi con la pubblicazione dei dati sulla Produzione Manifatturiera ed Industriale del Regno Unito. Il quadro tecnico del cable appare ideale per potenti ripartenze verso e sopra i massimi se le release dovessero andare in questo senso. L'altro focus della giornata e' invece da porre sul Canada e sulla pubblicazione dei dati sul lavoro nel paese. Anche in questo caso il cambio UsdCad, che ieri ha fatto vedere importanti breakout ribassisti, si trova su punti di minimo delicati con dei possibili e tecnici approfondimenti verso l'area di 1,0750 se i dati dovessero premiare il dollaro canadese.

EurUsd. Come dunque accennato nella prima parte, il movimento dell'eurodollaro ha messo in evidenza una dinamica di scaricamento della domanda residua sul cambio, con conseguente presa di stop dei ribassisti di prima istanza e poi un'ondata di offerta che ha poi si e' alimentata degli stop dei rialzisti e di chi ha incominciato a vendere in maniera importante, pur in maniera tecnica se si osservano i supporti statici che hanno ceduto; 1,3930, 1,3905, 1,3885, 1,3865. Il segnale fornito e' stato piuttosto forte in senso ribassista e ora, l'ulteriore rottura sotto 1,3850, puo' portare ad estensioni verso area 1,3810 che precede solo quella a 1,3775/90 che e' stata lo snodo cruciale nel piu' recente passato del cambio. L'ottica di correzione e ripartenza down e' dunque quella piu' verosimile ed invalidabile se gli acquisti dovessero riportare il cambio sopra 3850 e 3865, verso quelli che erano i supporti precedenti. UsdJpy. Continua la sostanziale calma piatta sul cambio ed assenza di spunti direzionali. Il movimento tecnico che osservavamo ieri, con la buona divergenza regolare rialzista tra prezzo ed oscillatore stocastico che si e' sviluppata al suo primo stage, andando cioe' ad arrestarsi sulla confluenza grafica rappresentata dal livello statico e dalla media mobile a 21 periodi in area 102, ha trovato poi conferme nel momento in cui il prezzo e' andato a riprendere i minimi a 101,45. Possibili dunque nuovi test ora di area 101,70 per ripartenze discesiste anche in rottura dei minimi verso 101,30 e 101,20. Piu' difficile invece ricercare un buon rapporto rischio/rendimento al rialzo nel momento in cui i veri strappi si avrebbero sopra 102. Se l'area dei minimi dovesse tenere, allora solo li' potremmo pensare a nuovi acquisti.

EurJpy. Il difetto di direzionalita' per il cross, sempre attraversato da movimenti contrari e non sincronizzati tra i due cambi originali, ha in qualche modo trovato risoluzione nelle copiose vendite di euro viste ieri. Qui il movimento al ribasso ha portato ad escursioni di quasi 200 pips, in rottura dei vari supporti, come quello importantissimo a 141.

Il livello di supporto a 140,10/25 sembra percio' poter essere attrattivo per il prezzo, prima di possibili dinamiche di ritracciamento verso 140,55 e 141. Se l'affondo non dovesse invece essere cosi' importante, sopra 140,85 e ancor meglio sopra 141 sono implementabili dei long in direzione 141,40.

GbpUsd. Correzione in atto ed ancora presente sul cable che, esattamente come ieri, ci mostra un'importante area di supporto a 1,6930 che ancora sembra fornirci buone conferme in senso di ripartenza rialzista. Appare cruciale il tempo per ripartenze up verso 1,6970 ed 1,70 e le release delle 10.30 potrebbero dunque favorire tale scenario. Ritorni sotto 1,6930 girerebbero il quadro di breve, nel momento in cui potremmo riguardare in vendita l'1,69 e l'1,6860. AudUsd. Ribadiamo come sempre la figura di riferimento rappresentata dal preciso canale rialzista dai minimi di gennaio, attraversato dal canale ribassista invece iniziato il 10 aprile. Le rotture al rialzo di 0,9315 sono state precise lo scorso martedi' cosi' come i pullback visti mercoledi' proprio in quell'area e le potenti ripartenze di ieri che sono ben arrivate al target di 0,9385 che descrivevamo. Come altrettanto auspicato, il via poi alle vendite sulla divergenza regolare ribassista del grafico a 4 ore che pero' potrebbe arrestarsi a 0,9340 per permettere risalite verso nuovi massimi a 0,9425. Operazioni short invece possono essere contemplate sotto 9340 verso 9315 ma in maniera veloce, o piu' significativa sotto quest'ultimo livello verso 0,9250.

Ger30 (Dax). Continua il su e' giu' dell'indice tedesco che pero' continua a fornirci grande precisione nei livelli tecnici. Perfetto infatti il rimbalzo a 9.490 e la successiva rottura con pullback di 9.555 verso il target di 9.620 e poi le nuove vendite arrestatesi proprio a 9.555. Da qui potrebbero ripartire gli acquisti ancora una volta verso 9.620 punti, salvo poi potersi nuovamente riscaricare verso i supporti. Cedimento sotto 9.555 potrebbero dunque portarci a nuove vendite con il consueto target.

XauUsd (Oro). Dopo il violento il ribasso dell'oro che dopo aver fallito rotture rialziste sopra 1.316, ha poi violato al ribasso area 1.307 e che tecnicamente ha ripreso i livelli di 1.301, 1.296 fino ad area 1.286, siamo dunque entrati in lateralita' proprio tra quest'ultimo livello e il 1.292.

Possibili gli acquisti subito sopra verso 1.296 che appare pero' un livello di maggiore conferma per comprare verso 1.302. Sotto 1.286 sensate le vendite anche in modalita' stop entry.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). www.fxcm.it.

red/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina