martedì 21 febbraio | 13:22
pubblicato il 09/lug/2013 18:15

Cambi: bassa volatilita' con due eccezioni (analisi FXCM)

(ASCA-FXCM) - Roma, 9 lug - Volatilita' molto contenuta anche nella giornata di oggi, con due grandi eccezioni. La prima quella rappresentata dall'Eurodollaro, che dapprima ha testato 1,29 per poi progressivamente rompere i supporti che lo separavano dai minimi relativi a 1,28 che e' stato rotto e che ha condotto il cambio fino ai livelli in area 1,2770. Le parole di Asmussen della BCE circa la possibilita' che questi livelli di tassi si manteranno per un periodo maggiore di 12 mesi, insieme alle stime riviste al ribasso da parte del FMI circa la crescita dell'Eurozona (-0,6%) hanno contribuito al cedimento della moneta unica all'interno di un contesto tecnico di congestione sulla maggioranza dei cambi. La seconda eccezione e' fornita dal cable, sceso sui minimi dopo i pessimi dati su Produzione Industriale e Manifatturiera.

Possibili i rimbalzi di breve per entrambe le coppie di valute, in attesa di incrementi sostanziali di volatilita'.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia