domenica 11 dicembre | 12:50
pubblicato il 09/mag/2013 08:47

Cambi: alla faccia della crisi! (analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) - Roma, 9 mag - Eh si', guardando i grafici degli azionari mondiali sembra proprio che la crisi non ci sia e che non debba essere scontata nei prezzi. Ieri abbiamo infatti avuto nuovi massimi assoluti su S&P500, Dow Jones e Dax, con la altre borse che hanno raggiunto massimi relativi, mostrando cosi' come l'appetito per il rischio si stia concentrando soprattutto verso la ricerca di rendimenti legati a quello che dovrebbe rappresentare l'andamento reale delle aziende quotate, ma che assomiglia sempre di piu' a un qualcosa che si muove a rialzo grazie alla grande quantita' di moneta che si sta mettendo in circolazione. Il detto, seguito alla lettera da qualcuno, che recita ''Sell in May and go away'' per il momento non e' stato verificato, e se continuiamo cosi' e' possibile che si debba attendere ancora prima di vedere correzioni significative. I supporti principali da seguire risultano essere il fatidico 1,600.0 per lo S&P500, livello sul quale passano la media mobile a 21 periodi giornaliera ed i punti statici di resistenza precedenti, l'area compresa tra 14,820 e 14,870 per il Dow Jones (stessi riferimenti tecnici del cugino appena visto) e un'ampia area che si sviluppa tra 7,870 e 8,070 per il Dax. Fino a quando questi livelli non verranno oltrepassati, possiamo attenderci scenari che vanno dalla lateralita' di accumulo/distribuzione sui massimi a nuovi tentativi di rotture rialziste, che fino a quando le politiche monetarie rimarranno in essere secondo quanto visto fin'ora, sono tutt'altro da escludere. Il fatto che i rendimenti degli obbligazionari stiano scendendo ci testimonia come gli investitori stiano, piano piano, spostando i propri centri valutativi verso il rischio (anche se gli spread tra Paesi periferici e Paesi core dell'area euro rendono comunque interessanti degli investimenti sui rendimenti maggiori, soprattutto sul breve periodo). Sul fronte valutario non possiamo non notare l'ennesima prova di forza della moneta unica europea, che si e' dimostrata ancora correlata al movimento della sterlina. Dopo dei tentativi di discesa sulle resistenze viste in mattinata abbiamo assistito infatti ad una rapida risalita, in grado di pulire tutti gli ordini di stop loss posizionati sopra i massimi relativi di periodo e di andare a sfiorare quota 1.3200, pur essendo stati tagliati i tassi di interesse e pur costando (in termini di rollover) mantenere posizione lunghe sull'EurUsd in overnight. Un'ultima nota sul dollaro australiano, prima di passare ai livelli tecnici, in quanto questa notte ha dato ulteriore prova di come esso sia pronto a muoversi e reagire (soprattutto nel breve periodo) a notizie e dati macroeconomici. La pubblicazione del tasso di disoccupazione inferiore sia rispetto al precedente che alla attese (entrambi a 5.6%), al livello di 5.5%, ha portato a forti acquisti di Aussie, in grado di guadagnare terreno fino ad essersi riportato sopra le resistenze che stavamo curando. Anche il CPI dalle Cina, rilasciato a 2.4% (contro attese di 2.3% ed un precedente 2.1%) ha aiutato il movimento, in quanto la Cina, per il momento, ha visto una frenata nella discesa dei prezzi, buon segnale per la crescita sostenibile che sta cercando. EurUsd. La rottura di 1.3140 ha fatto raggiungere a step i livelli di target ipotizzati in caso di rottura (1.3160, 1.3175 in estensione, oltre il quale valutare approfondimenti verso 1.3190) Ora stiamo consolidando all'interno di una figura a triangolo con base statica e sopra la media mobile a 21 periodi oraria, che potrebbe fungere da supporto dinamico. Ci troviamo comunque di fronte ad una congestione creatasi nella notte tra 1.3150 e 1.3170, che potrebbe essere sfruttata dai trader di breve per prendere accelerazioni da una parte o dall'altra, che possono estendersi per una strada pari all'altezza della stessa. In caso dunque di rottura ribassista, occorre considerare il fatto che il mercato possa avvicinarsi a quel 1.3140 studiato ieri, senza che le rotture diventino definitive. Un movimento del genere farebbe arrivare i prezzi sulla parte bassa del possibile canale di correzione a bandiera, passante sopra la media a 100 e qui si potrebbero palesare buone opportunita' di acquisto di euro, per tornare verso i massimi (tenendo conto che un ritorno sotto 1.3110 (punti precedenti e media a 100 oraria) potrebbe spingere verso 1.3065. In caso di rottura rialzista e' possibile invece attendersi il tentativo di raggiungimento dell'area di 1.3190, dove si comincera' a valutare potenziali rotture rialziste verso l'ultimo confine di 1.3250 (in questo caso, attenzione a potenziali divergenze ribassiste in formazione). UsdJpy. L'area passante tra 98.50 e 98.75 si e' rivelata di grande importanza dal punto di vista del contenimento dei tentativi di discesa del UsdJpy. Siamo ancora all'interno del canale ribassista, ben individuabile su un grafico orario, ed il fatto che i prezzi non riescano a formare nuovi minimi ci sta dando un'indicazione di come il momentum della correzione stia svanendo. Quest'idea verra' meno soltanto in caso di superamento ribassista di 98.60, che potrebbe portare a visitare la parte bassa del canale, passante per 98.40 e coincidente con l'ultimo spike significativo prima della congestione di inizio maggio, che ha poi portato alla salita fino a 99.50. In caso di tenuta dei supporti di breve invece e' possibile attendersi il raggiungimento dell'area di resistenza che passa tra 99.15 e 99.25, che se superata puo' aprire le strade verso 99.30/40. EurJpy Lateralita' sul cross, che ha trovato un'ottima resistenza a 130.40 e dei buoni supporti passanti per 129.70. Un superamento ribassista di questi, non dovrebbe produrre discese sotto 129.50 (estendibile fino a 35), livelli dove e' possibile ipotizzare acquisti di euro. Se rotto l'ultimo livello indicato, si potrebbe assistere invece al tentativo di rottura ribassista degli ultimi minimi passanti per 129.00. Un superamento rialzista di 130.15 potrebbe portare a tentativi di rottura delle resistenze, che fino a quando non supereranno i massimi precedenti in area 70, non saranno da considerare come definitive. GbpUsd. Situazione simile a quella dell'euro sulla sterlina, con la EMA21 oraria che sta funzionando da supporto dinamico e con 1.5550 che rappresenta la prima resistenza sulla quale cercare eventuali rotture. La congestione della notte puo' essere lavorata con ordini OCO ed i livelli da tenere in considerazione per eventuali accelerazioni di volatilita' possono essere rappresentati da 1.5570 a rialzo e da 1.5515 a ribasso (fino a quando siamo sopra questo, si possono considerare acquisti di pound). AudUsd. Buoni i livelli visti sul dollaro australiano ieri, ed ora ci troviamo tra 1.0220 e 1.0250. Questi possono essere sfruttati per lavorare sulle rotture (con proiezioni pari all'altezza della congestione) con l'area di 1.0200 buon supporto e 1.0270 primo punto di resistenza. (Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita' per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento e' soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e' previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilita' per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacita' di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non e' destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione). red/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina