domenica 04 dicembre | 13:11
pubblicato il 11/dic/2015 18:39

Calo petrolio zavorra Borse europee, in attesa Fed. Milano -1,8%

Parigi -1,74%, ancor più pesante Francoforte (-2,4%)

Calo petrolio zavorra Borse europee, in attesa Fed. Milano -1,8%

Milano, 11 dic. (askanews) - Chiusura di settimana all'insegna delle forti vendite per le Borse europee, zavorrate dal prezzo del petrolio che continua a sprofondare, con il Brent ai minimi da 7 anni, mentre si avvicina la fatidica riunione della Fed che la prossima settimana potrebbe alzare i tassi di interesse. A Milano l'indice principale Ftse Mib ha perso l'1,84% a 21.015 punti, mentre nel corso della seduta era arrivato anche a scendere sotto la soglia dei 21mila. Parigi ha lasciato sul terreno l'1,74%, Francoforte il 2,4%.

Tra le blue chip di Piazza Affari tonfo per i titoli dei risparmio gestito e delle banche, risentendo negativamente del clima di sfiducia nel settore dopo le cronache seguite al decreto salva-banche. Maglia nera a Anima (-6%), che oggi ha anche diffuso i dati relativi alla raccolta di novembre, Bper (-3,78%), Mps (-3,53%) e Azimut (-3,41%).

Sul mercato obbligazionario ha chiuso in lieve rialzo a 99 punti lo spread tra Btp e Bund decennali mentre sul fronte valutario l'euro è rimasta sempre ben sopra 1,09 dollari, arrivando a sfiorare quota 1,10.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari