sabato 21 gennaio | 20:47
pubblicato il 10/ago/2011 18:51

Cala l'occupazione dei giovani, al Nord va peggio che al Sud

Indagine Datagiovani: nel 2010 persi 427mila posti di lavoro

Cala l'occupazione dei giovani, al Nord va peggio che al Sud

Il mercato del lavoro in Italia resta bloccato e nel 2010 427mila giovani hanno perso il loro posto di lavoro, in pratica uno su cinque. La notizia, purtroppo, non sorprende in questi tempi di grave crisi, ma un elemento inedito c'è: infatti le regioni del Sud Italia hanno reagito meglio alle dinamiche di involuzione rispetto a quelle del Centro-Nord, creando più posti di lavoro rispetto alla media nazionale e con una minore probabilità di perderli nel corso di un anno. Ma lo scenario complessivo è depresso e, mentre a Settentrione qualcosa sembra lentamente rimettersi in moto, nel Sud tutto rimane fermo, con punte di difficoltà in Sicilia e Puglia, che nel 2009 avevano fatto molto meglio. E l'Italia, ancora un volta ci fa pensare che il nostro non sia un paese per giovani.

Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4