venerdì 20 gennaio | 15:57
pubblicato il 10/gen/2015 12:53

Caf, Isee non ancora pronto, a rischio asili e rette università

Unimpresa rappresenta 900 Caf in tutta Italia, manca convenzione

Roma, 10 gen. (askanews) - Iscrizione agli asili nido comunali, agevolazioni per gli affitti, sconti sulle bollette delle utenze domestiche, rateizzazione delle cartelle esattoriali e definizione delle rette universitarie. Sono alcuni dei servizi a rischio poiché il nuovo modello dell'Indicatore della situazione economica equivalente non è ancora pronto. A rallentare la corsa del nuovo "riccometro", denuncia Unimpresa, è la convenzione, non ancora stipulata, fra i Centri di assistenza fiscale e l'Inps.

Unimpresa, cui aderiscono 900 Caf sparsi su tutto il territorio nazionale, ricorda che il nuovo Isee sarebbe dovuto partire già dall'1 gennaio. Tuttavia, i Caf non possono emettere i nuovi modelli poiché va aggiornato l'accordo con l'Inps necessario a definire la remunerazione di questo servizio erogato ai cittadini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"