venerdì 20 gennaio | 15:50
pubblicato il 10/nov/2014 17:11

Busso: focus su ristrutturazioni, agenti come consulenti-casa

Ad Gabetti intervistato da Il Ghirlandaio.com

Busso: focus su ristrutturazioni, agenti come consulenti-casa

Roma, 10 nov. (askanews) - "Sì, probabilmente il peggio è passato ma la ripresa sarà lenta e, almeno per uno o due anni, sarà un mercato fatto soprattutto da ristrutturazioni". Le previsioni sono di Roberto Busso, architetto, una esperienza ventennale nel real estate, nominato nei mesi scorsi amministratore delegato della Gabetti, intervistato da IlGhirlandaio.com. "L'Italia - rileva - non è come gli Stati Uniti e l'Inghilterra, Paesi in cui dopo le grandi crisi immobiliari scattano le grandi rimonte dei prezzi e, in tempi ridotti, i valori rimbalzano ai valori di prima. Tutt'altro. Non è mai stato così e non accadrà ora. Non ci saranno sorprese. La situazione è in costante ma lento miglioramento, senza possibilità di accelerazioni. Meglio prenderne atto e attrezzarsi al meglio".

Gabetti, per esempio, lo sta facendo nel campo delle "ristrutturazioni, che sono diventate un segmento ricco di opportunità" in Italia dove "l'anno scorso gli investimenti in manutenzione straordinaria di abitazioni hanno superato i 48 miliardi di euro, contro meno di 70 miliardi di turnover derivanti dalle transazioni immobiliari residenziali", spiega. "La riqualificazione - aggiunge Busso facendo il punto della situazione nel Paese - rappresenta ormai circa il 40% degli investimenti in costruzioni e negli ultimi anni è stato l'unico comparto del settore a mostrare una tenuta dei livelli produttivi. Sono numeri significativi, che danno la misura del peso conquistato dalle attività di ristrutturazione edilizia. E' chiaro che questi numeri significano occasioni d'affari importanti, soprattutto in tempi come questi, molto avari di soddisfazioni".

Momento positivo anche per i mutui che sono più facili da ottenere, secondo Busso perché si tratta "di somme inferiori. Poi le banche li concedono con meno problemi perché sono pienamente garantite dal valore dell'immobile". In sintesi attualmente ci sono "meno compravendite e pochi immobili di nuova costruzione, compensati da un numero elevato di ristrutturazioni, con costi ragionevoli e mutui sostenibili. Forse non è il massimo ma, considerando la situazione attuale, è una compensazione d'impatto non trascurabile", spiega. Situazione che si proietterà anche nel 2015 visto che "non ci sono le condizioni che permettano d'immaginare accelerazioni improvvise del mercato delle compravendite immobiliari", sottolinea. In questo scenario Gabetti sta puntando a "trasformare gli agenti in consulenti immobiliari, sempre attivi nel ruolo tradizionale ma pronti a diventare un punto di riferimento per le ristrutturazioni, dopo l'acquisto della casa ma anche per le case di proprietà. Una partnership internazionale ci permetterà - conclude - di aumentare la qualità dei servizi offerti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"