lunedì 05 dicembre | 01:43
pubblicato il 17/giu/2016 12:32

Brexit, sterlina e Borse proseguono i recuperi, Milano +2,63%

Operatori valutano se omicidio Cox possa togliere voti Brexit

Brexit, sterlina e Borse proseguono i recuperi, Milano +2,63%

Roma, 17 giu. (askanews) - Borse in risalita e sterlina in parziale recupero sul mercato dei cambi, mentre da ieri l'allarmismo che dominava sui mercati sembra essersi smorzato. Nelle sale di trading è circolata la valutazione sulla possibilità che il brutale assassinio di Jo Cox, giovane parlamentare laburista e attivista per la permanenza nell'Unione europea, possa sottrarre voti al fronte della Brexit. A metà seduta la sterlina sale a 1,2665 euro, da un minimo di 1,2532 ieri, e al tempo stesso recupera a 1,4248 dollari da 1,4016.

A Milano il Ftse-Mib balza del 2,63 per cento, dopo esser stato tra gli indici più colpiti dalle vendite legate allo spettro Brexit. Parigi segna più 1,15 per cento, Francoforte più 1,27 per cento, Londra più 1,25 per cento. Anche l'euro recupera leggermente a 1,1256 dollari, mentre il petrolio Brent si riporta sopra quota 48 dollari al barile.

"Certamente - ha commentato Alan Ruskin, analista di Deutsche Bank - la gente parla della possibilità che (l'omicidio della Cox) influenzi il voto sulla Brexit a favore della permanenza nell'Ue. Ci sta una reazione emotiva. La questione viene inquadrata come parte della vicenda".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari