sabato 03 dicembre | 22:57
pubblicato il 06/lug/2016 17:49

Brexit, crisi fondi immobiliari affossa sterlina, Londra -1,25%

Un quarto fondo blocca ritiro quote a investitori al dettaglio

Brexit, crisi fondi immobiliari affossa sterlina, Londra -1,25%

Roma, 6 lug. (askanews) - La sterlina resta indebolita, a 1,2908 dollari in serata dopo lo scivolone che nel corso della notte l'ha vita crollare a nuovi minimi da oltre 31 anni a questa parte. Il British pound ha toccato un minimo a 1,2788, a fronte di 1,30-1,31 attorno a cui fluttuava ieri in serata.

Nel frattempo, dopo i cali di ieri alla Borsa di Londra l'indice Ftse 100 ha chiuso nuovamente in rosso, con un peggioramento sul finale al meno 1,16 per cento.

Ad innescare quest'ultimo scivolone successivo al voto Brexit sembrano esser stati i segnali allarmanti che giungono da un settore molto delicato della finanza britannica: i fondi immobiliari. Sono già quattro i maggiori player del settore, Aviva, Standard Life, M&G Investment e Henderson Global Investors hanno bloccato la possibilità di ritirare le proprie quote agli investitori al dettaglio, mentre si teme che sul comparto si scateni una corsa agli sportelli i cui esiti sarebbero imprevedibili.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari