domenica 19 febbraio | 13:44
pubblicato il 23/giu/2016 17:48

Brexit, Borsa Londra chiude accelerando a +1,23%, sterlina risale

Dopo volatilità a metà pomeriggio con fatti cronaca Germania

Brexit, Borsa Londra chiude accelerando a +1,23%, sterlina risale

Roma, 23 giu. (askanews) - Chiusura in discreto rialzo con accelerazione sul finale alla Borsa di Londra, nel giorno del cruciale referendum sulla permanenza nell'Unione europea. Il Ftse ha siglato gli scambi con un più 1,23 per cento, e con undeciso miglioramento nell'ultima fase delle contrattazioni.

Stessa dinamica per la sterlina, che in mattinata era salita ai massimi da inizio anno sul dollaro, con un picco a 1,4947, ma successivamente aveva visto smorzare la dinamica mentre giungevano le notizie sull'uomo armato asserragliato in un cinema in Germania.

Con terrorismo e immigrati tra gli argomenti più utilizzati dai fautori della Brexit, la vicenda sembrava aver portato una certa volatilità supplementare sui mercati, in una seduta inevitabilmente nervosa. La sterlina ha iniziato ad ondeggiare con incursioni in territorio negativo e la Borsa londinese ha smorzato i rialzi fino a meno dello 0,30 per cento.

Successivamente le autorità tedesche hanno (rapidamente) sentenziato che l'autore del gesto era un semplice squilibrato e Borsa e sterlina sono tornate a rafforzarsi. Nel tardo pomeriggio il British pound si attesta a 1,4816 dollari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia